Mio figlio

Inviata da Amalia Tarantino · 10 apr 2017 Psicologia sociale e legale

Come posso aiutare mio figlio di 11anni ,che pensa di essere grande e nn aver bisogno di adulti che gli impongono le basi per crescere ?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 APR 2017

Salve Amalia
In che occasioni suo figlio dice questo?
Come si sente lei a riguardo?
Resto a disposizione
Dottssa Fabrizia Tudisco

Dott.ssa Fabrizia Tudisco Psicologo a Napoli

502 Risposte

975 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 APR 2017

Salve Amalia,

La parola chiave è ascolto. In tal caso, essendo suo figlio in un momento critico come lo è ogni preadolescente, la cosa importante che un genitore può fare è permettergli di esplorare il mondo. Allo stesso tempo è sempre necessario mantenere il ruolo di genitore, senza eccedere nel permissivismo o nell'imporre divieti troppo rigidi.

Non è semplice giostrarsi tra questi due estremi, ossia, essere protettivi ma senza precludere ai nostri figli di poter fare esperienza del mondo circostante.

I genitori sono spesso in questa fase molto ansiosi e si sentono in dovere di prevenire esperienze negative o delusioni dei figli, o in altri casi scelgono di non venire allo scontro con essi, favorendo in tal modo un permissivismo eccessivo.

L'adolescente non ha bisogno ne dell'eccessiva protezione ne dell'eccessivo permissivismo. Il motivo è che in entrambe gli approcci sperimenterà di non essere ascoltato, preso in considerazione.

La modalità che paga di più è quella di essere pronti ad ascoltare le sue esigenze e le sue aspettative, fare cioè, in modo che lui sappia che c'è un punto di riferimento con il quale può confrontarsi e dove può cercare supporto.

Ovviamente ciò non implica assecondare tutte le sue richieste. Il genitore dovrebbe sempre comunicare la sua posizione, ma il modo in cui farlo farà la differenza.

Ascoltare, comprenere cosa nostro figlio sta sperimentando (emotivamente), condividere con lui il nostro pensiero a riguardo, comunicare la nostra decisione,

Cordiali Saluti,

Psicoterapeuta Dr. Pietro De Trucco Psicologo a Napoli

39 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 APR 2017

Riconoscere il suo bisogno di crescente autonomia (del tutto normale, nella preadolescenza) ma anche la sua età cronologica ed evolutiva che non consente ancora a suo figlio di orientarsi da solo. Per cui, occorrono piccole e crescenti modifiche nello stile educativo, che però mantengano saldo e non discutibile il ruolo genitoriale di orientamento sulle scelte più importanti. Occorre perciò in questa fase:
- un buon dialogo con suo marito per riformulare concordemente le "priorità" nella crescita di suo figlio, su cui non si può transigere, e le questioni o materie su cui si può cominciare a concedergli possibilità di scelta e decisione.
- un'attività piuttosto impegnativa e faticosa, ma determinante, di "regolazione dei confini" (orari, permessi, concessioni, scelte nel modo di vestire o nel "look", nell'alimentazione, nello studio, nei tempi da poter dedicare a computer o smartphone, etc.), che dovranno pocco a poco estendersi con l'avanzare dell'età, ma solo e parallelamente all'assunzione da parte di suo figlio di crescenti responsabilità e dalla dimostrazione di una crescente capacità di autoregolazione.
Il compito di genitori in questa fase di crescita dei figli è essenziale malgrado le dichiarazioni di "inutilità" o gli atteggiamenti di rifiuto e contestazione che possano da loro provenire: le loro sfide all'autorità non sono mirate ad abbatterla, ma a sondare ....fino a che punto ppotersi spingere, e quindi avere una mappa più chiara di se stessi e del mondo esterno.
E' un viaggio affascinante, anche se a volte turbolento, perché porterà poco a poco lei e suo marito a scoprire anche tutte le risorse e caratteristiche del piccolo "uomo in camino" che è attualmente suo figlio.
Auguri!

Centro PER.FA.RE. PERsona FAmiglia RElazione Psicologo a Napoli

34 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 APR 2017

Gent.le Amalia,
Sarebbe sicuramente utile approfondire a quali comportamenti ti riferisci nello specifico per poter riflettere di più sulla vostra storia.
In generale, tuo figlio sta entrando in un'età in cui sfidare i limiti genitoriale è fisiologico e rappresenta un ulteriore gradino nella costruzione della sua identità. Questo non significa però che tu non possa continuare ad essere la sua base sicura, anzi. Questo è il delicato momento in cui il ruolo da mamma, e in generale quello genitoriale, viene messo più in discussione dai figli ma non deve vacillare, evitando magari di risultare troppo autoritari ma mantenendo comunque fermezza con qualche accenno neanche troppo moderato di empatia e comprensione.

Non demordere!
dott.ssa Cinzia Correale

Associazione MinD - Mettersi in Discussione Psicologo a Roma

17 Risposte

14 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 APR 2017

Gentile signora Tarantino, da poche informazioni per poterle fornire anche un piccolo consiglio, la preadolescenza non è un'età semplice. Magari provi a contattare un collega della sua zona di residenza per avere uno spazio adeguato ed essere sostenuto nel duro compito di genitore! Un caro saluto, dott.ssa Caccavale Carmela, Psicologa, Psicodiagnosta, Neuropsicologo, Afragola (NA).

Dott.ssa Caccavale Carmela Psicologo a Afragola

81 Risposte

151 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 31200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19350

psicologi

domande 31200

domande

Risposte 107000

Risposte