L’importanza di prendersi cura di se stessi

A volte arriva la sera e ci sentiamo senza energia, insoddisfatti e con la sensazione di non aver fatto niente di importante durante il giorno.

10 nov 2017 Crescita personale - Tempo di lettura: min.

psicologi

"La felicità non è esuberante né chiassosa, come il piacere o l'allegria. È silenziosa, tranquilla, dolce, è uno stato intimo di soddisfazione che inizia dal voler bene a se stessi", Isabel Allende.

Gli amici, le relazioni di coppia o il lavoro sono estremamente importanti nella nostra vita. Eppure, spesso, tutte queste relazioni o attività mettono in secondo piano noi stessi. Prendersi cura di se stessi non vuol dire essere egoisti. Al contrario, dare priorità al nostro benessere vuol dire non solo migliorare la qualità della nostra vita ma anche affrontare meglio le nostre relazioni sociali e lavorative. Imparare a conoscere i propri bisogni ci aiuta, infatti, a sentirci più liberi e a saper cogliere tutte quelle occasioni che ci possono far stare meglio.

Nonostante ciò, molti spesso confondono il mettersi al primo posto con l'egoismo, come se il nostro benessere e l'altruismo non fossero parimenti importanti o si escludessero a vicenda. Non solo è un'idea totalmente falsa, ma è anche un'idea che può seriamente compromettere il nostro benessere.

Succede spesso, ad esempio, nelle nostre relazioni - di coppia e non solo. Pensiamo che fare sacrifici o quello che l'altra persona si aspetta da noi, anche a costo di fare del male a noi stessi, sia l'unico modo per stare bene con il partner, con i nostri amici o con i nostri familiari. Non solo non saremo felici con noi stessi ma probabilmente non riusciremo nemmeno a creare relazioni sane e durature. Dimenticarsi di se stessi può spesso sfociare in veri e propri problemi non solo psicologici ma anche fisici. Pensare solamente alle necessità altrui e dimenticare le proprie può provocare ansia, frustrazione o vere e proprie somatizzazioni.

Ciò succede anche quando le nostre settimane si riempiono di impegni di qualunque tipo, senza avere tempo da dedicarci, nemmeno qualche minuto per il "dolce far niente". Arriva la sera e ci sentiamo senza energia, insoddisfatti e con la sensazione di non aver fatto niente di importante durante il giorno. Siamo come "automi" che vanno avanti per inerzia e ci sentiamo vuoti inspiegabilmente, nonostante le decine di attività eseguite durante la giornata. Crediamo che tutti questi sacrifici che facciamo per gli altri o per quelle attività che "dobbiamo" svolgere bastino per essere ricambiati o per essere felici.

Eppure non è così semplice, per questo la frustrazione continua a prendere il sopravvento.

Prenditi del tempo per te

Come possiamo evitare di sentirci così vuoti e insoddisfatti? È importante prendersi cura di se stessi e dare priorità anche alle nostre necessità. Non è possibile prendersi cura di noi stessi se non abbiamo tempo. È indispensabile imparare a dire di no agli altri quando è necessario o se non si ha voglia di uscire o di stare più ore in ufficio. Allo stesso modo, questi piccoli ritagli di tempo non devono essere riempiti con altre attività altrettanto stressanti. Ciò non vuol dire essere egoisti ma solamente imparare a ricaricare le proprie energie, pensare al proprio benessere e avere tempo per rilassarsi e, perché no, non fare assolutamente niente.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in orientamento personale.

Lascia un commento

Commenti (2)

Articoli correlati