Perché intraprendere un percorso psicoterapeutico?

L'articolo illustra brevemente i motivi per cui sarebbe consigliabile intraprendere un percorso terapeutico

14 NOV 2019 · Tempo di lettura: min.
Perché intraprendere un percorso psicoterapeutico?

Esistono purtroppo ancora persone ai giorni nostri che pensano che andare da uno psicoterapeuta sia segno di malattia mentale. In realtà, chi non ha mai avuto un problema nella propria vita? Chi non si è sentito a volte così giù da desiderare di parlare con qualcuno che possa ascoltarti veramente, comprenderti, non giudicarti, insegnarti strumenti per gestire meglio quel momento difficile e che abbia il segreto professionale in modo da farti sentire sicuro di poter rivelare ogni tuo recondito segreto?

Chiunque intraprenda un percorso terapeutico, come dico sempre, è fortunato e sfortunato allo stesso tempo. Sfortunato in quanto se chiede aiuto evidentemente è in un periodo sofferto, fortunato perché ne uscirà assolutamente arricchito e più forte.

Parlare, liberarsi dai pesi interiori è fondamentale per vivere meglio. Inoltre imparare nuovi strumenti per gestire le proprie emozioni insegna a utilizzare appieno le proprie risorse, capacità, potenzialità.

Certo accorgersi che il nostro corpo ha bisogno di un medico è abbastanza semplice, ma capire quando è la nostra psiche ad avere bisogno di aiuto è più complesso. Chiedere aiuto non vuol dire ammettere una sconfitta, tutt'altro. È una scelta che permette di conoscersi meglio, individuare e le proprie risorse, affrontare in modo più adeguato le proprie tensioni, l'infelicità, l'insicurezza.

Ci vuole coraggio a chiedere aiuto, una accettazione dei propri limiti. Telefonare per fissare il primo colloquio è spesso vissuto con una certa ansia e anche la prima seduta, solitamente, può essere vissuta con imbarazzo. Qui sta al terapeuta possedere capacità empatica, farvi sentire accolti e a vostro agio.

Ma se il terapeuta è bravo si creerà quella che viene definita "alleanza terapeutica" fondamentale per la riuscita del percorso. Il paziente si sentirà compreso e il terapeuta potrà indicargli la via per stare meglio.

Quindi un percorso psicoterapeutico sarebbe utile a chiunque, anche solo per comprendere maggiormente i propri meccanismi interiori, e assolutamente consigliabile a chi prova una sofferenza interiore per non essere finalmente soli ad affrontarla.

Dott.ssa Carlotta Bocchi

Scritto da

Dott.ssa Bocchi Carlotta

Lascia un commento

ultimi articoli su terapia cognitivo-comportamentale