Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Nove strategie per far durare i rapporti di coppia.

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Quali sono dunque gli ingredienti fondamentali perché la nostra relazione possa continuare a scorrere serena nonostante le incomprensioni ed i problemi?

23 GEN 2019 · Tempo di lettura: min.
Nove strategie per far durare i rapporti di coppia.

I primi tempi in cui costruiamo una relazione sembrano molto facili. Ed in effetti, è tutto facile! Tutto fila liscio, ci amiamo alla follia e siamo disposti a fare per l' altro qualsiasi cosa pur di renderlo felice. In qualche senso è come se l'amore, o meglio lo stato di innamoramento, portasse avanti le cose senza che i due protagonisti facciano alcuno sforzo per fare andare bene la relazione. Non ci sono torti da perdonare, incomprensioni pregresse che ci hanno fatto rimanere male, è tutto in discesa. Purtroppo, spesso le cose non proseguono così, ma si complicano e ci troviamo a dover fronteggiare i primi problemi, a risentirci per i primi torti di cui ci sentiamo vittime, ad accumulare malesseri che minano le basi della nostra storia.

Ma quali sono dunque gli ingredienti fondamentali perché le cose possano continuare a scorrere serene nonostante le incomprensioni ed i problemi? Occorre porre attenzione ad alcune cose per riuscire a portare avanti la nostra relazione in maniera duratura:

  1. La comunicazione: due amanti sono prima di tutto anche due amici. In coppia bisogna condividere, cosa? Confidenze, emozioni, sogni, principi di base, aspirazioni, occorre condividere più di quanto condividereste con il vostro miglior amico, perché si presuppone che con la persona con cui state voi abbiate intenzione di progettare, di vivere gomito a gomito, di costruire insieme. Inutile quindi nascondere principi per voi fondamentali per paura di non essere accolti, o per timore che questi non siano condivisi dal partner, prima o poi usciranno fuori per forza, quindi tanto vale scoprire subito le carte per vedere se, sulle cose fondamentali, siete compatibili. Ci tenete al matrimonio, ditelo! Siete gelosi di qualcuno, ditelo! Siete aperti all'idea di trasferirvi all'estero, di avere dei figli, di avere un cane, ditelo! Confrontarvi non solo fornisce più informazioni di voi all'altro, ma crea più coesione nella coppia. Essere aperti, sinceri su ciò che vogliamo, su ciò che ci aspettiamo, sperando che l'altro la pensi come noi, predispone alla costruzione di solide base in un rapporto, o viceversa, se fossimo in disaccordo, apre alla possibilità di trovare un compromesso o, nella peggiore delle ipotesi, di troncare una relazione che tanto non sarebbe andata avanti in maniera seria e progettuale. Il mio motto è "meglio una brutta verità che una bella bugia" perché nel primo caso (brutta verità) siamo a conoscenza di come stanno realmente le cose e quindi possiamo agire di conseguenza partendo però da una base di realtà, nel secondo caso (bella bugia) costruiamo su una falsità un rapporto che è destinato ovviamente a fallire in quanto impiantato su nulla di concreto. Quindi, tanto vale sapere fin dall'inizio chi ci troviamo di fronte e scegliere di conseguenza cosa vogliamo fare!
  2. Non pretendere di cambiare l'altro ma accettarlo così com'è: quando ci siamo innamorati del nostro partner ci è piaciuto così com'era. Certo, conoscevamo meno di quanto conosciamo dopo anni di relazione, ma di fondo, l'altro si è presentato per ciò che era e così ci è piaciuto. Questo non vuol dire non cercare di smussare quei piccoli angoli che cozzano con la nostra indole o che creano problemi nel nostro rapporto, ma neanche pretendere che l'altro diventi ciò che non è. Non stiamo ordinando una macchina e decidendo gli optional che vogliamo metterci, stiamo cercando di rendere confortevole la nostra auto adattandoci a come questa è uscita dalla fabbrica. Amare non vuol dire avere la perfezione accanto a sé, vuol dire riuscire ad andare d'accordo nonostante le piccole cose dell'altro che non ci piacciono, sono le imperfezioni che fanno spiccare ciò che è perfetto. La perfezione non esiste, tanto vale mettercelo in testa! Neanche noi siamo perfetti per l'altro, ma l'altro ci prende per ciò che siamo. Accettare l'altro nelle sue imperfezioni dona stabilità e fiducia, ovvero, in altri termini, equilibrio alla coppia. D'altronde il primo dei 10 Comandamenti non ci dice 'ama il prossimo tuo come te stesso'? E noi non amiamo noi stessi nonostante le imperfezioni che ci riconosciamo? Questo non significa che l'altro non ci debba venire incontro, noi possiamo aiutarlo a smussare quei piccoli difetti che proprio non ci vanno giù, ma senza pretendere che l'altro stravolga il suo modo di essere perché se non ci va bene, siamo sempre liberi di andarci a cercare qualcuno più perfetto di lui e che venga maggiormente incontro alle nostre esigenze.
  3. Apprezzare i lati positivi dell'altro: apprezzare ed esaltare questi lati non solo ci mette di fronte agli occhi la bella persona che abbiamo scelto, ma queste qualità positive possono essere utilizzate come punti di forza per smussare ed accettare con maggiore benevolenza i difetti di chi abbiamo accanto. In fin dei conti, se abbiamo scelto questa persona, a meno che non siamo dei completi masochisti, avrà pur qualcosa di positivo no? Allora perché fossilizzarsi sulle mancanze dell'altro anziché valorizzarne le sue qualità più belle. Tutti noi abbiamo dei talenti, riconosciamoli e ringraziamo di poter godere di questi talenti!
  4. Considerarsi uguali sempre, di fronte a chiunque e a qualunque problema: nella coppia ambedue devono poter avere lo stesso potere, gli stessi diritti e gli stessi doveri. Noi non siamo speciali per cui per noi vigono regole diverse che per l'altro. Mai cercare di prevaricare chi ci è accanto dando vita così ad una dinamica di potente-sottomesso che crea astio e frustrazione, tutte cose che indeboliscono il nostro rapporto. Siamo due esseri alla pari che vogliono con impegno e rispetto portare avanti un progetto comune per poterne godere entrambi.
  5. Fare qualcosa insieme per essere felici insieme: anche qui, la parole d'ordine è condivisione, condivisione, condivisione! Se il vostro partner ha una passione, inutile pretendere che la metta da parte, interessatevi alla sua passione. Occorre fare cose belle insieme per entrambi, questo rafforza il legame, crea vicinanza affettiva e rende l'altro interessante ai nostri occhi e mai scontato o noioso.
  6. Di nuovo, condividere…i nostri principi, i nostri obiettivi, i nostri sogni, le nostre aspirazioni, i nostri desideri, la nostra idea di vita insieme senza paura di non essere accettati o di essere contraddetti. Ciò che è così radicalmente insito dentro di noi non può essere soppresso, prima o poi viene fuori. Non condividere è un torto che facciamo prima di tutto a noi stessi, è un tradimento che operiamo contro la fedeltà nei confronti di noi stessi. Non solo, nascondere all'altro ciò che sentiamo, pensiamo, fa parte di noi crea dei presupporti di falsità su cui costruiamo il rapporto ed inganna chi abbiamo accanto. Occorre essere leali, con noi stessi in primis, e con l'altro in secundis! L'altro deve sapere con chi sta!
  7. Imparare a gestire i conflitti: inutile evitare di discutere su ciò che vi fa stare male all'interno della vostra coppia. Se l'altro vi conosce un po' se ne accorgerà comunque, quindi tanto vale dirlo e confrontarsi. Tacere su certe cose crea solo un lunga serie di malintesi su cui si costruiscono i problemi di coppia. Occorre manifestare il disagio, parlarne, affrontarlo insieme: fare ciò porta come effetto collaterale un nuovo equilibrio di coppia ed è alla base di tutte le coppie veramente solide. Questo non vuol dire discutere su ogni banalità, ma sulle cose che riteniamo importanti per la nostra relazione bisogna imparare ad affrontare il conflitto e a trarre il meglio da tale conflitto perché proprio dal superamento di questo nasce una nuova stabilità che determina la longevità del vostro rapporto.
  8. Coltivate i vostri hobby, i vostri spazi: no alla simbiosi! Ognuno di voi deve mantenere un proprio spazio vitale per evitare l'implosione di se stesso e della coppia. Solo due individui autonomi possono dar vita ad un rapporto di coppia maturo. Le relazioni non sono un banco di mutuo aiuto! Mantenendo la propria individualità ci si evolve, l'evoluzione individuale arricchisce la coppia! Quindi non vi sentite in colpa se vi ritagliate un po' di spazio da condividere con gli amici, ricordatevi che quello che state facendo, al di là di quanto può sembrare, sta arricchendo il vostro rapporto.
  9. Investite del tempo per le cose che la coppia reputa importante: può forse sembrare contraddittorio ed opposto al principio del punto 8 ed invece no. La coppia ha bisogno di oscillare sempre tra l'individualità e la coppia stessa pertanto investire del tempo per fare qualcosa di bello insieme, per valutare ciò che è importante per tutti e due è il segreto delle copie durature. Occorre impegnarsi, investire tempo ed energie nella coppia perché questa funzioni. Le relazioni sono come una piantina, vanno curate. Hanno sì anche bisogno di sole, terra, giusta umidità e così via ma anche di una mano che le innaffi. Confrontatevi capendo ciò che è importante per la coppia, quali sono i bisogni della coppia e fate di tutto per cerare di soddisfarli insieme.

Difficile? No, c'è chi ce l'ha fatta! Allora, forza, al lavoro!

Scritto da

Dott.ssa Chiara Biagini

Lascia un commento

ultimi articoli su psicoterapia