Ritrovare la voglia di vivere

Inviata da Arresa · 12 giu 2020 Depressione

Salve
a 40 anni vorrei proprio non sentirmi cosi...vorrei avere entusiasmo e tanta voglia di fare...ma non so più cosa sia.

Sin da quando ero adolescente, la mia vita purtroppo è stata costellata da problemi di salute...

A 24 anni scopro un tumore all'utero che mi porta alla sterilità.
Il dramma, il dolore sono stati indescrivibili...ma pensavo di avere accanto l'amore della mia vita che voleva me nonostante tutto, e soprattutto nonostante la mia sterilità ..

Col tempo riesco a capire che l'essere genitori non viene da avere un figlio dentro di te per 9 mesi, ma è qualcosa che va ben oltre 9 mesi.
Ed è solo quello che avrei "perso",ovvero 9 mesi o forse qualcosa in più... e in fondo non era poi tanto.

Cosi vado avanti con la mia vita e dopo qualche anno mi sposo...
ma, appena due anni dopo viene fuori il desiderio nascosto del mio ex di avere una prole con "legami di sangue" e l'incanto finisce.

Da allora sono passati 4 anni.
Nonostante tutto, non riesco ad andare avanti. Tutto mi sembra inutile.Il mio lavoro non mi appassiona più. Gli "amici" sono spariti già da tempo.
Sento che mi trascino avanti ma che nn ho nessun tipo di speranza o voglia di affrontare la vita. Nulla, ma davvero nulla mi entusiasma.

Mi chiedo, ma se sono passata in mezzo a mille situazioni e ne sono uscita... ora perchè mi sento cosi? Mi arrendo... sono cosi stanca....
Passerei volentieri le giornate a letto a non fare niente...ma devo lavorare, ho solo quello.

Grazie per avermi ascoltato

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 GIU 2020

Gentilissima, non poter diventare madre può dare origine ad una profonda ferita, a sentimenti di frustrazione , ad una svalutazione dell'immagine di sé e a sensi di colpa. Si può perdere la speranza e avvertire un senso di perdita. Nel suo caso, sebbene l'impossibilità di avere un figlio la abbia procurato una ferita emotiva profonda e i drammi e i dolori siano stati indescrivibili, ha capito che " l'essere genitori non viene da avere un figlio dentro di te per 9 mesi". E così non si è arresa. Immagino che abbia provato ad affrontare emozioni e sentimenti scomodi, invasivi, di vuoto.
La sua vita è andata avanti e a distanza di un pario di anni si è sposata. Altro passo importante.
In una relazione affettiva però le motivazioni e le aspettative non sempre si incontrano con quelle del proprio compagno. Può capitare di andare incontro a delusioni, a situazioni inaspettate, non desiderate.
Di fronte ad una situazione in cui sente di non poter andare avanti, di trascinarsi e di sentirsi stanca la parola può avere un ruolo importante. Comunicare, aprire dialoghi, accogliere, condividere sono alcuni aspetti che potrebbero aiutarla a non arrendersi.
Dott.ssa Grazia Muscogiuri

Grazia Muscogiuri Psicologo a Castagnito

11 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GIU 2020

Buongiorno,
comprendo il suo dolore per una questione così delicata, ma non si arrenda. È bene che lei si prenda cura di sé. Le consiglierei di chiedere un aiuto ad un professionista per iniziare un percorso psicologico per poter superare questo momento difficile. Mi pare di capire dalle sue parole che in più situazioni si è riuscita a muovere verso ciò che desiderava raggiungendo la sua meta. È attraverso questo lavoro che il soggetto può stare bene, ma a volte ha bisogno di un aiuto per essere guidato verso la guarigione.
Se il suo compagno ha scelto un’altra strada purtroppo va accettato. Nei rapporti si può fare solo il proprio 50%. Il resto lo deve fare l’altro. Nel momento in cui non si riesce ad avere desideri ed obiettivi comuni un rapporto finisce.
Provi a concentrarsi su ciò che la fa star bene e si muova verso la sua meta per raggiungere la sua soddisfazione. Lungo il cammino potrà incontrare altre persone con cui magari troverà affinità e desideri comuni.
Rimango a disposizione.
Un cordiale saluto.
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

475 Risposte

202 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2020

buongiorno Arresa...
questo termine che usa per definirsi può essere letto in tanti modi
le do una lettura che spero la aiuti a riflettere
arrendersi potrebbe essere un inizio.
un lasciar andare
specialmente lasciar andare tutte le sue definizioni:
donna sterile
donna malata
donna che deve dare una prole di sangue
donna che deve affrontare con entusiasmo e voglia di fare.
lasciarle andare per poter. riscoprire chi è davvero aldilà di tutte queste definizioni.
a volte la stanchezza viene per la fatica di dover dimostrare di essere in un certo modo e così non si sa mai chi si è e cosa si vuole davvero.
le consiglio di farsi aiutare a vedere oltre, a cominciare un percorso verso la sua autenticità, solo così troverà quello che è più adatto a lei. uomini, situazioni, entusiasmi.
a volte certi accadimenti di vita, di salute come il suo ci costringono a farci forza per andare avanti e cercare la normalità ma solo il rispetto della nostra autenticità ci porta a star bene. credo sia arrivato il momento per lei di prendersi cura di sè. si faccia aiutare

Dott.ssa Laura Legora Psicologo a Voghera

15 Risposte

7 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2020

Gentilissima,
un percorso psicologico sarebbe davvero utile per riscoprire le sue qualità e debolezze e trasformarle in forza. Accetti comunque questo momento come necessario per smettere di combattere e capire i suoi veri bisogni. Riparta da se stessa e trovi un senso alla sua vita anche solo temporaneo, perché il senso della vita cambia e evolve con noi.
Buona giornata

Monticone Alessandra Psicologo a Asti

238 Risposte

94 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2020

Cara, mi sembra sia urgente l’inizio di un percorso di psicoterapia che possa cercare la strada per uscire dalla morsa della depressione. Le esperienze dolorose che ha avuto sono evidentemente in questo momento arrivate a saturare le sue risorse ed è necessario un contesto terapeutico che la aiuti a riprendere le fila della sua vita e a rimettersi in cammino.
Dott.ssa Michela Roselli

Dott.ssa Michela Roselli Psicologo a Aprilia

135 Risposte

48 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2020

Salve,
Non è detto che vivere queste situazioni e andare via sia sinonimo di averle superate qualcosa di queste esperienze sono rimaste e bisogna elaborare per tornare al proprio benestare psicofisico. Un percorso psicoterapeutico la potrà aiutare a non cadere ancora più giù. Per qualsiasi altro dubbio mi può contattare. Dott.ssa Cristina Gammella

Dott.ssa Cristina Gammella Psicologo a Campli

23 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2020

Buongiorno,
dalle sue parole si sente la difficoltà che sta incontrando nel gestire la sua vita al meglio.
E' sempre possibile una nuova narrazione del passato e una nuova scrittura del presente e del futuro. Si prenda spazio e tempo per questo. Non demorda perché la sua richiesta merita tanta attenzione!.
Si rivolga ad una terapeuta della sua zona che possa aiutarla.
Rimango a disposizione.
Un caro saluto.

Dott.ssa Nadin Della Bella Psicologo a Torino

15 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2020

Gentile Arresa,
è proprio l’averne passate tante che produce resa, stanchezza e un latente stato di arrendersi.
Credo le sarebbe utile un un aiuto psicoterapeutico per rielaborare esperienze di perdita, vissuti e da lì che nascono nuove scoperte.
Rimango a disposizione
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

421 Risposte

123 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GIU 2020

Cara Arresa, emerge una sofferenza ben comprensibile, nonché una difficoltà a riconoscersi: è sempre riuscita ad affrontare situazioni di grande difficoltà, e adesso fa fatica. Inoltre, non è come vorrebbe essere o sentirsi! Cosa accade? Dal messaggio emerge certamente una chiusura di possibilità d'azione nel futuro: non c'è un senso, il lavoro non Le da soddisfazione, il contesto relazionale è assente, non c'è un progetto; quello della maternità è chiuso da tempo e ha portato, peraltro, a ulteriori chiusure anche sul piano affettivo, impedendoLe di riprogettarsi sotto un differente ruolo. Ha sicuramente una flessione del tono dell'umore che comporta apatia, riduzione di energia e di volontà, e difficoltà a terminare la giornata; tutto questo è il piano "sintomatologico" di quella impossibilità di vedere un futuro possibile (e quindi di trovare un senso all'esistenza) che ho appena accennato. Ha valutato una psicoterapia? l'obiettivo è proprio la riapertura di possibilità d'azione secondo orizzonti d'attesa identitari e possibili, per riprogettarsi con fiducia nel futuro. Servono impegno e motivazione ma ne varrebbe la pena. A disposizione, DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

590 Risposte

420 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16600

psicologi

domande 22950

domande

Risposte 84300

Risposte