La terapia cognitiva per il disturbo ossessivo-compulsivo produce incrementi nella connettività della rete neuronale del cervello

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è una condizione d'ansia abbastanza comune, caratterizzata da pensieri intrusivi e ricorsivi (ossessioni) e/o comportamenti stereotipati (compulsioni

24 NOV 2021 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

La terapia cognitiva  per il disturbo ossessivo-compulsivo produce incrementi nella connettività della rete neuronale del cervello

La terapia cognitiva-comportamentale (TCC) per il DOC è un trattamento ben consolidato basato sulle evidenze scientifiche e molto efficace. Le delucidazioni sui meccanismi cerebrali della TCC potrebbero migliorare i trattamenti esistenti e aprire nuovi percorsi per migliorare la risposta al trattamento.

Lo studio di D Moody1, et al (Department of Psychology, University of California Los Angeles, CA, USA ; Department of Psychiatry and Biobehavioral Sciences, UCLA, Los Angeles, CA, USA) rivela che le connessioni incrementate tra specifiche regioni del cervello possono compensare la disfunzione sottostante.

I ricercatori UCLA riferiscono che le persone con disturbo ossessivo-compulsivo, trattate con terapia cognitivo-comportamentale, dimostrano cambiamenti distinti nel loro cervello e il miglioramento dei loro sintomi.

Nello studio pubblicato (vedi), le persone con DOC sono state sottoposte a terapia comportamentale cognitiva quotidiana, per imparare a resistere più adeguatamente ai comportamenti compulsivi e a ridurre la sofferenza. Nell'arco di un mese, i soggetti hanno sviluppato notevoli aumenti nella forza delle connessioni tra le regioni del loro cervello - ciò può riflettere l'apprendimento, da parte dei partecipanti, di nuovi comportamenti non compulsivi e nuovi schemi di pensiero.

In questo studio, i ricercatori della UCLA hanno valutato 43 persone con DOC che hanno ricevuto un trattamento cognitivo comportamentale intensivo (sia subito dopo che dopo quattro settimane di attesa) e 24 persone senza DOC che sono stati utilizzati come gruppo di confronto.

Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a scansioni con uno strumento di neuro immagine chiamato tomografia funzionale a risonanza magnetica, o fMRI: quelli con DOC sono stati sottoposti a scansione prima e dopo quattro settimane di trattamento e coloro senza DOC e che quindi non hanno ricevuto un trattamento sono stati registrati prima e dopo le quattro settimane. Quando gli scienziati hanno confrontato le scansioni cerebrali dei partecipanti che hanno ricevuto il trattamento "prima" e "dopo", hanno visto un aumento della connettività - che può significare una maggiore comunicazione - tra il cervelletto e lo striato, e tra il cervelletto e la corteccia prefrontale. Le scansioni di persone senza DOC non hanno mostrato alcun cambiamento; tra le persone con DOC che hanno atteso quattro settimane per il loro trattamento, non c'erano cambiamenti durante il periodo di attesa, dimostrando che i cambiamenti nel cervello non si verificano spontaneamente con il passare del tempo.

La terapia cognitivo-comportamentale (TCC) è efficace per il disturbo ossessivo compulsivo DOC tuttavia, poco si capisce circa i suoi meccanismi relativi alla connettività della rete cerebrale. L'analisi statistica basata sulla rete ha rivelato un aumento di grandezza delle connessioni del DOC in otto reti.

Gli aumenti più forti hanno coinvolto la connettività tra il cervelletto e il nucleo caudato / putamen (questi nuclei prendono parte ai processi cognitivi ), e tra il cervelletto e l'area corticale prefrontale ventricolare dorsolaterale / ventrolaterale. Una delle funzioni più importanti di quest'area è quella di pianificare il movimento volontario.

L'aumento della connettività è stato associato ad una maggiore resistenza alle compulsioni.

La terapia cognitiva può comportare una maggiore integrazione tra le reti, sia all'interno che all'esterno delle regioni classiche cortico-striatali-talamo-corticali; quelle che connettono il cervelletto alle regioni striatali e prefrontali possono riflettere l'acquisizione di nuovi comportamenti non compulsivi diretti e modelli di pensiero. Tali risultati hanno implicazioni per identificare obiettivi per migliorare l'efficacia del trattamento e monitorare il progresso del trattamento.

La rappresentazione della risonanza magnetica funzionale (fMRI) e la tomografia a positroni (PET) indicano che la TCC attenua l'iperattività fisiopatologica nelle regioni cortico-striato-thalamo-corticali.

Tali effetti rappresentano obiettivi potenziali per una migliore efficacia del trattamento.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott. Filippo Rodà

Bibliografia

  • American Psychiatric Association Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders: DSM-5. 5th edn, American Psychiatric Association: Washington, DC, USA, 2013.
  • Markarian Y, Larson MJ, Aldea MA, Baldwin SA, Good D, Berkeljon A et al. Multiple pathways to functional impairment in obsessive-compulsive disorder. Clin Psychol Rev. 2010; 30: 78–88.3Eddy KT, Dutra L, Bradley R, Westen D .
  • A multidimensional meta-analysis of psychotherapy and pharmacotherapy for obsessive-compulsive disorder. Clin Psychol Rev. 2004; 24: 1011–1030.4Rosa-Alcazar AI, Sanchez-Meca J, Gomez-Conesa A, Marin-Martinez F .
  • Psychological treatment of obsessive-compulsive disorder: a meta-analysis. Clin Psychol Rev. 2008; 28: 1310–1325.5Rosa-Alcazar AI, Sanchez-Meca J, Rosa-Alcazar A, Iniesta-Sepulveda M, Olivares-Rodriguez J, Parada-Navas JL .
  • Psychological treatment of obsessive-compulsive disorder in children and adolescents: a meta-analysis. Span J Psychol. 2015; 18: E20.6Bystritsky A, Munford PR, Rosen RM, Martin KM, Vapnik T, Gorbis EE et al.
  • A preliminary study of partial hospital management of severe obsessive-compulsive disorder. Psychiatr Serv. 1996; 47: 170–174.7Calvocoressi L, McDougle CI, Wasylink S, Goodman WK, Trufan SJ, Price LH .
  • Inpatient treatment of patients with severe obsessive-compulsive disorder. Hosp Community Psychiatry. 1993; 44: 1150–1154.
  • Mechanisms of cognitive-behavioral therapy for obsessive-compulsive disorder involve robust and extensive increases in brain network connectivity. T D Moody, F Morfini, G Cheng, C Sheen, R Tadayonnejad, N Reggente, J O'Neill & J D Feusner
  • Translational Psychiatry volume 7, pagee1230 (2017)

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su terapia cognitivo-comportamentale