Cambio di settore lavorativo, voler tornare al vecchio lavoro a 40 anni

Inviata da Rita · 10 giu 2020 Orientamento professionale

Salve,
provo a scrivere anche io dopo aver letto di altri consulti sullo stesso tema. Sono in un momento di grande confusione perchè 2 anni fa ho cambiato settore lavorativo. Sono passata da uno 'più precario' nel settore turismo/beni culturali al settore, più sicuro contrattualmente, dell'istruzione.
Il punto è che ho dovuto fare questa scelta molto velocemente per rispondere alla chiamata della scuola. Tempo 1 settimana, prendere o lasciare.
Adesso dopo 2 anni pur impegnandomi nel nuovo lavoro mi trovo a rimpiangere il vecchio dove mi sentivo più a mio agio con le mansioni e avevo modo di utilizzare le competenze per cui mi sono laureata.
Invece adesso mi sembra di stare 'occupando un posto' che non è mio. Forse non ci sono portata come credevo...
Ho 40 anni e pur avendo inviato cv in questo tempo non ho ricevuto risposte o fatto colloqui.
A volte vorrei anche ricontattare l'azienda precedente per chiedere un reintegro se ci fosse posto...altre volte invece dico che dovrei sentirmi fortunata a lavorare di questi tempi e che dovrei accontentarmi.
Comunque il problema è che ho un peso sullo stomaco che prima non avevo e non riesco ad essere più spontanea come ero prima perchè mi sento combattuta.
Faccio confronti tra me e i miei ex colleghi (o chi lavora sempre nel settore) e sono arrabbiata con me stessa perchè ho preso 'la scelta sbagliata'. Ho seguito la ragione invece che il cuore.
Ho anche paura di deludere i miei famigliari marito in primis se mollo. E in ogni caso se lascio sarebbe peggio ritrovarmi a casa disoccupata.
Come risolvere questo blocco? Facendo finta di nulla?
Ringrazio se potrete rispondermi, cordiali saluti

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 GIU 2020

Buonasera, da quanto scrive in questo momento non ci sono prospettive concrete per un eventuale ritorno al lavoro precedente.
Assecondare la ragione piuttosto che il cuore in alcuni momenti è indispensabile, nonostante la ferita emotiva che ne scaturisce
Se la confusione ed il disorientamento, nonché il senso di colpa dovessero perdurare, prenda in considerazione l'idea di farsi supportare, per un breve periodo,da un professionista
Cordiali Saluti
Dott. Masucci A.

Dott. Armando Masucci Psicologo a Avellino

332 Risposte

291 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento professionale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento professionale

Altre domande su Orientamento professionale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 35650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20950

psicologi

domande 35650

domande

Risposte 121200

Risposte