Lui non mi capisce o fa finta? Cosa dovrei fare?

Inviata da Emy · 16 mar 2017 Terapia di coppia

Ho una relazione a distanza di quasi 6 anni con un ragazzo di due anni più piccolo di me. Ho 22 anni al momento e pensandoci ora sarei dovuta scappare molto tempo fa per poter tornare ad essere felice. Il problema è che siamo come la luna e il sole, lui è freddo, distaccato, materialista con un passato burrascoso e con genitori che gli hanno dato pochissimo affetto e la bellezza di 6 fratelli. Io invece ho sempre ricevuto tantissimo amore e affetto da genitori e parenti e sono figlia unica. E da qui nasce tutto, lui deve badare al fratello più piccolo sempre, persino quando studia (e siamo entrambi all'università) non ha quasi mai tempo per sé, mentre io vorrei stare sempre con lui, ho sempre resistito in tutti questi anni perché lui prima faceva di tutto per ritagliare tempo per noi, ma da qualche anno ci ritroviamo a litigare sulle stesse cose, sempre le stesse in tutto e anche se provo ancora qualcosa per lui, non sento più il calore che mi dava una volta...tra l'altro abbiamo litigato una settimana fa e da allora lui non si fa più sentire, mi disse che non voleva sentirmi per un po' perché arrabbiato...ma è amore questo? Secondo me no..se si litiga così per "stupidaggini" non oso immaginare come potrebbe essere per cose veramente serie in futuro...ormai parliamo pochissimo e quando gli dico che mi fa star male non sentirci nemmeno al telefono o farci una bella chiacchierata si arrabbia, vorrei tanto andarmene ma sono diventata debole anche se so che dovrei farmi forza per tornare a stare meglio...si può chiamare amore sparire per giorni e giorni mandando solo un messaggio della buonanotte come per dire "sei ancora mia", come se volesse tenermi per lui anche se non prova più lo stesso per me...mi sento tanto sola e triste...ci sono alti e bassi continui e si arrabbia per ogni cosa e io mi lamento perché non sento più amore né passione né mi sento desiderata, vorrei finirla ma mi chiedo se mi ama ancora come dice...quindi, alla fine, la mia domanda è: si può chiamare amore non sentire il bisogno di far subito pace o chiarire e sparire per giorni senza sentire il bisogno di parlare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 MAR 2017

Cara Emy, vi siete fidanzati molto giovani. Il tuo ragazzo ha 20 anni, è un adolescente e come tale pieno di dubbi e insicurezze. Come ho più volte ribadito la copia per crescere ha bisogno di quotidianità , di incontri/scontri che permettono di conoscersi. Approfitterei, al tuo posto, di questa occasione per prenderti una pausa di riflessione e guardarti intorno e vicino. Auguri dr. Annalisa Lo Monaco

Dott.ssa Annalisa Lo Monaco Psicologo a Roma

551 Risposte

793 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAR 2017

Cara Emy, come ho ribadito più volte, nelle coppie giovani le storie crescono con la vicinanza, la frequentazione, gli incontri/scontri quotidiani.... Solo così si può capire chi siamo, chi abbiamo accanto e cosa vogliamo. La tua relazione, a parte il fatto che avevi solo 16 anni, ti ha fatto passare 6 anni con poche gioie e molte difficoltà. Credo sia arrivato il momento di approfittare di questo allontanamento per capire meglio cosa vuoi da una storia d'amore, magari facendoti aiutare da uno psicologo, con il quale capire perché hai deciso di passare sei anni della tua vita con cosi poco amore. Un abbraccio e auguri dr. Annalisa Lo Monaco

Dott.ssa Annalisa Lo Monaco Psicologo a Roma

551 Risposte

793 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2017

Salve,
Non posso darle una risposta univoca, non posso cioè sapere se quello del suo ragazzo sia amore o meno, ma lo domando a lei: il suo (tuo) è amore? O si è trasformato in un simulacro, nella nostalgia di ciò che era amore e adesso non si sa? Non assume di più la forma di un pensiero ossessivo? Intrusivo?
Cara, mi sento di consigliarle caldamente di intraprendere un percorso di conoscenza di sé, per poter rimettere insieme i pezzi, ritrovare la sua sicurezza e andare verso ciò che è più costruttivo per sé, piuttosto che restare intrappolata on una ragnatela.
Resto volentieri a disposizione.

Dott.ssa Sabina Marianelli Psicologo a Roma

122 Risposte

63 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23000 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16650

psicologi

domande 23000

domande

Risposte 84400

Risposte