come uscirne fuori?

Inviata da mara · 22 giu 2017 Trauma psicologico

Salve, sono una studentessa universitaria di 22 anni, quasi 3 anni fa ho avuto un brutto incidente stradale. Fortunatamente me la sono cavata con poco (apparentemente) dal punto di vista fisico: dopo 6 mesi di riabilitazione mi sono ripresa; psicologicamente invece, mi ha devastata. Da allora ho cercato di proteggere me stessa "spegnendo" quello che provavo, sia le emozioni belle che quelle brutte. Sono una persona che con difficoltà espone i propri problemi, preferisco risolvere le cose da sola, anche se significa soffocare tutto dentro. E' da quasi un anno che sto avendo problemi a livello fisico, all'inizio non ho riferito nulla a nessuno, non ci davo molto peso perché collegavo tutto allo stress; però a partire dallo scorso Gennaio i miei malesseri sono aumentati, ho fatto vari esami che hanno portato alla diagnosi di un'epilessia secondaria, collegata all'incidente e da allora sono entrata nel circolo della depressione. Tutto intorno a me si è sbriciolato, è ritornato l'incidente, la paura, ma in maniera molto più amplificata. Non riesco ad accettarlo e a far a meno di incolpare me stessa (se fossi andata più piano? se avessi percorso la strada meno tortuosa raccomandata dai miei?). Sono mesi che assumo antiepilettici senza risultati, le crisi sono sempre più frequenti e pesanti, ho provato vari farmaci ma sono resistente, da circa una settimana ho iniziato una nuova terapia e per la prima volta in una settimana non ho avuto una crisi, forse è la strada giusta, voglio crederci ma ho paura. Ho paura quando sto male, ho paura dopo la crisi e mi sento ancora più male nel vedere il dolore e la preoccupazione negli occhi dei miei, spesso riesco a percepire che sto per sentirmi male e mi chiudo in camera. Ho paura di non essere accettata e di essere vista come "quella diversa". Quello che mi stravolge di più è il fatto di non avere più il controllo su me stessa, come se non "comandassi" più io il mio corpo. Ho sempre pianificato tutto, avevo dei progetti, dei sogni a cui ho dovuto rinunciare...vivevo per quei sogni che erano il mio futuro, ora cosa farò?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 23 GIU 2017

Gentile Mara,
l'epilessia post-trauma cranico dovrebbe essere controllata abbastanza bene dai farmaci anti-epilettici, diversi dei quali sono di nuova sintesi.
Pertanto lei può essere ottimista per la possibilità di un buon controllo delle crisi epilettiche.
Quanto alle conseguenze psicologiche del trauma (senso di colpa, crollo dell'autostima, turbe dell'umore, senso di inadeguatezza) avrebbe già dovuto fare una riabilitazione anche psicologica oltre quella fisica.
Il suggerimento è di iniziarla adesso preferendo un approccio cognitivo-comportamentale con integrazione di tecnica EMDR.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7297 Risposte

20609 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GIU 2017

Salve Mara,
dalle sue parole si avverte la profonda sofferenza che sta verosimilmente provando in questo momento ma anche la sua acuta consapevolezza rispetto a questo suo stato d'animo e la volontà di esprimerlo e condividerlo. Mi ha colpito la sua affermazione circa il bisogno di proteggersi "spegnendo" le sue emozioni: da dove nasce questa necessità? Io credo che le emozioni siano una componente fondamentale della nostra vita e come tali andrebbero accolte e vissute, siano esse positive o negative.
Forse ciò che sta accadendo ha un significato? Potrebbe essere un segnale, un tentativo di comunicazione di un disagio che necessita di essere finalmente ascoltato? Il malessere è comunque portatore di un messaggio a cui dare voce e senso: ascoltare il proprio dolore potrebbe essere la strada per uscirne e per trovare un nuovo significato per eventi anche passati (come l' incidente) ma non pienamente elaborati.
Credo che lei potrebbe trarre beneficio da un percorso psicoterapeutico che l'aiuti non soltanto ad elaborare l'evento traumatico accaduto, ma che le sia di supporto nel riconoscimento e ascolto dei suoi vissuti emotivi, e nella riscoperta delle risorse che lei certamente ha dentro di sé!
I migliori auguri
Dr.ssa Querin 

Associazione Eco Psicologo a Torino

101 Risposte

45 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 GIU 2017

Salve Mara,
Non possiamo fare diagnosi in questa sede, né valutare la nuova diagnosi di epilessia che le è stata fatta.
Dai sintomi che descrive c'è però indubbiamente un disturbo da stress post traumatico che spesso può manifestarsi a volte anche a distanza dall'incidente.

La invito a richiedere una consulenza ad un terapeuta EMDR, si tratta del metodo più efficace per la cura dei disturbi da stress post traumatici.

Trova informazioni più dettagliate sul sito dell'AssociaIone EMDR Italia oppure sono disponibile a darle telefonicamente indicazioni più precise se interessata.

Buona giornata,
Camilla Marzocchi
Bologna BO

Dott.ssa Camilla Marzocchi Psicologo a Bologna

341 Risposte

180 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 GIU 2017

Gentile Mara,
comprendo lo sconforto che sta vivendo, come invitabile conseguenza di un evento traumatico. Le consiglio di iniziare a valutare i piccoli progressi, quali i risultati positivi ottenuti con la nuova terapia per le crisi epilettiche, In secondo luogo non continui a pensare alle cose che non può più fare, ma consideri le sue attuali risorse ed investa in nuovi progetti.
In tal senso un percorso psicologico, la potrebbe supportare ed aiutare ad elaborare i sensi di colpa che la affliggono ed individuare strategie di cambiamento.
Coraggio, si può ancora sognare!
I miei migliori auguri
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1359 Risposte

1247 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 GIU 2017

Gentile Mara,
Lei ha vissuto un forte evento traumatico.
Purtroppo il passato non è modificabile, occorre in qualche modo accettare i cambiamenti.
E' prioritario l'elaborazione di quanto avvenuto all'interno di un percorso psicologico mirato per individuare altresì strategie e risorse per superare il trauma e continuare a vivere.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2270 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 GIU 2017

Gentile Mara,
credo sia utile che lei avvii un percorso psicoterapeutico.
Ha vissuto un evento traumatico che necessita di uno spazio di elaborazione.
Non solo.
Con il sostegno opportuno, potrà gestire meglio le difficoltà attuali e porsi dei nuovi obbiettivi, se quelli precedenti non saranno accessibili.
Ma bisogna far pace con ciò che è accaduto per poter andare oltre e un aiuto professionale può esserle utile per raggiungere lo scopo.
I migliori auguri
Dott.ssa Barbara Trevisan
Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Trevisan Barbara Psicologo a Rovigo

144 Risposte

117 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Trauma psicologico

Vedere più psicologi specializzati in Trauma psicologico

Altre domande su Trauma psicologico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27350

domande

Risposte 94350

Risposte