Figlio di 4 anni con ipoplasia cerebellare dalla nascita

Inviata da Nicoletta · 12 set 2016 Psicologia sociale e legale

Salve, sono Nicoletta la mamma del piccolo Karol. All'inizio della gravidanza tutto procedeva per il meglio anche se io ero molto ansiosa. I medici mi dicevano che non c'era nessun motivo di preoccuparsi, dalle analisi e dagli esami risultava tutto normale. Dopo un po' di tempo io mi ero sentita male, non riuscivo a respirare bene, vedevo appannato, avevo delle pulsazioni forti alla testa, contrazioni allo stomaco, spesso mi veniva da vomitare, perdevo abbastanza sangue allora per sicurezza mi fecero altri esami e mi dissero che avevo avuto una forte emorragia che in certi casi poteva mettere a rischio la vita del piccolo. Perciò dovettero fare un ecografia morfologica dove risultò uno sviluppo ridotto del cervelletto e questa notizia cominciò subito a preoccuparmi. Mi dissero che mio figlio aveva poche possibilità di sopravvivere e che sicuramente nasceva prematuro. Io in quel momento non riuscivo a crederci, mi dicevo sempre la solita domanda: ma come può essere, perché era successo proprio a mio figlio se prima andava tutto bene? Ma niente da fare, nessuno riusciva a rispondermi. Mio figlio nacque prematuro ed ebbe subito le prime crisi epilettiche, avevo notato subito che le sue braccia e le sue gambe tremavano in continuazione e non guardava negli occhi allora i medici gli diedero subito un anti epilettico. Dalle analisi fatte a mio figlio per capire quale poteva essere stata la causa di questa malformazione neurologica risultò una rara mutazione. Adesso Karol ha quattro anni ed è miracolosamente sopravvissuto a tutto quello che ha dovuto subire. Ha una grave ipotonia, non cammina bene da solo, cade spesso, ha un ridotto tono muscolare, un ritardo dello sviluppo e del linguaggio, non riesce a mantenere l'equilibrio, ha quasi sempre le convulsioni, un certo grado di ritardo mentale. I suoi occhi tendono spesso a fare dei movimenti anomali e spesso dopo le crisi ha forti emicranie, vertigini e disturbi dell'udito. All'asilo gli altri bambini non giocano con lui sicuramente perché lo considerano diverso dato che non riesce a parlare bene e cammina come un bimbo più piccolo della sua età. Ha un insegnante di sostegno che lo aiuta tutti i giorni sostenendolo sempre. Ancora non sa bene i colori e spesso li confonde allora la maggior parte dei bimbi tendono a ridere prendendolo in giro ma a me questa cosa non piace perché ne soffro tanto ma anche perché ho tanta paura che mio figlio possa sentirsi inferiore. Di questo ne ho parlato con l'insegnante e con le mamme anche se non è servito molto dato che continuano, so che sono piccoli ma devono capire certe cose. Mio figlio ed io soffriamo già abbastanza. Tutti i giorni Karol fa fisioterapia e logopedia ma dei buoni risultati ancora non ci sono stati forse perché lui molte volte si rifiuta e inizia a piangere. Aiutatemi cosa devo fare? Vorrei vedere mio figlio più felice invece è quasi sempre triste e arrabbiato, sorride poco e spesso tende ad isolarsi anche da me. Spesso ho notato che guarda male gli altri bimbi e certe volte li picchia forse si sente diverso e incapace dato che ha molte difficoltà e tende ad assumere questo comportamento perché lui sa di stare male mentre gli altri stanno bene? Sono completamente disperata.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 SET 2016

Gentile Nicoletta,
comprendo la sua amarezza ed il suo dolore e ne partecipo.
E' quasi paradossale che il dolore per questa disgrazia che poteva capitare a chiunque, debba essere amplificato dalla scarsa (o assente) sensibilità e delicatezza dell'insegnante e di altre mamme che non operano interventi correttivi nel momento dei giochi e delle interazioni del piccolo Karol con gli altri bambini più fortunati.
Credo che la stessa insegnante di sostegno potrebbe essere più attiva in questo senso ed invito lei, come mamma, a lamentarsi col dirigente scolastico di questa incresciosa situazione che può essere omologata ad una vera e propria disfunzione della scuola stessa e del suo personale nei loro compiti istituzionali.
In tutto ciò la invito a chiedere per lei stessa un sostegno psicologico che potrà essere utile indirettamente anche al suo bambino.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7041 Risposte

20143 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 SET 2016

Cara Nicoletta,
intanto La ringrazio per aver condiviso la sua storia con noi. Da anni seguo personalmente una bimba con la stessa disabilità e posso solo immaginare il senso di dolore e fatica che deve sentire. Suo figlio sta seguendo i percorsi per ora piú indicati per lui, é normale purtoppo che abbia un certo ritardo globale rispetto agli altri bimbi della sua età. Purtoppo l'aspetto della socializzazione che Lei tocca, non é senz'altro semplice cosí come non lo sarà la presa di conoscenza delle sue differenze dagli altri. Io la invito a seguire un percorso terapeutico individuale, potrebbe esserLe utile a trovare uno spazio in cui poter elaborare quanto prova e scegliere le alternative migliori per sé e la crescita di suo figlio.
Rimango a disposizione.
Cordialmente,

Annalisa Anni
Psicologa Psicoterapeuta Padova

Dott.ssa Annalisa Anni Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Padova

505 Risposte

922 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16800

psicologi

domande 23650

domande

Risposte 85500

Risposte