Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Cosa vuole realmente l'amante?

Inviata da Luca S. · 17 set 2018 Terapia di coppia

Gent.mi dottori,
sono qua perché probabilmente sono arrivato al punto da rendermi conto che necessito di una “parola” diciamo autorevole che faccia chiarezza nella mia mente. Ho 38 anni e sono sposato da 6. Purtroppo non ho figli perché mia moglie non può averne. La mia vita coniugale, cosi come la maggior parte delle coppie, è fatta di alti e bassi, inoltre con mia moglie non ho una vita sessuale appagante o intensa, anzi! Circa un anno fa conosco una donna, sposata con figli, con un marito con il quale ha avuto problemi anche in passato. Tutto è iniziato per gioco, poi pian piano messaggi tramite social fino allo scambio dei numeri di cellulare e via di telefonate messaggi e videochiamate. Dopo circa un mese abbiamo deciso di fare il “grande passo”: ci siamo incontrati dal vivo ed è scoppiata subito la passione. Lei vive molto distante da casa mia e non vi dico i salti mortali e le scuse che devo trovare per andare da lei. Col passare del tempo la passione si è tramutata in vero amore, non amore puerile o adolescenziale, ma amore quello vero, fatto di pianti per non poter stare insieme alla luce del sole, fatto di ogni cosa per poter fare sentire la propria vicinanza, anche se distanti, all’altro. Siamo il primo e l’ultimo pensiero del giorno e cosi via… credetemi che siamo abbastanza maturi da distinguere un semplice innamoramento o infatuazione dall’amore quello vero. Lei durante questo anno ha litigato spesso col marito, non a causa mia, infatti le sono sempre stato vicino anche in veste di amico, e posso assicurare che mai ho messo in cattiva luce lui nei suoi confronti. Capisco che la mia presenza da “amante” magari non l’ha aiutata ma è sempre stata sincera con me. È capitato anche che se la sera usciva da sola col marito, senza figli, puntualmente di nascosto mi telefonava piangendo dicendomi che si sentiva di tradire me. Durante queste sue liti col marito più volte ha minacciato di lasciarlo e molte volte lo ha fatto stando da separata in casa. Nonostante i miei consigli lei non voleva saperne più di lui. Però puntualmente dopo qualche giorno mi diceva che voleva dargli un’altra possibilità. E cosi andava rose e fiori per un periodo di tempo limitato, poi si era nuovamente al punto di partenza. Recentemente mi dice che aveva parlato col marito e che questa volta era davvero finita. Per le parole che mi ha detto, ci avevo creduto davvero che fosse finita tra loro per poter realizzare il nostro sogno. Di questo ne aveva parlato anche con i figli, i quali sono consci del trattamento che riserva il padre nei confronti della madre. Attenzione, non è un tipo violento, ma uno di quelli che “amano a modo loro”, senza particolari attenzioni anche nei confronti della propria prole. Diventa carino e amorevole solo quando vuole portare a letto la moglie. Lei dice di non volersi concedere a lui perché ormai non prova nulla, ma se capita lo fa per amore dei figli. Più volte le ho ribadito che i figli non devono entrare nella loro vita intima, e che l’amore dei genitori per la propria prole non dipende affatto dal fare sesso o meno. Ora vorrei capire davvero cosa vuole lei, il perché di questo tira e molla ogni volta nei confronti di tutte le persone che le stanno attorno, marito e me in primis, perché questa situazione mi sta logorando. È il caso di parlarle chiaro su ciò che vuole davvero o dovrei lasciare stare? Grazie e chiedo scusa se mi sono dilungato troppo scrivendo anche di impeto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 18 SET 2018

Gentile Luca,
Lei vive una situazione di stallo, il grado di sofferenza è elevato. D'altra parte questa persona sembra invischiata nel legame coniugale, probabilmente si sente in colpa verso i figli, per tale motivo fatica a fare una scelta definitiva. Nel frattempo, per fare chiarezza anche rispetto al proprio legame familiare, sarebbe consigliabile intraprendere un percorso psicologico che possa accompagnarla nelle decisioni importanti e sostenerla emotivamente .
Cordialmente
Dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2628 Risposte

2185 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 SET 2018

Gentile Luca,
è chiaro che questa donna vive una situazione di dubbi e confusione a cui in parte ha inconsapevolmente contribuito anche lei nella duplice contemporanea ambigua veste di "amico" disinteressato e "amante" interessato.
Dunque, prima di chiedere chiarezza a questa donna, lei dovrebbe provare a fare chiarezza all'interno di se stesso e della sua situazione coniugale, altrimenti i suoi personali dubbi andranno a rafforzare quelli di questa donna.
Per questo motivo è consigliabile che lei intraprenda un percorso di psicoterapia individuale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6881 Risposte

19181 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 SET 2018

Buongiorno Stefano,

Le relazioni parallele non sono mai semplici da gestire, soprattutto quando di mezzo ci sono anche dei figli. Mi ha colpita molto perché ha parlato per tutto il tempo di lei ("dell'amante") e non di quello che vorrebbe o penserebbe di fare con sua moglie. Lei cosa sarebbe disposto a fare?
Capisco che la situazione la stia logorando, non è semplice gestire lo stress psicologico che reca. Come se non sapesse cosa le riservasse il futuro e si sentisse passivo.
Le consiglio di intraprendere un percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona, l'aiuterà ad affrontare il momento

Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, mi scriva

Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1663 Risposte

1173 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22500 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16400

psicologi

domande 22500

domande

Risposte 83650

Risposte