Non capisco piu mio marito cosa devo fare?

Inviata da Anna il 24 set 2015 8 Risposte  · Terapia di coppia

Buonasera ,mi chiamo Anna, siamo una coppia di ragazzi di 25 siamo insieme da 7 anni , 4 di fidanzamento 3 di matrimonio.. Tutto e cominciato 4 mesi fa mio marito mi dice che non mi ama che non vuole stare piu con me perche in passata abbiamo litigato pesantemente che ora lui non prova piu nulla. Il problema è che lui dice che vuole vedermi anche se ci lasciamo ,Io gli ho chiesto se sarebbe stato felice senza di me mi dice che non lo sa.. Dice che non mi lascia perche a paura che io mi faccia qualcosa..Lui lavora fisso in un albergo torna a casa solo due volte a settimana in quei due giorni lui si comporta come nulla fosse fa il geloso si preoccupa per me abbiamo rapporti intimi ,ridiamo ,scherziamo come niente fosse .. Poi ritorna a lavoro e tutto cambia si allontana .. Lultima volta ho chiesto spiegazioni il perche si comporta bene a casa ,e a lavoro si comporta diversamente, mi a risposto dicendo che non vuole parlare piu di questo problema ecco perche si comporta cosi e rimane con me perche a paura che io mi faccia qualcosa. Le sensazioni che provo con lui nei due giorni mi fanno capire che dentro lui ce qualcosa che mi ama.. Spero che qualcuno mi aiuti perche sto soffrendo tanto grazie in anticipo.

paura , marito , lavoro , insieme , capire

Miglior risposta

Gentile Anna,
non è chiaro per quale motivo suo marito teme che lei compia qualche atto autolesionistico se dovesse decidere di lasciarla. Lei forse glielo ha confidato oppure ha proprio fatto minacce esplicite in questo senso? E pensa davvero di poter fare qualcosa del genere in caso di separazione? Se vuole essere aiutata è' importante che sia sincera con se stessa e con noi riguardo a questa cosa.
Altra cosa che mi viene di chiederle è se, nei cinque giorni in cui sta al lavoro senza tornare a casa (se capisco bene), non le fa nemmeno una telefonata o se è lei a chiamarlo.
Siccome poi, nei due giorni che sta a casa, tutto è normale, anzi sembra andare tutto a gonfie vele, mi viene anche il sospetto che suo marito voglia soltanto spaventarla allo scopo di tenerla sottomessa in modo che non nascano altri litigi futuri che evidentemente non sopporta.
In tutto ciò sarebbe consigliabile una psicoterapia di coppia anche per poter sciogliere questi dubbi soprattutto prima di una ipotetica gravidanza.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Ciao,
comprendo la tua sofferenza ma ti suggerisco di non drammatizzare.
Come tante coppie che sono partite troppo seriamente da ragazzi,sembra che anche al tuo lui stia riemergendo qualche nucleo adolescenziale non del tutto superato. La motivazione secondo la quale lui dice che teme che tu possa fare 'qualcosa' andrebbe subito chiarita, se ancora non lo hai fatto. L'invito ad una terapia della coppia, nel caso specifico è controproducente in quanto lo vivrebbe come una ulteriore responsabilizzazione. In casi analoghi, ho riscontrato che lasciando la 'briglia sciolta', la persona in conflitto si trova davanti a se stessa senza scusanti, quindi viene spinta a ricercare chiarezza in se stessa senza 'usare' il/la partner. Se ti riesce da sola o con un breve supporto psicologico, a metterlo nelle condizioni di non preoccuparsi per quello che tu potresti fare ... potrebbe essere il percorso più adeguato.
Resto a disposizione, se vuoi ulteriori chiarimenti, augurandoti di incominciare subito.
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

28 SET 2015

Anonimo

Ciao,
comprendo la tua sofferenza ma ti suggerisco di non drammatizzare.
Come tante coppie che sono partite troppo seriamente da ragazzi,sembra che anche al tuo lui stia riemergendo qualche nucleo adolescenziale non del tutto superato. La motivazione secondo la quale lui dice che teme che tu possa fare 'qualcosa' andrebbe subito chiarita, se ancora non lo hai fatto. L'invito ad una terapia della coppia, nel caso specifico è controproducente in quanto lo vivrebbe come una ulteriore responsabilizzazione. In casi analoghi, ho riscontrato che lasciando la 'briglia sciolta', la persona in conflitto si trova davanti a se stessa senza scusanti, quindi viene spinta a ricercare chiarezza in se stessa senza 'usare' il/la partner. Se ti riesce da sola o con un breve supporto psicologico, a metterlo nelle condizioni di non preoccuparsi per quello che tu potresti fare ... potrebbe essere il percorso più adeguato.
Resto a disposizione, se vuoi ulteriori chiarimenti, augurandoti di incominciare subito.
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

25 SET 2015

Logo Dott.ssa Carla Panno Dott.ssa Carla Panno

1057 Risposte

611 voti positivi

Gentile Anna,
sarebbe importante sapere i motivi dei pesanti litigi che hanno portato suo marito a mettere le distanze dalla vostra relazione. Il comportamento di lui a casa ha significato in funzione di quello che vi siete detti allora. Valuti di richiedere un sostegno psicologico per se stessa in quanto il livello di tensione e anche angoscia in cui lei versa appaiono notevoli.
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

25 SET 2015

Logo Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta

1715 Risposte

2785 voti positivi

Gentile Anna,
molto spesso per le coppie sposate in crisi c'è bisogno di una terapia di coppia per migliorare la situazione, il che significa che lo psicologo deve poter parlare ed interagire con tutti e due i membri della coppia.
Tuttavia se per il momento si reca da sola dallo psicologo, ciò sarà utile per capire meglio la situazione, i rapporti, eventuali problemi tra voi e i probabili motivi alla base del comportamento di suo marito. Pertanto è sempre consigliabile che almeno uno dei due partner inizi ad andare dallo psicologo psicoterapeuta.
cordiali saluti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

24 SET 2015

Logo Valentina Sciubba Valentina Sciubba

1054 Risposte

697 voti positivi

Buongiorno sig.ra Anna,
quello che mi colpisce di ciò che ha scritto è che 4 mesi fa avete litigato pesantemente e da allora lei ha iniziato a notare una differenza con ciò che prima accadeva tra voi. Certo sarebbe importante capire cosa sia successo, in chiave individuale, ma, e qui mi allaccio a quanto detto da altri colleghi, anche in una consulenza di coppia. Un altro punto che può aprire a una riflessione su come lei sta vivendo questi cambiamenti è che ripete due volte che lui ha paura che lei si faccia qualcosa...perché? Che cosa teme suo marito? è qualcosa che le è capitato in passato oppure è una preoccupazione "esagerata" di suo marito delle conseguenze di una separazione? Lei inoltre ha la sensazione che cambi a seconda della vicinanza o della lontananza dovuta al lavoro, ma è sempre stato così? Di nuovo qui emerge la preoccupazione di lui. Ne ha discusso con suo marito di quali preoccupazioni si tratta? Ha mai pensato di affrontare insieme un percorso di coppia?
Cari saluti
dott. Caruso Nicola

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

24 SET 2015

Logo Dott. Nicola Caruso Dott. Nicola Caruso

7 Risposte

3 voti positivi

Cara Anna,
ricapitolo quello che ci ha scritto: suo marito le dice che non la ama e che ha scelto di restare con lei per timore che lei "si faccia qualcosa"; lei nota che quando rientra dal lavoro si comporta come un marito innamorato. ma appena torna al lavoro diventa distante.

Questa alternanza potrebbe essere parte dell'evoluzione della sua relazione se non fosse che suo marito le ribadisce che non la ama.

Una relazione matrimoniale in assenza d'amore alla lunga è dura da tenere in piedi. Questa cosa va affrontata.

In primo luogo è bene chiariate i sentimenti effettivi di entrambi e, inoltre, va compreso per quale motivo suo marto tema per la sua incolumità.

Avete pensato ad una consulenza di coppia? E' possibile rivolgersi anche al consultorio.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

24 SET 2015

Logo Dott.ssa Francesca Fontanella Dott.ssa Francesca Fontanella

1030 Risposte

2012 voti positivi

Gentile anna,
il suo ragazzo pare avere preso una specie di abitudine in cui durante il lavoro si comporta come se non fosse insieme a lei, salvo poi nei due giorni in cui è a casa comportarsi come se foste insieme. Tutto sommato fra voi si coglie la presenza di una relazione sentimentale, di un rapporto, anche se un poco a corrente alternata. Sembra anche che i litigi del passato siano abbastanza superati e che parte del malessere del suo ragazzo fosse legato a quelli. Secondo me la vostra relazione sta evolvendo positivamente e lei sta dimostrando che anche senza il suo ragazzo riesce a cavarsela e questo è molto importante. Come sa le relazioni per durare devono "maturare" ed è ciò che sta accadendo. Non ne sia troppo turbata. Un cordiale saluto.
Dott Mazzoleni (Lecco).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

24 SET 2015

Logo Dott. Mazzoleni Damiano Dott. Mazzoleni Damiano

100 Risposte

142 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Non capisco cosa devo fare o come cambiare

5 Risposte, Ultima risposta il 27 Febbraio 2016

Quando un marito si isola e non comunica cosa devo fare?

6 Risposte, Ultima risposta il 29 Luglio 2015

Non riesco più a capire cosa devo fare.

3 Risposte, Ultima risposta il 29 Maggio 2017

Cosa devo fare? Non so più se continuare a sperare o voltare pagina

2 Risposte, Ultima risposta il 14 Febbraio 2018

non capisco piu mio marito

3 Risposte, Ultima risposta il 05 Settembre 2017

Non capisco cosa sento e non so cosa fare

1 Risposta, Ultima risposta il 29 Marzo 2019

Non capisco più cosa provo per il mio ragazzo

5 Risposte, Ultima risposta il 14 Settembre 2016