Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Strane giornate di ansia generalizzata ai tempi del Coronavirus

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Se da un lato siamo indotti ad apprezzare questo silenzio rilassante, da un altro sentiamo una morsa alla gola, un'ansia indefinita per qualcosa che non c'è, per un tempo non programmato.

17 MAR 2020 · Tempo di lettura: min.
Strane giornate di ansia generalizzata ai tempi del Coronavirus

Già dal risveglio percepiamo una situazione del tutto diversa dal solito, determinata dal silenzio, da una realtà ovattata e sospesa, come se tutt'intorno avesse nevicato! Se da un lato siamo indotti ad apprezzare questo silenzio rilassante, da un altro sentiamo una morsa alla gola, un'ansia indefinita per qualcosa che non c'è, per un tempo non programmato, una giornata "non organizzata".

Appunto "ansia per qualcosa che non c'è", per qualcosa che non conosciamo, per un futuro incerto, di cui non riusciamo a definire il profilo. Avremmo preferito affrontare una giornata di lavoro, con i suoi impegni serrati, i suoi orari stretti, il suo correre affannoso, ma che, almeno conosciamo!

Se, al contrario, accogliamo come positivo il fatto di rimanere fra le mura di casa, un'altra paura può far capolino: "Terminerà questa epidemia? Si fermerà il contagio? Rischio di rimanere contagiato/a?". Così questa singolare circostanza ci espone al possibile sviluppo del disturbo d'ansia generalizzata con l'emergere di sintomi d'ansia, preoccupazione costante e sproporzionata rispetto alla realtà dei fatti. Questi sintomi consistono in irrequietezza, nel sentirsi "con i nervi a fior di pelle", nel costante affaticamento, nella difficoltà a concentrarsi o nei vuoti di memoria, nella tensione muscolare e in alterazioni del sonno (difficoltà nell'addormentamento, o nella soddisfazione generale del sonno).

Tali segni costituiscono un disturbo d'ansia generalizzata quando si manifestano con frequenza quasi giornaliera, in modo continuativo per almeno sei mesi. Possono interessare la sfera lavorativa, le routine da compiere, le responsabilità, le questioni economiche, il nostro futuro o quello dei figli, la salute di un genitore, le disgrazie che possono capitare. L'oggetto della preoccupazione si sposta di continuo, da un ambito a un altro, intrappolando la persona, come se fosse impossibilitata a rasserenarsi.

Ora, in questo insolito "periodo di coronavirus", è quanto mai opportuno contrastare l'istaurarsi in noi di pensieri negativi, di preoccupazioni eccessive e ricorrenti, di uno stato di allarme e irritazione. Certo non siamo abituati all'inattività, non siamo per nulla abituati a rimanere chiusi in casa per l'intera giornata.

Cogliamo questa situazione come un'opportunità: è un'occasione per "ascoltare il silenzio" e la pace che esso ci infonde, per ammirare un cielo terso, che sappiamo ora più pulito, per ascoltare estasiati il cinguettio degli uccellini al risveglio della primavera, per soffermarsi a chiacchierare con un familiare come se avessimo un tempo illimitato, a giocare con un figlio, predisponendoci a fare e a ricevere il solletico, a scherzare a ridere a crepapelle per poco…insomma "a perdere del tempo", che risulta tempo guadagnato in un'altra direzione, per un'altra entità: la nostra interiorità! Una occasione per vivere meglio il presente, per riscoprire la bellezza del vivere lentamente, per cogliere qualità che non percepiamo durante la nostra abituale vita frenetica. Una possibilità per apprezzare le cose veramente importanti, l'avere un corpo sano, i nostri affetti, i paesaggi e le ricchezze storiche e artistiche che ci stanno vicino. E conservare per i mesi e gli anni a venire questa lentezza come fosse veramente una dimensione preziosa!

 

 

Strane giornate di ansia generalizzata ai tempi del Coronavirus
Scritto da

Dott.ssa Annalisa Tirelli

Bibliografia

  • Roberto Pagnanelli L'ansia come affrontarla come curarla Ed. Armando
  • Lissa Rankin Il potere di guarigione della paura Macro Edizioni
  • Veronique Aiachè L'arte della lentezza Ed. Giunti
  • Lamberto Maffei Elogio della lentezza Il Mulino
  • Georgia Briata L'Arte del Realizzare il Sogno dell'Anima Streetlib Editore

Lascia un commento

ultimi articoli su ansia