Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Aiuto. È ansia? Attacchi di panico? Guarirò ? Tornerà tutto come prima ?

Inviata da Gi97 il 12 apr 2017 Ansia

Circa 6 giorni fa ho avuto un episodio che mi è stato detto trattasi di derealizzazione e depersonalizzazione. Inizialmente vivevo male la situazione del non riconoscere persone a me care o anche me stessa. Oggi dopo una camomilla e un pianto mi son sentita meglio, sembrava riuscissi a riconoscere il tutto. Improvvisamente mi son sentita strana, riconoscevo tutti ma mi sentivo strana io, poi mi ricapitavano piccoli momenti di disrealizzazione, alternati a momenti in cui mi xhiedevo di me stessa. Poi ho cominciato ad avere paura , mi sento agitafissima , mi vien da urlare piangere e chiedere qiuto, ma ho paura anche di questo, non saprei nemmeno cosa spiegare, cosa dire, mi sento senza via d'uscita , mi sento stanca, mi sento la testa a pezzi a causa di tutto questo, ho cominciato anche a tremare mentre ne parlo, non so che fare a chi rivolgermi cosa pensare , come uscire da questo tunnel , mi sento sopratutto bloccata da me stessa che a volte ho paura di me stessa e altre non so chi sono. Sono riuscita di gran lunga a superare la fase iniziale perché per com'era iniziato mi sentivo in alto mare, ma con questi sintomi di ora mi sento solo di impazzire, mi sento isolata ,riesco a ricordare tutto , a parlare, a partecipare ai discorsi capendo tutto, ma ho questi sintomi che mi massacrano. Non so neanche cosa mi dà paura ma persino ad una festa mi sentivo agitatissima, in casa ora mi sento lo stesso agitata perché vorrei sentirmi meglio che non ce la faccio più. E in più a volte tiro dei sospiri per prendere più aria e ho dolore in petto. Mentre mi sento che guarisco sembra peggiorare, non diesis ad addormentarmi, ho paura a farlo, ho paura a svegliarmi domani ancora così, sento di non poter controllare più la testa ,di peggiorare e non potermi aiutare più. Sono sempre riuscita a gestire l'ansia ma stavolta è difficile. A volte mi guardo in foto e penso che quella sia un'altra persona, a volte mi guardò allo specchio e non trovò un nesso tra me e i miei pensieri. Mi chiedo chi sono, non mi riconosco. È se mi riconosco ho paura di ricadere in quel pensiero, soprattutto se mi sento un po' meglio ricado nel chiedermi se mi sento ancora quei sintomi e se mi sento qualcosa di strano per quanto mi distraggo alimento la paura. Ho solo 19 anni, non vorrei andare in cura , ditemi se c'è qualche cosa che posso fare per superare questo momento almeno. Mentre mi sento me stessa e di aver ripreso tutto, ricado, peggioro, mi riprendo, poi via di mezzo. Non so se mi son spiegata bene. A volte non so neanche cos'ho. Aiuto per favore.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Salve Gi
È successo qualcosa negli ultimi mesi, qualche cambiamento significativo?
Ha riferito di essere sempre stata ansiosa e che riusciva a gestire quest'ansia prima; come gestiva prima la sua ansia?
Come era la persona che vede in foto? E come si vede invece oggi?
Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento
Dottssa Fabrizia Tudisco

Dott.ssa Fabrizia Tudisco Psicologo a Como

503 Risposte

942 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve,

Dal fiume di parole è chiara la sua confuzione e la sua agitazione. Io le suggerirei di contatare uno psicoterapeuta che possa sostenerla ed ascoltarla, in modo da poter fare chiarezza nella sua mente, in modo da poter acquisire le risorse per poter gestire questi stati confusionali e di panico.

Credo che cercare di affrontare da sola il tutto la porterà come altre volte a rimanere intrappolata in quel circolo di pensieri, sensazioni e paure che lei ben conosce.

Non deve, inoltre, avere paura di andare da uno psicoterapeuta perchè, a mio avviso, potrà trovare sostegno, rassicurazione e giovamento.

Distinti saluti

Dott. Pietro De Trucco

Psicoterapeuta Dr. Pietro De Trucco Psicologo a Napoli

39 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Gi, da quello che scrive si evidenzia un forte malessere che va immediatamente arginato. Ha scritto che non vuole andare in cura ma io penso che avrebbe bisogno di un aiuto esterno e professionale, qualcuno che l'aiuti a mettere in ordine i suoi pensieri e a capire cosa stia accadendo. Non abbia paura di chiedere aiuto, vedrà che non appena deciderà di farlo si sentirà sollevata. Sperando di esserle stata utile rimango a sua disposizione per ulteriori domande. Claudia Guerra

Dott.ssa Guerra Claudia Psicologo a Carugo

15 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Gi97,
da quello che descrive i suoi sintomi non sono da sottovalutare...anche se non è chiaro CHI le ha detto di aver avuto un episodio di derealizzazione e depersonalizzazione.
La prima cosa da fare assolutamente è rivolgersi ad un professionista (PSICOLOGO/PSICOTERAPEUTA) che, dopo averle fatto una valutazione psicologica, le indicherà il trattamento migliore. Dice di non voler andare in cura perché ha solo 19 anni, io le consiglio invece di rivolgersi il prima possibile ad un collega della sua zona se vuole evitare che la sintomatologia peggiori o si cronicizzi. Se lei ha un malessere fisico non si rivolge subito al suo medico? Allo stesso modo ora, senza vergogna e/o pregiudizi, deve rivolgersi ad uno PSICOTERAPEUTA che sicuramente l'aiuterà a comprendere le cause del suo disagio e a risolverlo. E ricordi che andare dallo psicologo non vuol dire essere "matti", ma vuol dire prendersi cura del proprio benessere mentale e fisico. Buona Fortuna!

Ma.Lu.A. Studio della dott.ssa Crocicchio MariaGiovanna Psicologo a Taranto

120 Risposte

153 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Gi97,
lei sta vivendo un momento difficile, comprendo la paura e lo smarrimento. Per tamponare potrebbe tentare alcuni esercizi di respirazione profondi al mattino o comunque nei momenti difficili accompagnati da musica calmante e rilassante. Dopodiché occorre che lei contatti al più presto un professionista al fine di abbassare la sintomatologia acuta. Non aspetti, rischia di peggiorare la situazione.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa (Brescia)

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2452 Risposte

2066 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve cara ragazza, lei scrive non vorrei andare in cura ho solo 19 anni. Ma guardi che così come per le malattie mediche anche per i problemi psicologici se gestiti in tempo si hanno molte più probabilita di remissione. Cerchi uno specialista psicoterapeuta magari faccia più colloqui e poi si affidi a quello che le ispira più fiducia.

Dott.ssa Silvia Rotondi Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Roma

125 Risposte

39 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara ragazza, mi sembra di capire che è un po' come se si sentisse in frantumi, come se la sua identità fosse scissa in tanti pezzi scomposti che non riescono ad integrarsi tra loro per creare un'unità definita. Credo che i 19 anni siano un momento di svolta in cui si cerca di progettare la propria vita per definire una propria identità professionale, ma anche in cui si cerca di capire chi si è è cosa si voglia dalla vita. Immagino da quello che descrive che sia veramente doloroso trovarsi in questa situazione. Credo sia importante non sottovalutare e non trascurare quello che lei prova. Mi sento vivamente di consigliarle di contattare uno psicoterapeuta facilmente reperibile nella sua zona e una volta entrata in contatto con questo professionista, capire insieme se ci sia la necessità di consultare anche uno psichiatra per un sostegno psicofarmacologico per affrontare meglio certi stati di disintegrazione. La derealizzazione è destabilizzante, non capire se quello che vivo sia vero oppure no, sentirsi staccata dalle cose, non sentirsi se stessi è persino terrificante ed è importante capire come sia arrivata a questo, ma soprattutto sul momento come riuscire ad affrontare e reagire a questo. Non perda tempo, si faccia aiutare! Cordiali saluti . Dott. Ssa Ilaria Raia Psicoterapeuta ad indirizzo psicodinamico a Cecina (Li)

Dott.ssa Ilaria Raia Psicologo a Cecina

37 Risposte

38 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima, penso che ci sia la necessità di capire se il disturbo è solo di carattere psicologico o medico. Pensi a cosa può aver dato inizio a tutto questo, a cosa pensa e cosa accade prima e dopo questi disagi, dove si manifestano. Ma il tutto con tranquillità, pensi che tutto si può risolvere solo affrontandolo con la dovuta calma. Le consiglierei di rivolgersi ad un terapeuta e di iniziare un percorso che (potrebbe essere anche breve) l'aiuti a capire che succede, analizzando bene la sua situazione di vita passata e attuale e quindi poi, come affrontare la cosa e tornare a gestire la quotidianità. Purtroppo non sembra molto facile farlo qui e con poche righe. Tenga conto che da sola le sarà difficile uscirne.
Sono a disposizione se lo volesse.
Cari saluti.
Dott.essa Barbara De Luca

Dott.ssa Barbara De Luca Psicologo a Catanzaro

391 Risposte

176 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Data la penosissima sintomatologia, qualsiasi forma di sostegno verbale per iniziare a chiarire la situazione, non può essere efficace se tu non entri nell' ordine di idee di calmarti o quantomeno rivolgerti ad uno specialista che ti prescriva un adeguato ansiolitico. Non puoi farcela da sola e continuare così diventerebbe sempre più stressante.Non perdere tempo prezioso, hai urgente necessità di farti aiutare psicologicamente ma per iniziare, devi sedare l'angoscia che sta prendendo il sopravvento. Spero di risentirti appena avrai provveduto a mettere in pratica il mio suggerimento. Un caro saluto
Dott.ssa.Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

620 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19300

domande

Risposte 78300

Risposte