Dietro la stanchezza, spesso l'insoddisfazione

Cosa si nasconde dietro la scarsa voglia di fare, il senso di fallimento, un continuo stato di tensione ed una stanchezza mentale che non trova pace? Insoddisfazione.

23 GIU 2015 · Tempo di lettura: min.
Dietro la stanchezza, spesso l'insoddisfazione

In questo articolo ci riferiamo ad un tipo di stanchezza che solitamente non risente degli effetti benefici del riposo, sia del corpo che della mente. Quando dopo una intensa giornata di lavoro (che sia casalingo, di ufficio o da genitore) rientriamo a casa, naturalmente stanchi, accade spesso che un buon momento di riposo, di distrazione con una attività piacevole o che ci scarichi, possa essere sufficiente a farci ricaricare e recuperare le energie perdute.

Se così facendo ci rimettiamo in sesto se si tratta di un affaticamento fisico, la stessa magia non accede se invece siamo in preda ad una stanchezza che potremmo definire mentale o psicologica.

I segni di questo tipo di stanchezza sono spesso sonnolenza o disturbi del sonno, debolezza fisica, poca voglia di assolvere anche a piccole mansioni quotidiane, riduzione dell'attività fisica (che paradossalmente non riduce la stanchezza, ma la fa aumentare), ansia e tristezza.

Queste sensazioni di frequente causano in chi le prova un fastidioso senso di fallimento, proprio perché in generale si tratta di persone molto critiche verso se stesse, molto pretenziose di dover essere sempre al massimo delle loro possibilità.

La stanchezza: anche una questione di autostima!

Lo stesso tipo di stanchezza mentale capita anche a persone che, credendo poco nelle loro risorse, vivono la vita in un continuo stato di tensione e col freno a mano tirato.

Ciò che si cela dietro a questo tipo di stanchezza mentale, psicologica è l'insoddisfazione.

L'insoddisfazione è la mancata realizzazione dei nostri desideri, la frustrazione dei nostri bisogni, il permesso, che non ci si dà, di ascoltare ciò che veramente vorremmo e di tentare, nei limiti del possibile, di realizzarlo.

Questo tranello accomuna sia chi, preso dalla smania di perfezione e dal motore del fare, non si ferma ad ascoltare il vero Sé, sia chi, non credendo nelle proprie possibilità, non si concede nemmeno la chance di provarci a raggiungere ciò che veramente desidera.

Scritto da

Dott.ssa Annalisa Sammaciccio Psicologa Psicoterapeuta

Lascia un commento
11 Commenti
  • Carrie Wild

    E' proprio vero! A me, che sono insonne cronica, capita di soffrire di ipersonnia quando faccio un lavoro noioso (tipo quando facevo la stagista e mi facevano fare 7 ore e mezzo al giorno di fotocopie; e anche in questo periodo: dovrei essere un addetta amministrativa, invece sposto faldoni e fascicoli....)

  • Stefania Ciapetti

    Mi ritrovo in pieno con quello che c'è scritto in questo articolo. È proprio così.....

  • Marina

    Buongiorno a tutti e buon anno mi accorgo leggendo i commenti che non sono sola ad avere questi sintomi. Pure io a 48 anni ancora non trovo la fiducia in me stessa. Forse dipende da come sono nata con tanti problemi di salute. Ora a questa età ho solo un desiderio: essere ascoltata e capita. Essere amata e amare. Fare qualcosa che mi grattifichi, vorrei realizzarmi nel canto o nel ballo, quello che più amo. Vorrei realizzarmi come donna e sentirmi normale. Vivere lontano dalla famiglia e realizzarmi con chi sceglierò. Ma quello che chiedo io è: come posso combattere le mie paure quelle soprattutto verso la gente, il pregiudizio, il sentirmi giudicata quella che non sono aiutatemi come posso fare?

  • Marina Demelas

    Buonasera dottoressa Annalisa, io soffro di tutto questo, come posso fare per venirne fuori? Non sono più l'allegra spensierata ragazza d'un tempo.

  • alessandro rossi

    Analisi molto accurata di uno stato psicofisico credo assai comune. Concordo con quanto scritto, periodicamente capita pure a me... tuttavia qual'è la soluzione?

  • Chiara Liberatore

    Ascoltare se stessi è di vitale importanza!

  • ritaspeziale

    Essere ascoltati è molto importante.

  • Peceric Svetlana

    Bella definizione! Proprio così...

  • caterina belsito

    è perfettamente quello che accade a me, katia 40 anni , con poca fiducia in sé stessa

  • Palmucci giacomo

    Questo è' quello esattamente che mi sta capitanto , cn l'aggiunta di miei orrori vari !!


Caricamento…



ultimi articoli su autorealizzazione e orientamiento personale