La mia storia è finita da 8 anni. Vorrei riprendermi, come faccio?

Inviata da Anonimo · 26 ott 2016 Dipendenza affettiva

Gentilissimi,

sono una ragazza di 26 anni. Ad agosto 2016 il mio ragazzo mi ha lasciato. Lui ha 33 anni. Lui è stato il primo e unico uomo che io abbia avuto e gli sono sempre stata fedele. La nostra storia è durata quasi 8 anni. La nostra storia ha avuto diversi alti e bassi. Sin dall'inizio sono stata molto gelosa e non sono mai riuscita a mandare giù i suoi amici, in particolare la sua migliore amica. Ho sempre trovato difficoltà a poter progettare con lui, i viaggi fatti, le cose da condividere sembravano essere una mia esigenza mentre lui, pur dicendomi che desiderava condividere tutto con me, a livello pratico non agiva. Le nostre uscite erano diventate la passeggiata delle 19, con me doveva sempre studiare, ma trovava il tempo per le passioni, anche se era una volta alla settimana. Io ero l'appuntamento delle 19, o almeno mi sentivo così. Continuavo ad amarlo e cercavo di fargli capire la mia necessità di condividere, finché mi sono annullata e ci siamo chiusi come coppia verso il mondo esterno. Verso i miei amici è stato sempre poco predisposto. La nostra attrazione sessuale è sempre stata altissima. Lui é sempre stato una perdona dolce, bravissimo con le parole, in grado di farmi sentire al settimo cielo solo dicendomi una frase. Io invece più concreta, agivo con piccoli gesti, un bacio di cioccolata per esempio, oppure svegliarmi alle 6 di mattina con lui, pur non vivendo insieme, quando doveva andare nella città dove studia. Nel 2013 scopro che messaggiava con una ragazza. Mi crolla il mondo addosso. Ero stata pressante e gelosa. Ma pure lui non era da meno. Da quel momento cambio radicalmente, penso che si vuole fregare me la può fare sotto il naso, lo lascio libero e gli do piena fiducia. L'anno scorso vinco un concorso e mi dovevo trasferire al nord. Mentre cercavo casa nella nuova città con i miei genitori, conosco un ragazzo al quale mia madre mi spinge a dare il numero per aiutarlo nella ricerca della casa, anche da lui tanto cercata. Inizia a scrivermi ma dopo tre messaggi o pochi più lo blocco. La conversazione vertí sul fatto che avevo una foto whatsapp con il mio ragazzo e mi chiedeva chi fosse. Lo bloccai subito ma non lo dissi al mio ragazzo. Qualche mese dopo il mio ragazzo si accorge della mia bugia perché vede il numero bloccato dal mio telefono che controlla. Da quel momento mi dice che sono una bugiarda, che gli mento. Come biasimarlo. Anche io avrei reagito così. Faccio di tutto per ripristinare la fiducia. Gli mando le coordinate di dove sono, con chi sto e cosa faccio, ma tutto ciò non gli basta. Fino ad arrivare a fine luglio al matrimonio della sua migliore amica. Mentre si sposa invece di guardare il marito si scambia sguardi d'intesa con il mio ragazzo. Il mio ragazzo non mi tratta bene per tutto il ricevimento lasciandomi sola, oppure chiamato dall'amica corre da lei che dice che io non posso andare perché indosso i tacchi per un gioco organizzato nel mentre del ricevimento. Ci lasciamo. Si presenta dopo due mesi, ossia a fine settembre. In questi due mesi io esco con le mie amiche conosco nuova gente vedo altri punti di vista. Mi accorgo che il mio ex ha dei valori stupendi e sento di amarlo più di prima. Io faccio un percorso su di me, di crescita personale e di presa fiducia in me stessa e nelle mie capacità. Lui torna, ma senza darmi sicurezze, ma dicendomi vediamo come va. Non so perché, ma accetto. Mi sento dolce e disponibile nei suoi confronti, gli dico tutta la verità, chi ho conosciuto, con chi ho parlato e cosi via. Comunque mai l'ho tradito perché lo amo e gli altri uomini non riesco ad immaginarmeli a livello sessuale, mi fa schifo l'idea di stare con un altro uomo. Lui mi dice ogni singolo giorno che secondo lui ho avuto un altro, mi pressa con questa bugia infondata. Abbiamo due rapporti. Da premettere che io prendo la pillola. Durante la 3 settimana ho preso una pillola anticoncezionale dopo le 12 h canoniche..ne ho subito presa una tra le 13 e 14 ore. Non gli dico questa cosa, vado nel panico in quanto lui ha il terrore che possa rimanere incinta. Leggo la parte sbagliata del foglietto illustrativo e credo di dover riprendere un altro blister. Dico questa cosa al mio ex dopo 5/6 gg. Apriti cielo, mi dice sono una bugiarda che non si fida di me, che lo volevo incastrare. Mi fa fare un test di gravidanza ed è negativo. Decidiamo di chiudere definitivamente la storia. Sto malissimo ma so che non è la persona giusta per me. Non so come fare a reagire e lasciare andar via lui perché é come se lasciassi andar via parte di me. Sento che ritornerà quando finirà gli esami ma devo essere forte a respingerlo anche se vorrei instaurare un rapporto civile con lui. Come posso fare per rinforzare il mio carattere e non cascarci di nuovo ? Voglio ricominciare a vivere in maniera serena..grazie a chiunque voglia risponde..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 26 OTT 2016

Carissima Climbin,
quando dice che” lasciarlo andare è fare andare via una parte di se”, ha proprio ragione e ben descrive la situazione di scacco: consapevole di non poterci stare assieme e provata dalla sua assenza. Poter star bene significa prima di tutto riappropriarsi di tutti i propri pezzi, in modo che chi si perde non ci depauperi. Un bravo terapeuta è sicuramente capace ed attrezzato per rifonirla e ridarle forma, la sua forma, quella sensazione di poter essere e di essere, anche senza l’altro, integra e armonica.
Cari saluti
Stefania

Dr.ssa Stefania Ferrari Psicologo a Monza

24 Risposte

100 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 OTT 2016

Gentile ragazza,
la storia raccontata lascia trasparire una relazione abbastanza complicata e conflittuale, pervasa da gelosia e sfiducia reciproca.
E' anche da considerare che chiudere una relazione sentimentale dopo 8 anni, sia pure tra alti e bassi, è alquanto traumatico e sembra che tu sia da un lato convinta che questa relazione interrotta, qualora ripresa, sarebbe comunque sempre foriera di incomprensioni e malessere, dall'altro non sei convinta di voler voltare pagina definitivamente e senza rimpianti.
In tale stato d'animo è consigliabile per te chiedere il sostegno di un percorso psicoterapeutico per arrivare a maturare una migliore capacità di gestione delle emozioni e una maggiore coerenza interiore.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7041 Risposte

20144 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 OTT 2016

Buongiorno climbin, se lei è veramente convinta di voler chiudere questa storia, dal mio punto di vista dovrebbe elaborare la fine di questa relazione con l'aiuto di un esperto. Per lei si è trattato di una storia molto importante, durata molto tempo e molto coinvolgente. Inoltre, lei è molto giovane, quindi è cresciuta insieme a questa persona che per lei ha rappresentato un punto di riferimento fondamentale in una fase importante della vita. E' ovvio che una situazione del genere è molto difficile da gestire. Anche se lei sa che questa persona non è adatta a lei, da un punto di vista emotivo ha delle difficoltà a "lasciarlo andare" e questo è il motivo per il quale potrebbe "cascarci di nuovo". Questo probabilmente perché lei ha bisogno di imparare ad accogliere e a gestire le emozioni che la pervadono per recuperare la serenità ed andare avanti con la sua vita.

Dott.ssa Erica Tinelli Psicologo a Orte

234 Risposte

308 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 OTT 2016

Gentile Climbin,
da ciò che racconta sembrerebbe che stare insieme a questo ragazzo l'abbia spesso fatta vivere male.
Inoltre, sembrerebbe che tra lei e il suo ex ragazzo ci fossero dei problemi di fiducia: è vero che lei gli ha tenuto nascoste alcune cose, ma lui, nonostante le sue spiegazioni, mi pare di aver capito che non le ha creduto. Ha mai pensato a come mai? In questi 8 anni insieme gli ha forse dato motivo di pensare di non essere una persona degna di fiducia?
Attualmente è normale che lei stia male per la vostra rottura, in quanto è fresca, ma se lei crede e sente che lui non è la persona giusta per lei allora prosegua verso questa direzione. Generalmente, si sta insieme a qualcuno per stare bene, non per stare male.
A mio avviso, potrebbe farle bene aprirsi al mondo: esca, si iscrivi in palestra o ad altri sport, conosca nuove persone, trovi nuovi passatempi in cui sperimentarsi.
Se il malessere rispetto a tale rottura si dovesse protrarre nel tempo, allora potrebbe rivolgersi ad uno psicologo per parlare con lui di se stessa e della sua relazione.
Abbia cura di sé!

Un caro saluto

Dott.ssa Giorgia Salvagno Psicologo a Venezia

119 Risposte

97 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Vedere più psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Altre domande su Dipendenza affettiva

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16800

psicologi

domande 23700

domande

Risposte 85600

Risposte