Paura di andare a convivere con l'uomo che amo

Inviata da Lydia · 2 giu 2020 Terapia di coppia

Salve, ho 26 anni e da un anno ho una relazione con uomo che amo tantissimo. Sebbene i litigi non siano mai mancati (come in qualsiasi coppia, penso), fin da subito abbiamo sentito entrambi il desiderio di andare a vivere insieme. Avremmo dovuto farlo mesi, ma per via delle circostanze legate anche al Coronavirus, siamo stati costretti a rimandare. Adesso sembra che sia quasi tutto pronto e io ho paura. Ho desiderato questo momento per mesi, mi arrabbiavo quando vedevo che lui non si impegnava abbastanza per velocizzare i lavori e adesso che il momento è quasi arrivato io non mi sento più sicura di voler fare questo passo. Ho paura di fare la scelta sbagliata, di non essere pronta a fare la "donna di casa" e assumermi tutte le responsabilità che la convivenza comporta; ho paura di essere infelice e di scoprire solo dopo di aver scelto l'uomo sbagliato.
Le mie sono solo paure legate alla difficoltà di staccarmi dalla mia comfort zone? Ho sempre vissuto in casa con i miei genitori, che non mi hanno mai spronato a vivere per conto mio - anzi tendono sempre a volermi lì con loro -.
Aggiungo anche che la nostra situazione economica non è delle più rosee, ma questo non mi ha mai fermato in passato. In cuor mio sento che sono pronta a voler portare la mia relazione ad uno stadio successivo, ma è come se una parte di me fosse bloccata. Cosa posso fare per superare questo blocco e vivere questo momento con la gioia e la serenità che avevo tempo fa? Non voglio rimanere bloccata e vivere una vita a metà.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 GIU 2020

Cara Lydia,

se non "vive" l'esperienza della convivenza, come può sapere a priori se sarà infelice o meno?
Non è mai facile accettare dei cambiamenti così radicali, ma sono necessari per progredire e crescere. Faccia presente al suo ragazzo tutte le sue paure con sincerità, e vedrà che saprà trovare argomentazioni giuste per farle superare questo blocco. Se il "blocco" persiste, forse qualcosa è cambiato in lei. In tal caso dovrebbe guardarsi dentro e prendersi la responsabilità di ciò che sente o meno.

Cordiali saluti

Dott. Emmanuele Rosito Psicologo a Guglionesi

146 Risposte

376 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 GIU 2020

Cara Lydia, ogni turning point esistenziale comporta sentimenti positivi ma anche paura e preoccupazione per l'ignoto, pertanto in un certo senso è sicuramente legittimo che Lei senta questa sensazione. Tuttavia, dal Suo messaggio emergono anche alcuni temi differenti: parla di fare la donna di casa, assumersi responsabilità, di un uomo forse "sbagliato". Questi andrebbero approfonditi: quale è il progetto personale e condiviso? Cosa vuole per se stessa e come è stato negoziato l'aspetto relativo ai ruoli nella coppia? È avvenuto qualcosa nel periodo di quarantena? Il modo migliore per affrontare questo genere di situazioni è sempre quello di comunicare apertamente al partner i propri dubbi e le proprie difficoltà, per condividere insieme e rinegoziare alcuni aspetti della relazione che, giocoforza, si trovano a cambiare quando inizia una convivenza. Ci saranno certamente delle dinamiche che andranno affinate con il tempo, la pazienza, e l'impegno. Questo però è possibile e funzionale solo e soltanto nella misura in cui la scelta della convivenza sia per lei identitaria e autentica, ovvero, corrisponda al suo progetto di vita e permetta l'apertura di possibilità di azione e di sensazione positive e foriere di felicità e serenità. Se emergono aspetti di costrizione, di assunzione di ruolo percepito come non proprio, e via dicendo, forse è opportuno fermarsi un attimo e approfondire meglio alcuni aspetti per capire quali significati Associati alla convivenza o ai ruoli all'interno di questa relazione lei non riesce ad afferrare completamente o a configurare pienamente. Dando un senso a questa sensazione di paura è possibile affrontarla e risolverla. Se dopo il confronto con il compagno permane questa paura, provi a contattare uno psicoterapeuta per un percorso volto a comprendere quale possibilità futura sia davvero Sua. A disposizione, cordialità, DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

1001 Risposte

1014 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17850

psicologi

domande 27250

domande

Risposte 94100

Risposte