Non accetto il suo passato che temo sia ancora il presente

Inviata da claudio · 10 ago 2016 Terapia di coppia

Ho 50 anni, sino a quattro anni fa avevo una famiglia, moglie e due figli di 10 e 12 anni. Una famiglia normale con una vita normale anche dal punto affettivo. All'improvviso mia moglie si innamora di un altro uomo e il nostro rapporto finisce. Ho vissuto due anni da single dedicandomi ai figli. Sono stati due anni bellissimi nonostante il grande dolore. Ho fatto tutto insieme a loro, fine settimana, ferie. Sono un padre molto presente. Poi un anno fa incontro una donna, 47 anni, single, dolcissima, il classico colpo di fulmine. Iniziamo un rapporto stupendo e da sei mesi viviamo insieme. Con la mia ex moglie piena armonia, con i figli tutto bene. Ed allora dove è il problema? La mia compagna mi ha raccontato troppo della sua vita precedente. Mi dice subito che da nove anni ha una relazione con un uomo sposato e con figli, un uomo di 65 anni. Chiude immediatamente questo rapporto ma la cosa mi turba tremendamente. Io non approvo le storie extraconiugali, non stimo gli uomini che per egoismo tradiscono e si tengono moglie e amante, però in questo caso non accetto neppure la differenza di età. Mi pare una bruttura. Fatico ad accettare questo rapporto perché in fondo comprendo che fatico ad accettare la mia compagna, continuo a chiedermi cosa non va in lei. Come si fa ad andare a letto con un uomo di 65 anni avendone 47? Senza che io glielo abbia chiesto lei mi ha fatto vedere delle foto di lui quindi posso dire che gli anni che ha li dimostra tutti. Come si fa a portare avanti una vita da amante per nove anni senza pensare, neppure per un attimo, di uscirne per riappropriarsi della propria vita? Anticipo eventuali obiezioni: lei è brutta? Tutt’altro, è una donna molto piacente con un fisico da ragazzina. Lei ha problemi economici o culturali? Assolutamente no, è laureata ed è dirigente in una grossa azienda e di conseguenza ha un tenore di vita da benestante. Lui è ricco? No, assolutamente no. Ne abbiamo parlato a lungo, le ho detto dei problemi che avevo ad accettare questa parte della sua vita. Tra l’altro lui nei primi mesi ha provato ad inserirsi nella nostra vita con alcune azioni di poco conto però a dir poco infantili. Con tanta fatica e mesi di poca serenità riesco a superare questo problema e ritrovare serenità e felicità, sino a dieci giorni fa quando lui ha un lutto in famiglia (il papà ultranovantenne cade dalle scale e muore) e la mia compagna si fa 140 chilometri tra andata e ritorno per andare al funerale (lui abita in un'altra città). Il mondo mi crolla addosso, ma allora, mi chiedo, anche se non si vedono più (spero) di fatto affettivamente lui è ancora presente nella sua vita. In più la mia Compagna non conosceva il papà (ovviamente non frequentava la famiglia) però conosce la moglie di lui (prima di diventare amanti si frequentavano). Mi chiedo, al di là di tutto, come ci si può presentare davanti alla moglie e guardarla negli occhi dopo che per nove anni si è stati l'amante del marito? Ne abbiamo parlato, ho rimesso in discussione il nostro rapporto e lei si giustifica dicendo che semplicemente voleva manifestargli la sua vicinanza, che non ha dubbi rispetto al nostro rapporto, che si rende conto di aver commesso un errore. Un rapporto il nostro veramente bello, io la amo ed anche lei mi ama (almeno credo), lei è sempre presente, non mi fa mancare il suo affetto però questa situazione sta rischiando di rovinarlo. Ho bisogno di capire, di comprendere cosa lei è veramente, cosa per lei è stata questa relazione di nove anni che forse giudico malata e cosa prova per lui. Mi rendo conto che sarà difficile per me superare questa nuova prova. Forse sto sbagliando io? Forse vedo un problema che in realtà non esiste? Forse i mie principi m’impediscono di comprendere che non tutto ciò che ritengo sbagliato in effetti lo è veramente? Ringrazio per la risposta.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 AGO 2016

Gentile Claudio,
comprendo le sue preoccupazioni e le sue ansie rispetto al futuro di questa storia d'amore. Quando le persone che frequentiamo ci deludono o feriscono, spesso siamo inclini a vedere in loro quello che ci ha fatto soffrire nel nostro passato Lei si dice contrariato dalle relazioni extraconiugali e per questo non comprende a pieno i gesti e le azioni della sua attuale compagna. Mi rendo conto della difficoltà e dell'incertezza che lei sta sperimentando in momento. Quello che le vorrei domandare è se effettivamente il suo matrimonio è finito di colpo per l'amore "improvviso" della sua ex moglie per un altro uomo. Forse uno spunto importante di riflessione potrebbe trovarlo proprio in quell'evento doloroso della sua vita. Forse prima di compromettere un rapporto che lei stesso definisce stupendo, potrebbe essere utile cercare di capire se quello che ci da davvero fastidio sono le azioni degli altri oppure le nostre stesse paure.
Un caro saluto
Dott.ssa Laura Tullio

Dott.ssa Laura Tullio Psicologo a Ciampino

15 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 AGO 2016

Buongiorno Claudio,
mi pare molto pertinente la domanda che lei sei pone: "forse i mie principi m’impediscono di comprendere che non tutto ciò che ritengo sbagliato in effetti lo è veramente?" Penso che proprio a partire da ciò si può aprire e sviluppare un lavoro di proficua ricerca di benessere per lei e per le persone a lei vicine.
Cordiali saluti
Studio dr. Gramaglia Giancarlo
Via assisi 6, Torino

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

471 Risposte

198 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 AGO 2016

Caro Claudio
io penso che lei sia una persona che pensa molto.
C'è una predominanza mentale; lei vuole capire e capire e non le bastano mai le spiegazioni che riceve.
Insomma lei è un tipo che si complica le cose, o perlomeno, le sta complicando in questo momento.
Più semplicemente dovrebbe accettare che la sua attuale compagna può aver trovato delle affinità con quest'uomo di 65 anni e che se pure non è bello, ricco ed elegante, possa essere riuscito ad entrare in empatia con lei.
Il fatto poi che sia sposato ecc... non significa che, in qualche modo, non possa essersi sentito solo e magari, due solitudini del tutto diverse si sono incontrate.
Lei fa male a nutrire questra gelosia retrospettiva perché proprio questa non le permette di accettare che la sua compagna abbia scelto lei.
Certo però se lei si dimostra geloso e un poco "meschino" e tanto preoccupato... non incentiva al meglio la relazione.
Lasci andare il passato e si concentri su voi due.
Un caro saluto
Dott: Silvana Ceccucci Psicologa psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6941 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 AGO 2016

Gentile Claudio,
penso che lei sia un pò superficiale quando dice che sua moglie "all'improvviso" si è innamorata di un altro uomo ed il matrimonio è finito.
Forse vi è da fare qualche collegamento col suo carattere rigido dimostrato, tra l'altro, dalla "gelosia retroattiva" nei confronti della sua attuale compagna.
I suoi dubbi espressi nelle domande che pone alla fine della sua mail sono perciò giustificati e meritano approfondimento in un percorso di psicoterapia che le consiglio.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6918 Risposte

19228 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 AGO 2016

Claudio...tu, giustamente, hai emozioni e pensieri da maschio e dai per scontato che per una donna sia uguale.
Nello stesso modo in cui per te fare sesso con una 80enne provoca ribrezzo, ritieni che lo stesso sia per una donna.
Lo stesso errore fanno le donne, ritenendo che un uomo abbia le loro stesse emozioni e pensieri.
Non è vero, i due cervelli sono del tutto diversi, specialmente dal punto di vista dell'attrazione sessuale.
Un uomo è attratto dall'aspetto fisico, la personalità della donna gli interessa relativamente o magari neppure ci bada.
Per una donna è l'opposto, l'aspetto è relativo e l'attrazione è dovuta ad aspetti caratteriali che vede nell'altro.
Questo,solo per spiegarti come una carina 47enne possa "andare con un vecchietto".
In quanto a se ci pensa ancora o no, un certo H.S.Sullivan, psichiatra degli anni 50, disse "tutto quello che entra nel cervello non ne esce piu'".
Solo gli alzheimer dimenticano completamente, e lei non è malata di questa malattia.
Ha avuto una relazione col 60enne ed ora ce l'ha con te.
Se sei "geloso del passato", questo è un tuo problema, significa che sotto sotto hai l'idea che, prima o poi, la donna importante della tua vita ti rifiuterà, come probabilmente faceva mamma (forse ti teneva il muso, o faceva sguardi gelidi, o si assentava) e, guarda caso, ha fatto tua moglie risvegliandoti la ferita infantile.
Una psicoterapia potrebbe aiutarti.
Coraggio, e vivi la vita giorno per giorno.

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

406 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 AGO 2016

Gentile Claudio,
a mio avviso lei si arrovella inutilmente. Se finora non è riuscito ad avere una sufficiente serenità con la sua donna, ne parli con uno psicologo psicoterapeuta. Questo professionista infatti con ogni probabilità saprà vedere aspetti del vostro rapporto e della vostra comunicazione che ora le sfuggono e le indicherà le vie per migliorarli.
Le sembrerà una risposta banale, ma in realtà vuole evitare il rischio di risposte approssimative, generiche e poco fondate., perchè un colloquio approfondito è indispensabile per ottenere gli scopi anzidetti.
Le consiglio uno psicoterapeuta della Gestalt. Anche una consulenza on line può essere sufficiente allo scopo.
Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

718 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 AGO 2016

Gentile Claudio,
posso immaginare il senso di smarrimento e confusione che sta provando in questo momento della sua vita. Più spesso di quanto immaginiamo ci lasciamo condizionare dalle nostre paure e dai nostri pensieri. Quello su cui la spingerei a riflettere è di quale passato sta parlando, quello della sua compagna o del suo? cosa davvero non riesce ad accettare? Lei scrive che il suo matrimonio è finito improvvisamente perché la sua ex moglie si è innamorata di un altro uomo. E' davvero sicuro che queste due esperienze non generino sentimenti e pensieri in qualche modo legati tra loro?. Prima di rovinare un rapporto che lei stesso definisce stupendo, provi ad ascoltarsi ancora una volta.
Un caro saluto
Dott.ssa Laura Tullio

Dott.ssa Laura Tullio Psicologo a Ciampino

15 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84200

Risposte