Mi sembra di stare sempre ferma

Inviata da Serena · 23 gen 2017 Crisi esistenziale

È da qualche tempo che penso di rivolgermi a uno psicologo perché vivo da sempre la mia vita con disagio, ma rimando sempre come in tutte le altre decisioni, anche le più semplici. Sono sempre stata timida e fino ai vent'anni avevo degli atteggiamenti di chiusura, quasi "autistici" nei confronti soprattutto di chi non conoscevo. Con l'università sono riuscita a sbloccarmi un poco, ma questo disagio è quasi ricomparso quando sono andata a vivere da sola all'estero per un anno, non riuscivo a fare amicizia e mi sentivo depressa la maggior parte del tempo. Mi succede sempre di sentirmi inadeguata, non riesco a parlare con chi non conosco e così non incontro spesso nessuno di nuovo, mi lascio intimorire dalle persone e non trovo lavoro anche a causa del mio carattere (su cui a un colloquio in agenzia mi hanno detto di lavorare). Il fatto è che da sola non so proprio come fare e vorrei uscire da questa spirale di inadeguatezza e ansia in cui mi sento costretta la maggior parte del tempo, vorrei essere una persona a cui gli altri si avvicinano e con cui piace passare il tempo. In più a casa coi miei non c'è proprio una bella atmosfera perché litigano quasi ogni giorno da quando ero piccola e sono abbastanza appiccicosi e ansiosi , infatti il mio desiderio più grande è quello di sistemarmi per conto mio, ma per motivi economici non mi è ancora possibile. Ho sempre superato le mie difficoltà nella vita da sola ma sento di essere arrivata a un punto in cui ho bisogno di svilupparmi e rendermi migliore e non sentirmi più ferma sempre nello stesso punto, ma di avanzare come vedo fare a tutti gli altri attorno a me. Spero che possiate darmi un consiglio su cosa fare, vi ringrazio in anticipo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 21 FEB 2017

Gentile Serena,
Ti consiglio di smettere di rimandare e di parlarne appena puoi con uno/a psicologo/a, perché questi tuoi vissuti di inadeguatezza e di timore verso gli altri vanno approfonditi.
Bisogna capire se c'è diffidenza e poca fiducia negli altri quando dici che fai fatica a parlare con persone nuove oppure se si tratta di paura di esporsi, perché magari temi di essere ferita dagli altri o temi che l'immagine che hai di te venga messa in discussione se ti esponi agli altri.
Ricordati che nella vita se si vuole cambiare, migliorare e ottenere qualcosa occorre un po' rischiare: perciò rischia provando a comportarti in maniera diversa. Cosa farebbe la nuova Serena una volta che avesse superato le sue difficoltà? Parti dal più piccolo cambiamento e dalla più piccola cosa che farebbe la nuova Serena e falla, portandola avanti per diversi giorni.
Riguardo al senso di inadeguatezza, occorre che tu comprenda cosa ti riesce bene, quali sono le tue risorse e i tuoi pregi. Potrebbe essere anche che tu abbia un'idea di perfezionismo, cioè un'idea in mente di come dovrebbero esser fatte le cose per andare davvero bene e che tu confronti queste idee di come andrebbero fatte le cose perfettamente con quello che puoi fare tu, ma andando avanti con questo ragionamento ne uscirai sempre sconfitta, proprio per questo perfezionismo e per le aspettative elevati sugli altri e su come dovrebbero esser fatte le cose. Abbandona questa idea di perfezionismo, pensa semplicemente a fare le cose come ti vengono, al meglio delle tue possibilità ma sensa farne un dramma se la tua aspettativa elevata non si verifica. Ricorda che spesso la realtà non coincide con le aspettative elevate e questo vale per te ma anche per tutti gli altri. Gli altri non sono necessariamente e sempre migliori di te, tienilo presente.
Rifletti su cosa in particolare non ha funzionato ai colloqui: tono di voce troppo basso e insicuro? Postura, voce e formulazione delle frasi che denotava insicurezza? Risposte troppo corte? Prova a esercitarti a casa su come fornire le risposte richieste. Un corso di teatro potrebbe esserti utile per usare in maniera più consapevole la postura e la voce e allo stesso tempo ti permetterebbe di metterti in gioco con altre persone in un contesto dove non devi rivelar troppo di te stessa ma piuttosto devi interpretare altri personaggi.
In ogni caso ritengo per te approfondire la situazione parlandone con uno/a psicologo/a.
Ti auguro tutto il meglio.

Cordiali saluti,

Dott.ssa Elisa Canossa, psicologa psicoterapeuta a Padova e Sustinente (MN)

Dott.ssa Elisa Canossa - Studio di psicologia e psicoterapia Psicologo a Sustinente

725 Risposte

2254 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Vedere più psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Altre domande su Crisi esistenziale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 31150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19300

psicologi

domande 31150

domande

Risposte 106900

Risposte