Credo che mia madre sia depressa

Inviata da Emilia · 6 lug 2019 Depressione

Gentilissimi Dottori,
scrivo alla Vostra attenzione, in quanto ho bisogno di confrontarmi con qualche esperto circa il comportamento di mia madre. Cercherò di scrivere ogni dettaglio.
Ho 23 anni e mi sono da poco laureata in Logopedia. Ho trovato lavoro per l'estate, sono una persona molto attiva e anche in casa aiuto in ogni modo possibile. Sono sempre stata una "figlia modello", anche se i miei genitori hanno sempre trovato il modo di rimproverarmi spesso e volentieri: io e mio fratello (31 anni, vive all'estero) crediamo che loro siano sempre stati abituati troppo bene con noi e che il modo di lamentarsi dovevano per forza trovarlo.
Dopo questa mia descrizione iniziale, passo al problema principale: mia madre (55 anni).
Premetto che lei è sempre stata una persona molto lavoratrice e si è sempre dedicata totalmente a noi come madre: presente (anche troppo), molto protettiva, non ci ha mai fatto mancare nulla. Si è sempre un po' isolata, però, dalla rete di amicizie, per stare con noi e questa cosa ha fatto sentire molto in colpa me e mio fratello (perché dovremmo essere un impedimento?). Non ha mai avuto particolari hobby (se non uncinetto e cucito) o voglia di viaggiare/visitare luoghi, infatti ricordo solo una vacanza fatta insieme alla mia famiglia. Non ha mai voluto gente in casa, si mette sempre sulla difensiva quando vogliamo invitare qualcuno.
Da settembre a marzo lei è stata male (ricoverata in ospedale diverso tempo e tuttora in riabilitazione) e io mi sono presa totalmente cura di lei, mettendo un po' da parte il mio fidanzato, i miei amici e i miei studi (mi sono laureata nella sessione successiva e purtroppo non ho avuto la possibilità di concentrarmi a pieno sulla mia tesi). Ha avuto una grossissima infezione urinaria e un'ischemia cerebellare, per la quale aveva perso la possibilità di camminare e alzarsi dalla sedia. Adesso fisicamente sta bene, ha ripreso tutte le autonomie (anche la guida), il lavoro ed era molto felice di questo. Da circa 3-4 mesi, però, ha iniziato ad avere dei comportamenti strani: assurde e inspiegabili crisi isteriche, grosse arrabbiature senza motivo, dormire più del dovuto (tutto il pomeriggio e la sera subito dopo cena), nessuna voglia di interagire con altri, di uscire con me (cosa che prima era all'ordine del giorno), di parlarmi come un tempo. Non ha più voglia di fare niente, sta sempre sul divano con il cellulare in mano o alla TV e non è possibile parlarle. Spesso, se le chiedo come sta, comincia ad offendermi e a sbraitare come se le avessi detto qualcosa di brutto. Ultimamente ho notato che ha dimenticanze mai avute prima: scorda pin del telefono mandandolo il blocco, sbaglia chiavi della macchina, dimentica appuntamenti e oggetti da comprare, non ricorda dove ha lasciato il cellulare. Quando voglio uscire con il mio ragazzo o i miei amici, ho molta ansia, perché assume un atteggiamento vittimistico come se la abbandonassi e spesso, al mio rientro, non mi parla per giorni, mi ignora, me ne dice di tutti i colori e mi fa stare malissimo, soprattutto perché so che quelle cose non le pensa davvero e che sono dettate solo dal suo dolore.

Scusate il papiro, sono sinceramente preoccupata per lei e non so davvero come aiutarla, rimango disponibile per ulteriori chiarimenti e vi ringrazio in anticipo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 7 LUG 2019

Gentile Emilia,
ritengo siano necessari innanzitutto accertamenti clinici e neurologici (TAC o RMN dell'encefalo) per escludere eventuali problemi organici.
Dopo di ciò, in caso di negatività di tali esami, sarebbe opportuno un percorso di psicoterapia preferibilmente familiare anche se lei non ha dato alcuna informazione su suo padre (età, condizioni di salute, tratti caratteriali).
Qualora non ci siano le condizioni per una terapia familiare, sarebbe consigliabile almeno un percorso individuale per lei stessa onde poter essere istruita e guidata ad interagire in modo più funzionale con sua madre.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7076 Risposte

20186 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17000

psicologi

domande 24050

domande

Risposte 86650

Risposte