Ho lasciato la mia ragazza perché ho avuto paura di creare una famiglia con lei

Inviata da Gregorio · 8 dic 2017 Terapia di coppia

Salve
Mi chiamo Gregorio, ho 35 anni e l'anno scorso ho rincontrato una ragazza che avevo conosciuto circa 10 anni prima e che avevo perso di vista. Abbiamo iniziato ad uscire insieme e dopo qualche mese ci siamo messi insieme. Inizialmente era tutto molto bello (anche se qualche incomprensione c'è stata) quasi magico anche dal punto di vista sessuale, anche perché condividevamo le nostre passioni comuni. Tra l'altro io ero entrato nella sua famiglia che mi voleva molto bene.
Prima che ci mettessimo insieme, mi ha confidato di essere andata a letto per un bel po' di tempo con il migliore amico del suo ex che per lei era diventato un amico ma di cui non era innamorata (questo però dopo che il suo ex la aveva lasciata) cosa che è andata avanti per un po' anche tra una storia e l'altra che lei ha avuto con altri ragazzi. Io da subito le dissi che questa cosa non la concepivo o meglio non la capivo, però cercai di non darle troppo peso e a non pensarci. Di questa storia non ne abbiamo mai parlato più di tanto perché ogni volta che veniva fuori il discorso perché magari si sentivano oppure perché lui veniva a trovarla nella città dove stavamo, partivano i malumori principalmente da parte mia. Inoltre lei mi raccontava di continuo delle sue storie passate ed io un po' soffrivo questa cosa perché ero molto innamorato e poi perché avevo avuto una sola storia durata 7 anni.
Lei mi diceva di stare tranquillo perché era innamorata di me e con me sarebbe voluta andare a convivere, ma io con il passare del tempo ho iniziato a non riconoscerla più come la mia ragazza e a non fidarmi di lei come prima, la convivenza con lei mi spaventava tantissimo ed anche il pensiero di poter avere un figlio con lei. Non riuscivo ad immaginarla come la madre dei miei figli Inoltre lei aveva un carattere molto più forte del mio ed io un po' soffrivo questa cosa. Tutto ciò in un periodo di forte crisi collegata al lavoro che facevo all'epoca ed alla lontananza dalla mia famiglia di origine.
Tutta la storia è durata circa 9 mesi fino a quando preso da un senso di oppressione dalle sue continue richieste di convivenza, e da un senso di insicurezza l'ho lasciata dicendole che non sentivo più quello che sentivo prima.
Ad oggi però anche se sono passati quasi 6 mesi da quando l'ho lasciata, non riesco quasi a farmene una ragione pensando di continuo che lei era la persona giusta per me e non riesco a pensarmi con nessun'altra ragazza, anche se non so cosa provi effettivamente per lei.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 9 DIC 2017

Gentile Gregorio,,
se non se l'è sentita di impegnarsi ed andare a convivere con quella ragazza non è certo da condannare per questo.
E' probabile però che lei abbia delle insicurezze personali e che non sia riuscito ad accettare le precedenti esperienze sentimentali della ragazza che comunque poteva evitare di raccontare di continuo le sue storie passate anche perchè non era indispensabile come non era opportuno fare pressioni per la convivenza sapendo che lei non si sentiva ancora pronto per questo passo.
Sulla base di ciò non può essere certo che quella ragazza era giusta per lei solo perchè al momento è single mentre può essere certo che per migliorare il senso di insicurezza e l'autostima le gioverebbe un percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6976 Risposte

19370 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 DIC 2017

Gentile Gregorio,
chiudere una relazione è sempre un passaggio doloroso che dobbiamo metabolizzare con il tempo, racconta di una relazione finita a causa sua ma credo che qualcosa non abbia funzionato sul piano della fiducia che deve essere reciproca. Mi piace la sua riflessione sul finale, rispetto a cosa questa relazione rappresentasse per lei.
E' una buon presupposto per cercare introspettivamente risposte per il suo futuro relazionale.

HUMAN CARE per il singolo e la famiglia Psicologo a Vasto

25 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 DIC 2017

Caro Gregorio,
La sua e' una storia molto comune: le proprie paure, insicurezze, debolezze prendono il sopravvento e allora si fugge anziché affrontare la vita, i suoi rischi, ma soprattutto le possibilità che ci offre. È evidente però che i dubbi che ancora l'attanagliano non possono essere superati con un atto di volonta', ma che lei ha bisogno di un supporto psicologico, che la porti alla consapevolezza di come a volte le proprie difese diventano delle trappole, e di come si possa uscirne...
Le consiglio quindi di non rinunciare a vivere, ma di cominciare a guardare in faccia le difficolta' e di affrontarle.
Cordialmente
Dr.ssa M. Sara Sanavio

Dr.ssa M.Sara Sanavìo Psicologo a Perugia

226 Risposte

97 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 DIC 2017

Gentile Gregorio,
Mi sembra che lei non sia riuscito ad accettare il passato sentimentale della propria ex ragazza. La situazione è progressivamente deteriorata, lei percepiva sentimenti diversi rispetto all'inizio della relazione. Attualmente è ancora una ferita aperta. Continua a pensare a lei, non riesce a superare la perdita.
Che cosa desidera veramente? Se la relazione non ha funzionato crede che ora sarebbe diverso? Come potrebbe superare la gelosia e la possessivita'?
Se fosse possibile, potrebbe richiedere una consultazione psicologica per migliorare la propria capacità relazionale.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2641 Risposte

2199 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 DIC 2017

Caro Gregorio,
le relazioni sono sempre molto complesse e la loro fine può lasciare degi strascichi anche per tanto tempo. Detto ciò, dovrebbe chiarire meglio le motivazioni che l' hanno spinta a lasciare la tua ex: lei dice che non la "riconosceva più" ma cosa vuol dire esattamente questo? in che cosa era cambiata? e quanto ha influito nella fine della relazione il trascorso sentimentale di lei?
Provi a rispondere a queste domande, forse la aiuteranno a comprendere meglio cosa vuole in questo momento.
Cari saluti
Dott.ssa Carla Francesca Carcione

Dott.ssa Carla Francesca Carcione Psicologo a Capo d'Orlando

263 Risposte

413 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16650

psicologi

domande 23050

domande

Risposte 84450

Risposte