Terapia sull ansia depresione

Inviata da pio musco · 22 apr 2013 Depressione

da 5 anni soffro di ansia ho sempre preso xnax ora pero sto prendento depresione secondo me piango vomito schiuma bianca amara ho fatto gli analisi anche gastro mi dicono che e ansia ma come prendo pisicofarmaci come anax vomito dopo un po' puo essere che me lo portano i farmaci il vomito che nn accetta più il mio corpo e come devo curare questa ansia sto tre giorni senza farmaci e dopo si induriscono i muscoli e le devo prendere per forza se no sto male grazie .PIO

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 22 APR 2013

Gentile Pio,
gli psicofarmaci tolgono l'effetto dell'ansia non il malessere. Se l'ansia è per un problema contingente che poi passa possono essere presi per sostenere quel momento (lutto, stress lavorativo, esami, ...), ma se il problema è esistenziale o per una situazione che non può essere cambiata è meglio intervenire anche con una psicoterapia che rafforzi la persona e la aiuti a trovare dentro di sé la forza e le strategie per superare le situazioni problematiche e/o ristrutturare la personalità in modo funzionale ai propri desideri. Tutte le medicine hanno degli effetti collaterali e non possono essere prese per sempre se non vogliamo aumentare il nostro stato di malessere, è importante prendere la responsabilità della propria vita ed affrontare le difficoltà con l'aiuto di un esperto competente che ci possa guidare in questo affascinante cammino che è la riconquista di se stessi.
Dr.ssa Federica Parri

Dott.ssa Federica Parri Psicologo a Trieste

42 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 APR 2013

Caro Pio,
per gli effetti degli psicofarmaci si rivolga allo psichiatra che glieli ha prescritti.
All'intervento psicofarmacologico può essere associata la psicoterapia.

Cordiali saluti.

Dr. Antonio Cisternino

Anonimo-128762 Psicologo a Torino

481 Risposte

784 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 APR 2013

Gent.le Pio,
ho letto la sua richiesta e anche le risposte dei colleghi.
Non mi ripeto,sono d'accordo con il consiglio di chiedere allo psichiatra che le ha prescritto i farmaci una "revisione" del piano farmaceutico,date le sue reazioni. Mi chiedo pero' anche come mai prende Xanx e poi lo sospende da solo per giorni...
Puo' effettivamente essere riconducibile all ansia il suo sintomo,ma bisognerebbe valutare meglio con lo psichiatra e attenersi srettamente a dosi e prescrizioni.
Credo inoltre che la terapia farmacologica non sia efficace senza un percorso psicoterapeutico, che le consiglio vivamente.
cordiali saluti

Dott.ssa Elisa Fagotto Psicologo a Portogruaro

334 Risposte

196 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 APR 2013

Potrebbe essere utile per lei la rivalutazione da parte dello psichiatra del piano terapeutico farmacologico. Nominate lo Xanax ma fate intendere di prendere altri psicofarmaci e il modo con cui dite di sospenderne l'uso non sembra vi sia d'aiuto ma anzi peggiori il suo stato psicofisico.
La sospensione brusca delle benzodiazepine ( la famiglia farmacologica dello Xanax) può associarsi a gravi sintomi di astinenza, che possono comprendere depressione,paranoia, delirium e crisi comiziali. Pertanto andrebbero ridotte in modo graduale, e per farlo potrebbe chiedere aiuto ad uno specialista.
Un percorso psicoterapico le permetterebbe di comprendere e affrontare i suoi problemi trovando nuovi modi di sentire e "stare nel mondo".
La richiesta di informazioni circa il suo stato è un modo di prendersi cura del suo problema. Un passo, le auguro, nel cammino del suo benessere.
Saluti
S. C.

Dott. Silvia Canepa Psicologa Psicologo a Cagliari

10 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 APR 2013

caro Pio,
ha parlato col suo psichiatra di questa situazione? di farmaci ne esistono tanti, magari potrebbe sostituirlo con uno equivalente... ma lei fa o ha fatto psicoterapia? i farmaci da soli "ci mettono una pezza" come si suol dire, ma possono non risolvere il problema. La sua sembra un'ansia molto intensa, con ripercussioni anche somatiche, magari parlare regolarmente con uno specialista le potrebbe essere utile per capire cosa succede e perché...
in bocca al lupo per tutto

Anonimo-126894 Psicologo a Roma

272 Risposte

167 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 APR 2013

Gentile Pio, credo che la terapia farmacologica debba essere rivista da uno psichiatra e monitorata nel tempo a seconda delle risposte individuali al farmaco. Assieme a ciò consulterei uno psicoterapeuta che possa rintracciare le cause di questo disturbo. Può informarsi presso questo stesso portale. Cordiali saluti. Dott.sssa S. Orlandini, Torino

Dott.ssa Sabina Orlandini Psicologo a Torino

336 Risposte

207 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 APR 2013

Sarebbe opportuno che abbinassi gli psicofarmaci a una buona psicoterapia contro i disturbi d'ansia. Cio' permette una piu' efficace risoluzione. Cordiali saluti. Dr. Di Carlo Stefano (Bolzano, Trento, Verona)

Dr. Di Carlo Stefano Psicologo a Verona

16 Risposte

10 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 APR 2013

Mi sembra di capire che su un problema di ansia si stanno aggiungendo sintomi di depressione e somatizzazioni. Questo è abbastanza normale considerando la durata di questo problema e, soprattutto, il fatto che non abbia trovato soluzioni adeguate. I farmaci possono intervenire momentaneamente sui sintomi ma non vanno a trattare le cause del suo problema. Prenda in considerazione l'idea di fare una psicoterapia, di solito i problemi di cui parla non hanno a che fare solo con squilibri ormonali o problemi neurologici, ma anche e soprattutto con la gestione delle emozioni, la sua visione del mondo e delle relazioni.
Un saluto
Dr Scialanca

Zen Garden-centro di psicologia, psicoterapia e formazione Psicologo a Diamante

6 Risposte

19 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 APR 2013

Buonasera,
è sicuro di seguire alla lettera le indicazioni del suo psichiatra che lo segue - dato che do per certo visti i cinque anni di xanas- e lo informi di questi sintomi, vomito da sovradosaggio. E valuti l'opportunità di un supporto psicologico da affiancare alla farmacologia per la sintomatologia ansiosa.

Psicologia E Benessere Psicologo a Roma

311 Risposte

231 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 APR 2013

Buongiorno gentile Pio,
cinque anni solo con benzodiazepine non corrisponde ad una cura farmacologica esatta. E' sicuro di eseguire regolarmente la cura data dal suo psichiatra di fiducia? I sintomi che lamenta possono essere riconducibili ad un sovradosaggio ma questo può solo confermarlo lo psichiatra. Lo Xanas è solo un sintomatico, nel suo caso la cura dovrà comprendere un aggiustamento sia della posologia che l'integrazione farmacologica di altro.
Spero di esserle stata d'aiuto.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2858 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 APR 2013

Gentile Pio,
per quanto riguarda il farmaco sarebbe opportuno consultare uno psichiatra , cui spiegando gli effetti dell'attuale farmaco possa somministrarle una terapia adatta. Può comunque seguire la terapia farmacologica contestualmente a quella psicologica per attutire a livello interno il disagio che l'ansia le provoca.
Cordialmente
dott.ssa Cristina Mencacci

Dott.ssa Cristina Mencacci - Psicologa Psicologo a Perugia

366 Risposte

191 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 APR 2013

Gentile Pio,
rispetto agli effetti collaterali dei farmaci le consiglio di rivolgersi al medico che glieli ha prescritti, meglio sarebbe rivolgersi allo psichiatra: spesso una modifica nella posologia o nel tipo di farmaco riduce gli effetti collaterali. Per quanto riguarda invece il malessere di natura più emotiva, la migliore soluzione a mio avviso è avviare un percorso di supporto psicologico in modo da affiancare alla terapia farmacologica un intervento più ampio che abbia come obiettivo il raggiungimento di un buon livello di benessere. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

485 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 31200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19350

psicologi

domande 31200

domande

Risposte 107050

Risposte