Disturbo Ossessivo

Inviata da LUCA il 21 feb 2015 Disturbo ossessivo compulsivo

Buonasera.
Mi chiamo Luca ed in passato vi ho già scritto e le Vs. risposte mi sono state di grande conforto.
Il mio problema era e continua ad essere il disturbo ossessivo relativo alla sfera sessuale ossia paura di essere diventato gay, o di essere diventato impotente, ma anche ipocondria.
Sono stato da una psicologa ma devo dire che non ha inciso affatto su di me.
Certo ho fatto 8-9 sedute ma le sue parole mi scorrono come acqua sulla pelle quando si fa la doccia!
Forse ho delle resistenze perchè ho paura che i miei amici scoprano che vado dallo psicologo.
Di recente ho sentito parlare della terapia strategica breve del prof. Nardone di Arezzo. Cosa ne pensate?
Io non credo più ne all'analisi nè alle medicine! Sono veramente arrabbiato ed amareggiato perchè non riesco a trovare sulla mia strada qualcuno che riesca ad incidere significativamente sui miei problemi. E' come trovare un ago in un pagliaio!! Tuttavia cos'altro posso fare?
Pensavo che crescendo il disturbo sparisse e invece.....
Grazie in anticipo per le risposte che vorrete darmi.
Grazie ancora!
Luca

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Luca
Conosco la Terapia Strategica Breve e spesso ne utilizzo i protocolli e le prescrizioni comportamentali. Si tratta di una terapia valida ed ha una percentuale alta di risoluzione dei problemi in tempi brevissimi (9-10 sedute). Soprattutto per i disturbi ossessivo-compulsivi, fobie, disturbi della sessualità, disturbi dell'alimentazione, disturbo post traumatico da stress, depressione ecc. Riguardo al problema che non vuole che i suoi amici sappiano che lei ricorre all'aiuto dello psicologo, potrebbe risolvere con la consulenza psicologica on-line. Questa può essere effettuata via chat, in audio o videoconferenza con Skype e può svolgersi comodamente da casa.
Spero di essere stata utile
Cordiali saluti
dott.ssa Maria Giovanna Zocco

Dr.ssa Maria Giovanna Zocco Psicologo a Modica

162 Risposte

264 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Sign. Luca,
ho appena letto la sua richiesta e devo dire che il suo problema è più comune di quello che potrebbe pensare. Al momento la migliore terapia per questo genere di disturbo è la terapia cognitivo-comportamentale, all'interno della quale si adottano tecniche in grado di ridurre progressivamente il problema fin da subito.
In tal senso ho trattato pazienti con disturbi ossessivi di diverso grado e non abbiamo mai avuto problemi nella risoluzione del problema. Nel caso fosse interessato per eventuali chiarimenti non esiti a contattarmi.
Cordiali saluti
Dott. Valeria Padalino

Dott.ssa Valeria Padalino Psicologo a Moncalieri

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Luca
la problematica che esponi non è superficiale ma richiede un lavoro profondo e serio da parte tua. 2 mesi di psicoterapia sono sufficienti alla psicoterapeuta a cui ti sei rivolto per avere una conoscenza, nemmeno completa, di te. 9 ore di racconto della tua vita come possono incidere su anni di vita trascorsa? Se fosse così rapido cambiare lo sarebbe altrettanto nella direzione opposta.
I piccoli cambiamenti sono importanti e duraturi perchè sono maturati, costruiti, inseriti nella tua vita, mentre i cambiamenti repentini possono essere solo di facciata.
Per affrontare una Pscoterapia seria ci vuole un po' di fiducia iniziale nelle tue capacità, poi sceglierai la Psicoterapeuta che meglio fa per te. Fidati delle sensazioni che ti trasmette la seduta di avvio. Può non esserci feeling tra voi due senza nulla togliere alla professionalità della collega che avevi scelto.
Riprovaci.

dott.ssa Giuliana Càccico - Lodi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Luca,
Indipendentemente dai problemi che lei ritiene di avere, credo che siano fondamentali due passaggi iniziali:
1 la motivazione a voler affrontare e risolvere le proprie difficoltà per migliorare la sua qualità di vita;
2 la consapevolezza che per fare ció é essenziale fidarsi di qualcuno e mettere la propria storia personale nelle mani di un esperto.
Immagini di partire per un viaggio all'avventura...non sa quanto tempo ci vorrà...cosa incontrerà durante suo cammino...probabilmente cose belle e brutte.... forse alla fine avrà trovato le risposte alle sue domande o forse ne avrà apprese delle altre, ma sicuramente sarà una persona diversa!
In bocca al lupo
Dott.ssa Chiara Caprarelli, Psicoterapeuta Analista Transazionale

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile sig. Luca, ogni percorso richiede impegno e fiducia; stringere una buona alleanza terapeutica fornisce ottimi risultati ma nel tempo; purtroppo partire da idee preconcette e schemi di comportamenti quali Lei spesso utilizza nell'affrontare i Suoi disagi non aiutano sicuramente ad affrontare i suoi dubbi, nè a fugarli. Piuttosto mi dà molto l'impressione che come spesso molte persone fanno, incorrono in molti inizi alla ricerca di conferme alle proprie idee, piuttosto che confutarle...come una continua ricerca di una profezia che si autoavvera.

Dott.ssa Michela Morin Psicologo a Piove di Sacco

9 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissimo Luca la psicoterapia non è una magia e noi non siamo stregoni!
Purtroppo non si possono ottenere risultati preconfezionati ma fava fatto un lavoro che, spesso, può sembrare più lungo del previsto. 8/9 sedute sono appena sufficienti per iniziare ad instaurare una relazione terapeutica e cominciare ad addentrarsi nella richiesta terapeutica. Da come scrivi sembri molto ansioso di dare un nome a ciò che senti...penso valga la pena allora darti la possibilità di provare a esplorare ciò che ti succede e dare al terapeuta che sceglierai la possibilità di accompagnarti in questo percorso. Ai tuoi amici, se non vuoi, non c'è bisogno di dire che vai in terapia...è un tuo momento intimo e tale può rimanere se tu lo vuoi. Fai attenzione che certe limitazioni chr trovi non siano scuse dietro le quali celare le tue resistenze. Vedrai se ti dai questa possibilità sarà un gra successo te lo assicuro!

Dott.ssa Ida Pizzini psicoterapeuta e analista transazionale Psicologo a Roma

11 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Luca,
capisco bene la sua frustrazione, immagino sia molto dura non riuscire a trovare qualcuno che possa aiutarci a risolvere un problema che non ci fa vivere serenamente, che non ci fa 'funzionare' bene nella vita.
Conosco la Terapia Strategica ed ho conosciuto Nardone personalmente ma ad essere onesta io le consiglierei un buon terapeuta cognitivo comportamentale in quanto quella più efficace per le problematiche di cui mi ha scritto.
Le resistenze nel dire di essere in terapia sono molto diffuse e, anche se più avanti nella terapia è importante affrontarle, esse devono essere rispettate senza operare alcuna forzatura, almeno inizialmente.
Spero di essere stata utile.
cordiali saluti
M. A.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buona sera Luca,
sicuramente la relazione che si instaura con il terapeuta è fondamentale per la buon riuscita della terapia; ma nel tuo caso sembra che le tue credenze relative al percorso di cura siano così forti dal limitarti nel raggiungimento dello stesso. Purtroppo (o per fortuna) senza la tua motivazione al cambiamento, ed a lavorare su di te, anche il terapeuta più affermato e/o il farmaco più potente non può niente.
Spero che tu riesca a darti un'altra possibilità.

cordiali saluti,
Dott,ssa Monica Palla

Dott.ssa Monica Palla Psicologo a Pisa

58 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Luca,
le sue preoccupazioni circa la sfera sensuale e l'ipocondria possono essere dei pensieri intrusivi che la fanno stare male. Quali emozioni prova nello specifico quando pensa di essere gay o impotente? Come si comporta a seguito di questi pensieri? Da quanto tempo sono nate queste preoccupazioni?questi sono solo alcuni degli interrogativi che dovrebbe porsi assieme ad uno psicoterapeuta. A tale riguardo le consiglio la psicoterapia cognitivo comportamentale che è quella con maggiore efficacia. Nel momento in cui dovesse decidere di rivolgersi nuovamente ad uno psicoterapeuta, è bene che affronti ogni argomento che le sta a cuore, e che sia sincero al fine di poter stabilire una buona alleanza terapeutica, che sta alla base di ogni percorso di psicoterapia. Per ciò che concerne la paura di dire ai suoi amici che è seguito da uno psicoterapeuta, non si preoccupi. Non è necessario che lo sappiano e il terapeuta è strettamente legato al segreto professionale.
Resto a sua disposizione per qualsiasi chiarimento o dubbio.
Cordialmente,
Dott. ssa Annalisa Settanni
Triggiano (Bari)

Settanni Annalisa Psicologo a Triggiano

21 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Mi chiedo se con la sua terapeuta precedente ha affrontato cosa significa per Lei la paura di diventare gay o di essere diventato impotente. Prima di classificare questi pensieri, come ossessivi, seppur ricorrenti, occorrerebbe andare a fondo a chiedersi cosa c'è dietro queste sue paure, affrontando un percorso di conoscenza di sé, qualunque esso sia. Cordiali saluti.

Dott. Fabio Borotto

Dott. Fabio Borotto Psicologo a Torino

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

carissimo Luca,
sarò chiara con te.
se vuoi davvero cambiare devi impegnarti più profondamente. Inutile che cerchi di abbreviare e alleggerire il percorso, così non si ottengono risultati duraturi. Per cambiare lo schema di comportamento di cui ti lamenti bisogna de-strutturare e ri-strutturare. Capisci bene che non succede per magia ma ci vuole un duro lavoro su se stessi. Affidati ad uno/a psicoterapeuta e resisti alla voglia di scappare, ne vale la pena, è in gioco la tua vita.

S.A.E.C. Sportello di Psicologia Psicologo a Prato

1 Risposta

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Luca
è bello che tu ci scriva ancora e pure che ci ringrazi per le nostre risposte.
E' anche interessante apprendere notizie sul tuo percorso terapeutico se pure, a quanto dici, non ha inciso su di te.
I problemi che tu poni sono complessi e da studiare attentamente.
Credo che sia davvero necessario riuscire ad entrare nel" tuo immaginario " per poterti comprendere come "dal di dentro" e così poter "incidere", come tu dici, su di te e aiutarti ad attuare qualche svolta importante.
La tua situazione mi è interessata molto e vorrei provare a lasciare un, seppur piccolissimo, segno su di te.
Insomma io ci sono...
Comunque sia tantissimi auguri.
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6694 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buon giorno Luca, le sue resistenze possono impedire la buona riuscita di una psicoterapia. 9/9 sedute non possono risolvere il problema, da anni il suo problema le condiziona la sua vita e come si può scardinare le sue credenze e paure in sole 8 sedute? Purtroppo noi psicologi non abbiamo la bacchetta magica e non riusciamo ad aiutare la persona se lei non è veramente motivata ad un processo di cambiamento. Cambiamento non a livello di Personalità, ma modificazione dei nostri stati d'animo dei nostri pensieri che fino ad ora ci hanno fatto apparire come non non vorremmo.
Questo richiede tempo, ma soprattutto si deve fidare di chi ha davanti.
Saluto cordialmente Dott.ssa Peetrini Consuelo

Dott.ssa Petrini Consuelo Psicologo a Porto San Giorgio

30 Risposte

9 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gen.mo Luca, sembrerebbe che ciò che Lei ha definito come disturbo ossessivo, risalga a parecchio tempo fa, e che si sia avvalso di qualche seduta di supporto, senza aver notato alcun miglioramento. E' indispensabile che si crei un rapporto di fiducia e una relazione positiva con il terapeuta, al di là dell' approccio teorico di riferimento e una forte motivazione al cambiamento da parte sua. Coraggio!

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Luca,
il disturbo ossessivo non sparisce "crescendo", ma curandolo attraverso la psicoterapia e talvolta anche con i farmaci.
La terapia strategica è indicata per questo tipo di disturbo, ma bisogna crederci, "affidarsi", accettare l'aiuto. Sul piano operativo è necessario NON interromperla di propria iniziativa: ogni interruzione e ripresa aumentano la difficoltà di risolvere.
Decida Lei - ora - cosa fare, ne va della qualità della Sua vita.

Dr.Brunialti, psicoterapeuta sessuologa clinica, psicologa europea Psicologo a Rovereto

212 Risposte

671 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Luca,
La terapia strategica è valida, come moltissime altre scuole di pensiero.
Nel suo caso mi sembra che lei cerchi una strada facile: 8-9 sedute sono acqua fresca per comprendersi e prendersi cura di sé.
Certo può non esserci sintonia con il/la terapeuta e quindi si può cercarne uno più sintonico, ma occorre che il paziente sia responsabile della propria cura: lo psicoterapeuta non si deve medicalizzare.
Cordialmente,
Dott. Piacentini

Dott. Hermes Piacentini Psicologo a Seveso

38 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Luca. la psicoterapia e ' un impegno e per avere dei risultati e' indispensabile credere che sia efficace e impegnarsi aprendo il proprio cuore e la mente al terapeuta. La terapia strategica di Nardone e' molto efficace soprattutto per la cura dei comportamenti ossessivi, anche se un approfondimento relazionale e psicodinamico e' importante per la comprensione dei propri comportamenti. la saluto cordialmente dottssa pulvirenti Carmela

Dott.ssa Carmela Pulvirenti Psicologo a Catania

31 Risposte

25 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Luca,
da quanto scrive emerge con chiarezza la consapevolezza che ha del suo disturbo ossessivo. L'essere coscienti di avere un disagio psicologico, come possono essere le ossessioni a cui si riferisce, cosi come il desiderio di cambiare sono vissuti importanti e direi il presupposto per intraprendere qualsiasi percorso terapeutico. Comprendo anche il suo sentirsi amareggiato e arrabbiato perché ha perso fiducia nelle modalità di cura, sia l'analisi che le medicine e va cosi cercando la terapia adatta. Ebbene, mi consenta Luca, é proprio questo il punto e probabilmente il blocco che sente. Una psicoterapia, sia che si orienti con un approccio strategico, cognitivo-comportamentale, o psicodinamico, risulterà efficace solo se si instaura un rapporto di fiducia, collaborazione, dove al terapeuta spetta il compito di aiutarla nella realizzazione del suo desiderio di guarire e stare meglio, e a lei Luca spetta la predisposizione a permetterglielo. La motivazione e il credere che qualcuno potrà aiutarla, insieme alla consapevolezza del suo disagio, sono indubbiamente i primi passi che la porteranno ad affrontare, gestire e risolvere il suo disturbo ossessivo. Quello che posso consigliarle dunque é di rivolgersi, quanto prima, ad un collega professionista psicoterapeuta, che le ispira fiducia e con il quale cominciare un percorso di terapia, attraverso la quale potrà comprendere le origini e i processi sottostanti i sintomi che presenta.

Dott.ssa Anna Gallucci, Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Vicenza

126 Risposte

68 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Vedere più psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Altre domande su Disturbo ossessivo compulsivo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77200

Risposte