Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

cosa fare per guarire dalle ossessioni pure?

Inviata da Giulia il 5 ago 2013 Disturbo ossessivo compulsivo

Buongiorno,sono una ragazza di 21 anni,studentessa all'universitá. Fin da piccola ho sempre sofferto di molte ansie e paure sia perche mia madre e mia nonna avevano un carattere molto ansioso sia perche ho vissuto dei momenti un po difficili...il divirzio dei miei genitori,il rifiuto affettivo da parte di mio padre che non se n'è mai reso conto e l'essere stata partecipe a delle situazioni di violenza nella famiglia di mio padre senza esserne stata vittima!nonostante questo mi sono sempre convinta di essere una persona forte e sono andata avanti senza grandi problemi.anche per via del mio carattere estremamente tranquillo,e la mia grande bontá e sensibilitá! Due anni fa pero, ho iniziato ad avere dei forti attacchi di panico,a causa del rapporto altamente conflittuale con mia 9madre,di un fidanzato che mi usava e di una professoressa che mi prendeva in giro!mi hanno sempre infastidito temi come quello della violenza in tutte le sue sfacettature,la morte e gli omicidi! da un quattro mesi a questa parte pero ho iniziato a soffrire di ossessioni! un giorno,sentendo le solite notizie del tg ho avuto una reazione ancora piu forte e spropositata, perche ho pensato e se arrivassi anche io un giorno a compiere delle cose cosi orribili? e in quel momento ho sentito un dolore dentro indescrivibile...una sensazione orrenda!panico,paura,ansia e dolore assieme! da li nn ho piu smesso di pensarci e sono peggiorata!è diventata una convinzione dalla quale non riesco piu a liberarmi...e sento che è come se dovessi trattenermi dal fare del male agli altri 24 ore su 24 al punto che spesso sento che cederó!! io non voglio ma è come se questa convinzione fosse piu forte!passo le giornate a convincermi del contrario,mi dico che io sono srmpre stata una bravissima persona con dei grandi sentimenti,ma non va via comunque!!io vorrei uscirne da sola ma non so come!ho paura di me,soprattutto x le persone a cui tengo!! Non voglio sentirne ne di psucofarmaci ne di ricoveri in ospedali psichiatrici anche se penso di essere grave! non capisco se ho poca forza di volontá e preferisco lasciarmi andare o se è perche non ho fiducia in me stessa e nelle mie capacita ecc...quindi mi mento sempre in discussione essendo poco sicura!!ringrazio in anticipo per eventuali commenti!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Giulia,
non ci sono suggerimenti da dare on-line, posso semplicemente ripetere quanto già scritto nel primo post, ossia che il trattamento elettivo per il suo disturbo è la psicoterapia.

Sul ricovero in ospedale psichiatrico sono scettico, non credo sia opportuno ne efficace per risolvere le sue problematiche.

Cordiali saluti,

Psicologo Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

687 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao giulia, sono una tua coetanea. Io diversamente da te a 10anni subii molestie che andarono avanti per un bel po di tempo. Le prime mie ossessioni sono comparse a 17-18 anni e riguardavano la sfera sentimentale, avevo praticamente la convinzione di nn amare più nessuno di non poter essere più felice e che nn sarebbe lassato mai più. Adessi a distanza di 3anni dal primo episodio si sn ripresentate più forti e anke sil quadro sessuale facendomi convincere di essere lesbica qnd so che qst nn è vero ma nn posso fare a meno di pensarci ogni volta che questi attacchi mi prendono vorrei uccidermi anke xkè è un ansia continua che n passa mai . Il pensiero di baciare e stare cn una donna mi fa vomitarema nonostante ció ci penso lo stesso. Qst'ultima ossessione è comparsa circa una sett fa mentra la vecchia ce l'ho da circa un mese. Tutto questo é per dirti di non trascurare la coa ma di farti da una psicoterapeuta non da uno psicologo e che anche io come te sento di impazzire mi fisso su ogni stupidagine mi passi x la testa ma come te non ho ancora il coraggio di uccidermi. Vorrei essere felice cm un mese fa e che tutto non fosse mai avvenuto, ma cime mi ha dtt la mia psicoterapeuta ci vuole del tempo basta avere la forza di attendere. Un abbraccio t.tina. Io sn di napoli nn so tu

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Chiedo per cortesia alla Dottoressa MArcella Angioni a quale libro fa riferimento nella risposta a Giulia.
Grazie infinite

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao Giulia,non so se posso esserti di grande aiuto ma almeno possiamo confrontarci visto che anchi'io all'eta'di vent'anni ho iniziato ad aver questa forte paura di poter far del male agli altri, di perdere il controllo di impazzire insomma.Si soffre tanto lo so ma non abbandonarti a te stessa,parlarne e'il primo passo non dico per una immediata guarigione ma per poter stare bene,affidarsi a bravi specialisti e' fondamentale come e' importante parlare e fidarsi del terapeuta...non arrendersi e' vitale...a presto lucia

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao Giulia,non so se posso esserti di aiuto ma forse potremmo aiutarci a vicenda visto che per la prima volta trovo qualcuno che soffre del mio stesso disturbo.Anch'io all'eta' di vent'anni(tre l'altro studiavo psicologia) ho iniziato ad avere questa forte paura
di poter far del male a qualcuno,di perdere il controllo,ho iniziato ad andare da alcuni medici che mi rassicuravano sul fatto ke non ero pazza(un altro mio incubo) ma io non miglioravo e volevo star bene.Ho iniziato una
psicoterapia che ho lasciato dopo un anno perke'credevo di star bene, ma feci un grande errore.Ora da circa 2 anni sono in analisi e credimi parlare parlare e' la cosa fondamentale, aprirsi e avere fiducia nella terapia...si soffre tanto ti capisco ma devi crederci...spero ti abbia sollevato ma chiedere aiuto e' gia' un passo avanti...a presto lucia

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Grazie ancora per i suoi consigli dott. Angioni! comunque ci sto provando a proseguire ma vedendola nera spesso penso che sarebbe meglio se io morissi! eviterei sofferenze agli altri e a me stessa! piu che altro lo penso xke credo che se dovessifinirla non correrei il rischio di poter davvero far male a qualcuno! È un pensiero negativo che nobn mi aiuta lo so,ma il pensarlo mi fa stare un po meglio! è come se non vedessi altra siluzione...credo di aver proprio toccato il fondo e non poter piu risalire! solo che ancora non ho il coraggio di suicidarmi credo...quindi sto proseguendo nonostante ogni dannato giorno sia uno schifo! mi immaginavo una vita diversa fino a due anni fa..migliore...e questo non è accaduto! dunque la mia speranza piano piano sta svanendo! sembra che niente mi dia un motivo per continuare e questo è davvero triste! giovedi ho il secondo appuntamento col nuovo psicologo,ma ci vado gia scoraggiata perche uno,ho paura di poter far male anche a lui,due,non ci credo piu cone prima xke i miei sono contrariati sull'andarci! tre,ho sempre paura che non arrivi al domani e che commetta qualcosa...quindi ho paura di non arrivare al giovedi!ogni giorno è un possibile giorno dove posso fare qualcosa di brutto e questo mi impedisce di avere aspettative...è che non riesco a fidarmi di me dal momento che ho questi problemi!!spero solo in un miracolo da lassu!

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima dottoressa Angioni innanzitutto la ringrazio per l'interesse che sta dimostrando nei confronti del mio problema,nonostante le richieste d'aiuto in questo sito sono molte e poi le dico che alla fine mia madre ha ceduto,mi ha portato da uno psichiatra,psicoterapeuta a pagamento!il fatto è che questo dottore lavora cobn la psicoanalisi accompagnata dagli psicofarmaci,ma dopo dei lunghi discorsi ha ammesso che prima di arrivare a degli psicifarmaci è meglio iniziare prima con una terapia cognitivo comportamentale tipica per il mio problema dice...pero lyui non se ne occupa e quindi sta cercando qualcuno da consigliarmi!! per il resto mi ha detto che dal punto di vista medico,il mio problema non è grave!ma dal punto di vista personale si!xke conviverci ogni giorno é una vera fatica! io pero non capisco come sia possibile che nnon sia grave perche io mi sento un pericolo per gli altri...perche ho paur. di abbandobarmi a questto forte impulso di aggredire...perche sento che è piu forte della mia vera e buona essenza!perche sento questo?sono diventata pazza?cattiva?aggressiva? non capisco...é come se sentissi che devo farlo come se fosse un bisogno da soddisfare...e il reprimerlo mi fa sentire come repressa...cone se mi vietassi un qualcosa che una parte di me vuole fare!mi chiedo come sia stata capace di costruire tutto cio attraverso la paura!non lo trova assurdo? io si!è per questo che temo me stessa!sto sempre nel dubbii! nobn posso prevedere cisisa faró!e questo é deleterio!continuo a fare le mie cise...non mi sono mai fermata,ma ci sn dei momenti che credo di non farcela piu!sto arrancando!! come faccio a tornare in me? sonio disperarata...ho notato pero che quando nobn ci penso nobn sento piu l impulso! allora è colpa mia cghe ci voglio pensare?sono masochista o una parte di me è davvero di diventata cattiva? e quindi mi vuole spingere nella cattiva strada? non capisco! se mi puo dare una delucidazione la ringrazierei!un ultima cosa...tutti mi dicono di cacciare il pensierio distraendomi,ma unio,ci riesco poche volte,due,ritengo che allontanando il pensiero,lo sto solo mettendioda parte,non lo sto distruggendo!!

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima dottoressa Angioni,dove abito io ci sono tre posti pubblici...uno è dove ho trovato l' ultima psicologa,l' altro è quello della terapia di gruppo e il terzo è molto pieno!! ti danno gli appuntamenti con 5 mesi di attesa!lo so perche avevo provato a chiamare!! comunque di cosa si tratta questa terapia gestazionale?? per il resto....ho gia privato a farmi assalire dall ansia ed è stato peggio perche mi è durata per ore...e il pensiero non è svanito!poi la verita è che evito di farmi venire una crisi per due motivi,uno perche temo che in quel momento non ragionerei e sarebbe pericoloso magari e il secondo è che ho paura che i mamma o qualcun altro mi possano vedere e ricoverare in un ospedale psichiatrico! per concludere i miei timori sono tre, il primo che possa arrivare a delirare se conntinuo a ossessionarmi ( è possibile? ) il secondo,che possa perdere il controllo senza controllarmi piu,il terzo,che mi faccia influenzare da questi pensieri e ceda,dimenticandomi dei miei grandi sentimenti ecc!dimenticandomi del mio vero essere!! puo accadere?spero di no!! :/

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Capisco che non possiate darmi dei consigli on line ma io devo stare cosi per tutto agosto e ho paura di non farcela...se magari sapreste dirmi qualche esercizio da fare da sola per superare l'estate mi giovereste molto!vi prego...credetemi non so piu come fare!sono disperata...queste ossessioni e i conseguenti impulsi non mi danno pace!

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Giulia, nel suo caso satebbe utile associare ls tetapia Emdr con le tecniche di rilassamento. Cordialmente, dr. Cisternino

Dottor Antonio Cisternino MDPAC Psicologo a Torino

481 Risposte

623 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Giulia,
il disagio che vive e i pensieri ossessivi che la tormentano sono difficoltà che per essere superate hanno bisogno di un supporto psicologico e psicoterapeutico competente e non possono essere affrontati con la sola buona volontà. Certamente le esperienze di terapia che ha avuto non sembrano dalle sue parole aver corrisposto alle sue aspettative né esserle state di aiuto, ma la strada migliore è proprio quella! Capisco che il fatto che sua madre non la sostenga nell'affrontare una psicoterapia sia un problema, sia perché il supporto dei familiari può essere un grande aiuto, sia a livello economico per consentirle di accedere ad un percorso individuale che sarebbe per lei la soluzione migliore. Tuttavia, considerando la possibilità dell'ambito pubblico, in genere nei consultori o nei CPS sono previste anche terapie individuali, altrimenti provi a partecipare ad un gruppo, può essere un'esperienza diversa in cui trovarsi a confronto con altre persone che vivono disagi simili ai suoi e che possono farla sentire meno sola e meno "malata". In bocca al lupo e un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

993 Risposte

458 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissimo dottor Del signore,so bene che parte tutto dall'ansia,ma il problema è che ora è un ossessione che mi martella 24ore su 34 si è trasformata in CONVINZIONE,quindi è come se mi dovessi trattenere da un forte impulso tutto il tempo...dunque mi rende la vita quasi impossibile!!per di piu,mia mamma non mi capisce e dice che se io voglio pisso stare bene e che ha paura per me!e per di piu che se continuo cosi potrei finire in un ospedale psichiatrico!secondo lei questo mi aiuta?io direi di no!!nei momenti dove mi sento peggio cosa potrei fare secondo lei?

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentilissima dottoressa Scuto,mi ero dimenticata di dirle che ho gia provato con due psicologi!dalla prima sono andata quando avevo solo gli attacchi di panico e questa passsava piu tempo a farmi complimenti su quanto sono bella e simpatica che altro...diceva che ero il suo paziente meno grave e quindi secondo la sua testa potevamo anche spendere del tempo a chiacchierare di tutr'altro! quando invece ho iniziato a soffrire di ossessioni,sono andata da un altra psicologa che era soltanto una teoricista!non voleva neanche coinvolgere i miei familiari,cosa per me assurda!e mi diceva che attravverso la mia forza di volonta e l acquisizione di sicurezza ce l avrei fatta!questa era la sua soluzione!e alla fine ho smesso di andarci perche mia mamma una volta si è permessa di andarci per capirne di piu sul mio prooblema e la dottoressa si è adirata con me percge sapevo che lei non voleva che coinvolgessi nessuno!!e per sbolognarmi ha cambiato tutta la sua teoria...prima mi diceva che potevo farcela da sola e quel giorno mi disse che avrei divuto iniziare con degli psicofarmaci!!che brava dottoressa eh? ora mamma non vuole piu spendere in psicologi ed io nn ho uno stipendio!ne ho trovato uno pubblico molto bravo ma x i ragazzi fa solo delle sedute di gruppo!secondo lei va bene lo stesso? e poi un altra cosa,riusciro a cavarmela per tutto agosto?perche gli psicologi riprendono a lavorarw a settembre!

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Giulia, dopo aver letto la sua lettera ho ripensato a quanto dev'essere difficile restare sensibili a ciò che accade intorno a lei (a partire dalla sua storia fino a ciò che accade nel mondo) nonostante risulti così pesante dal punto di vista emotivo. questa sensibilità è una sua qualità e credo che uno dei nodi sia riuscire a gestire le sue emozioni fornendole un senso ed un contenimento adeguato per evitare che diventino "pensieri ossessivi". Spesso le ossessioni sono una modalità di controllo per tutto ciò che altrimenti sarebbe ingestibile e soverchiante per la persona. Un percorso di psicoterapia potrebbe aiutarla a trovare nuovi modi di gestire, in modo più "economico" dal punto di vista psichico, il suo mondo interno così tumultuoso. la capacità di sentire senza essere sopraffatti da sé e dal mondo è una delle competenze necessarie per sentirsi adeguati nel mondo . sperando che scelga il percorso che ritiene più coonsono ai suoi bisogni la saluto. Roberto

Dott. Roberto Pugliese Psicologo a Roma

69 Risposte

54 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

buongiorno Giulia
la sua sofferenza, che si manifesta attraverso ossessioni e attacchi di panico, ha radici nella sua storia di vita e nel clima familiare in cui è cresciuta. le consiglio di rivolgersi ad una psicoterapeuta della sua zona per affrontare sia il suo passato che il suo presente. la esorto ad iniziare quanto prima una psicoterapia per evitare che poi la cura farmacologica diventi indispensabile.

cordiali saluti
dott.ssa Manuela Vecera

Dott.ssa Manuela Vecera Psicologo a Torino

131 Risposte

141 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Giulia le indicherei una terapia EMDR. Cordialmente, dr. Cisternino

Dottor Antonio Cisternino MDPAC Psicologo a Torino

481 Risposte

623 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Giulia,
quello che ha passato durante l'infanzia può sicuramente aver influito sulla formazione del suo carattere ed è possibile che possa ripresentarsi anche ora come una serie di aspetti che sembrano di natura post-traumatica e che comprendono anche i suoi timori rispetto al suo equilibrio psichico. Le suggerisco un percorso di psicoterapia con uno psicologo che la aiuti a rielaborare quanto le è accaduto e la supporti nel raggiungere una maggiore conoscenza di sé e una maggiore fiducia in se stessa e nelle sue capacità. Sarà poi il terapeuta a valutare il caso in cui possa essere opportuna una integrazione farmacologica e in quel caso inviarla ad uno psichiatra, ma questo solo per aiutarla a controllare i pensieri ansiosi e ossessivi e permetterle di lavorare meglio su se stessa in terapia. In bocca al lupo e un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

993 Risposte

458 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Giulia, come dici tu stessa la tua infanzia e la tua adolescenza non sono state proprio "spensierate" o leggere... Ed e' per poter approfondire e sciogliere quelle emozioni rimaste bloccate che dovresti chiedere aiuto a uno specialista.
Non e' ne' mancanza di forza ne' mancanza di buona volonta', semplicemente hai bisogno di un aiuto preciso, ed a questo punto non devi piu' rimandare perche' anche tu hai diritto a una vita serena e appagante.
Non dici di dove sei... Comunque puoi rivolgerti alle ASl del territorio e chiedere intanto una prima consulenza psicologica, e' probabile che ti consiglino una psicoterapia (che ti fara' bene, credimi), oppure puoi contattare un/una psicologa privata della tua zona che, una volta approfondite le situazioni, ti consigliera' per il meglio...
Non e' detto che tu debba fare uso di psicofarmaci, soprattutto se fra te e il professionista si crea una buona alleanza e sinergia.
Fidati! Non sprecare altro tempo, in bocca al lupo!
Dott.ssa R. M. Scuto

Dott.ssa Rosa Michela Scuto Psicologo a Pontedera

76 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Giulia,

ammesso che si tratti di ossessioni, parliamo quindi di un disturbo d'ansia, (così come gli attacchi di panico), questo deve essere valutato in un contesto di consulenza psicologica. Dopo la valutazione sarà il Collega psicologo che le proporrà il trattamento più adeguato, che in questi casi è la psicoterapia.

Sembrerebbe che le sue ossessioni siano una sorta di regolatore degli stati d'ansia, questo però ha come diretta conseguenza la messa in atto di un iper-controllo della sfera emotivo-affettiva e quindi una conseguente difficoltà nell'esprimere ciò che veramente sente ad un livello più profondo.

Cordiali saluti,
Psicologo Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

687 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Vedere più psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Altre domande su Disturbo ossessivo compulsivo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77850

Risposte