Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Ansia e pensieri ossessivi, non so cosa voglio fare nella vita

Inviata da Lorenzo Grasso il 24 giu 2019 Ansia

Gentili dottori, sono un ragazzo di 24 anni, studente di giurisprudenza. E' da circa due anni che soffro di ansia e pensieri ossessivi di tipo esistenziale ( perchè viviamo? cosa c'è dopo la morte ? e se la vita fosse solo un sogno ? ). A causa di quesi disturbi mi sono rivolto a uno psicoterapeuta della mia zona, con cui ho fatto circa un anno di terapia. Inizialmente il terapeuta ha posto l'attenzione sulla mia eccessiva insicurezza e sulla mia ricerca di perfezionismo (che secondo lui mi portavano a elaborare i pensieri ossessivi. ) Ho inoltre compreso di avere un' eccessiva paura del giudizio degli altri, soprattutto del giudizio di mia madre, che durante la mia infanzia e adolescenza è stata sempre una persona molto protettiva e molto critica riguardo alle mie scelte ( tantochè sento sempre il bisogno della sua approvazione in tutto ciò che faccio ). Solo dopo le ultime sedute di terapia ho cominciato ad avere dei dubbi sulla mia scelta universitaria, dubbi che pian piano, parlando col terapeuta, si sono trasformati sempre più in certezza... infatti ormai da tempo non mi sento soddisfatto dalla facoltà che frequento e i risultati sono sempre più scarsi, tuttavia pur rendendomi in parte conto da tempo di questa situazione cercavo sempre di passarci sopra e non gli davo molta attenzione. Fatto sta che di comune accordo con lo psicologo abbiamo chiuso la terapia circa tre mesi fa, quando durante l'ultima seduta avevo espresso al mio terapeuta di voler provare i test per sociologia o psicologia. Nonostante io avessi ancora un po di ansia e un residuo di pensieri ossessivi, lui mi rassicurò dicendomi che sarebbero passati col tempo, una volta cambiata facoltà. Ad oggi però mi ritrovo ancora indeciso su quale strada prendere... a volte penso che vorrei cominciare a cercare lavoro, altre volte che sarebbe meglio cambiare facoltà, altre volte penso che preferirei partire per fare esperienza all' estero... in tutta questa moltitudine di pensieri il tempo passa ma io rimango immobile e bloccato, e passo le mie giornate per gran parte del tempo in casa, raramente esco con quei pochi amici che mi sono rimasti ( visto che molti studiano o lavorano fuori), e tre volte a settimana pratico jujitsu brasiliano, ma sento sempre di più il bisogno di prendere una decisione. Che cosa dovrei fare ? cercare l'aiuto di un altro terapeuta ? o cercare di cavarmela da solo ? Mi sono sentito telefonicamente con il mio psicologo, il quale non ha voluto darmi appuntamento dicendomi che ormai ho acquisito gli strumenti per camminare sulle mie gambe. Tuttavia al momento di agire o di prendere una decisione sento sempre qualcosa che mi blocca e mi fa rimanere immobile.
Grazie in anticipo per la vostra pazienza

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Lorenzo,
sarebbe necessario passare dal pensiero all'azione, provi a porsi piccoli obiettivi da concretizzare, se riesce ciò aumenta la sicurezza e la fiducia in se stesso.
Un anno di terapia è un periodo non lunghissimo, potrebbe essere necessario riprendere il percorso in quanto sembra che lei sia ancora confuso e indeciso rispetto alla propria vita.
Questo turbine di pensieri rende tutto immobile e faticoso, occorre diminuire la ruminazione mentale. Per spezzare la routine quotidiana inoltre, provi a sperimentare qualcosa di inusuale e osservi come si sente.
Resto a disposizione per informazioni
Dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2455 Risposte

2066 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Lorenzo,
concordo sul fatto che l'insicurezza e la ricerca di perfezionismo (che sottende una rigidità della struttura di personalità) possono portare a formulare pensieri ossessivi ma non concordo sul fatto che cambiando facoltà universitaria il problema sarebbe stato risolto come le è stato detto, anzi a mio avviso rischia di peggiorare.
Infatti, qualsiasi percorso o impresa iniziata e non portata a termine non incrementa l'autostima sicchè dubbi ed incertezze tendono ad aumentare.
Siccome da ciò che dice, è evidente che lei è ancora in difficoltà e in crisi di decisionalità oltre che perseguitato da dubbi e ruminazioni, le suggerisco di riprendere la psicoterapia ma di rivolgersi ad altro professionista.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6623 Risposte

18543 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Lorenzo, anche nel suo caso non vorrei esprimere giudizi sul Collega, ma è chiaro che si è comportato in modo superficiale. Quantomeno avrebbe dovuto insegnarle delle tecniche pratiche come la mindfulness (meditazione laica) per imparare a fronteggiare l'ansia e la ruminazione. Anche riguardo alle domande esistenziali farebbe meglio a studiare grandi pensatori, e, se crede, grandi maestri spirituali, per cercare delle risposte. Non è il nostro compito dare delle risposte, anche se qualcuno/a di noi lo fa. A mio avviso mi rivolgerei senz'altro ad altra/o terapeuta, senza trascurare l'impegno personale nella pratica di tecniche anti-ansia.
Cordialmente
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

800 Risposte

324 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19400

domande

Risposte 78400

Risposte