Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come faccio a capire perchè mia figlia di 9 anni si masturba spesso?

Inviata da irene il 13 feb 2014 Psicologia infantile

lo fa dall'età di 10 mesi e non ha mai smesso se non per brevi periodi. Da due anni io e suo padre ci siamo separati......frequenta la classe terza e il clima a scuola è molto teso perciò ultimamente è ansiosa e agitata, Sicuramente lei si sfoga in questo modo....da quando è nata non ha mai pianto per liberare aggressività e ansia. Non sappiamo più come fare per aiutarla e per deviare il suo intento. Fatti 3 anni di psicomotricità individuale poi conclusa per l'età della bambina già avanzata.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Irene,
le consiglio di rivolgersi ad una psicologa o psicologo infantile per comprendere le dinamiche che si muovono dentro sua figlia e comprendere come poterla aiutare. Inoltre più che la psicomotricità, che comunque a suo dire ormai non può più esser svolta, le consiglierei di farle fare uno sport molto particolare: la ginnastica artistica. In questi casi aiuta molto. Ne rimarrà sorpresa. Ovviamente reputo sia importante che persegua entrambe le strade in contemporanea. Cordialmente

Dott.ssa Critelli Laura Antonietta Psicologo a Torino

10 Risposte

25 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Irene, la masturbazione ha mille risvolti psico-emotivi, ma questo non è il contesto adatto per sviscerali. Il dato "più interessante" (in realtà lo sono quasi tutti quelli che ci riporta) mi sembra quello riguardante la masturbazione già a 10 mesi. Oltre alla scoperta del proprio corpo e delle zone erogene, chiaramente è una modalità di sua figlia di abbassare la tensione interna attraverso un premio. Svariati studi e ricerche ci hanno confermato che già da quando è dentro la pancia della madre, il/la bambino/a è costantemente in contatto con il mondo esterno e questo, soprattutto, per la propria sopravvivenza.
Dopo il parto, infatti, se la bambina ha più facilità a riconoscere il "branco" di appartenenza che la possa curare e proteggere, le probabilità di sopravvivenza sono maggiori. Tuttavia, se, quando è ancora dentro la pancia ed esaminando il mondo di fuori' (chiaramente non sto parlando consciamente, ma a livello soprattutto emotivo) sente che c'è qualcosa che non va, allora potrebbe, non spiegarsi, in quanto ancora le strutture contestualizzanti l'ambiente, non sono sviluppate, ciò che sta avvenendo; per esempio, una lite tra i genitori (che potrebbe essere banale o seria), ma dentro la pancia arrivano segnali preoccupanti (sempre a livello emotivo). Dopo il parto, tali segnali emotivi, "incistati" , mi scuso della brutta parola in questo contesto, ma descrive esattamente ciò che vorrei trasmettere, nella mente della bambina, essa potrebbe aver bisogno di un qualcosa che la distragga da questa emotività che sente dentro di sé ma non capisce ancora cosa sia veramente e perché ci sia, soprattutto.Tuttavia la preoccupa molto. Dunque, una delle modalità per arrivare a questo obiettivo, è quello di una masturbazione compulsiva.
Dunque, come già consigliato da colleghi, un terapeuta infantile potrebbe essere una prima risposta. Un'altra, non alternativa, ma contemporanea, potrebbe essere circondarla di un affetto e percezione di sé come essere amabile, i cui bisogni vengano prontamente soddisfatti e che si trova in un ambiente sicuro e protetto.
Buona fortuna,
dott. Massimo Bedetti,
Psicologo/Psicoterapeuta Costruttivista Postrazionalista

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

683 Risposte

995 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Sua figlia ha sicuramente bisogno di uno spazio tutto proprio, dove trovare possibilità di comunicazione e accoglimento, che le testimonino reale e costruttiva affettività. Ovviamente, questo avverrà nelle case dei due genitori. Ma c'è anche bisogno di uno spazio, una stanza di un/a psicoterapeuta, dove la bambina senta di poter esternare, e condividere, con la parola, col gioco, col disegno, con le metafore ecc., i propri vissuti. Questo è sicuramente vero, da quel poco che Lei, Signora, ci racconta. Il/la terapeuta deciderà, poi, come muoversi con Voi Genitori. La masturbazione non è di per sé un problema, ma indica chiusura, non-comunicazione, non-condivisione.
Un cordiale saluto,
dr. Roberto De Pas

De Pas Dr. Roberto Psicologo a Milano

32 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Irene, se lei è suo marito ritenete che il comportamento di vostra figlia sia solo uno sfogo della tensione presente a scuola, una soluzione potrebbe essere quella di un cambio di classe. Se invece pensate che ci sia altro allora mi sento di consigliarvi di rivolgervi ai servizi per l'età evolutiva del vostro territorio di appartenenza.
Cordiali saluti.

dott.ssa Giovanna Stecca

Dott.ssa Giovanna Stecca, Psicologa Psicologo a San Donà di Piave

14 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Irene,
senza un'adeguata conoscenza della bambina e del contesto familiare/scolastico, è difficile poter essere esaurienti rispetto alla sua domanda. Come lei sottolinea, spesso la stimolazione di zone erogene è strettamente connessa con elevati livelli di stress ed ansia.
In ogni caso è anche ipotizzabile che con il suo atteggiamento la bambina attiri su di sé l'attenzione e che questo sia un altro dei benefici che ottiene.
Credo sarebbe opportuna una consulenza con uno psicologo di persona, per avere un'idea più chiara.

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

373 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Irene,
se una bambina così piccola mette in atto atteggiamenti "masturbatori" bisogna intervenire non solo sulla piccola, ma sull'intero sistema famigliare. Deve prendere in considerazione l'ipotesi di una valutazione psicologica consultando un collega specializzato in psicoterapia (previa valutazione pediatrica). Lo "psicomotricista" se non è psicologo non può di certo intervenire su disagi o disturbi psicologici, ne fare un'adeguata psicodiagnosi, non ne ha le competenze.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

707 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15850

psicologi

domande 20250

domande

Risposte 80000

Risposte