Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Blocco universitario e bugie

Inviata da Alessia il 21 lug 2017 Orientamento scolastico

Salve sono una studentesse di lettere e ho 23 anni ... da febbraio sono una studentessa fuori corso . Vi scrivo perché ormai sono davvero disperata . Mi dispiace se sarà un discorso molto lungo ma vorrei cominciare la mia storia partendo da qualche anno fa. Sono sempre stata una ragazza studiosa . Ho frequentato il liceo classico e mi sono sempre impegnata nonostante la difficoltà della mia scuola . Purtroppo però alla fine del quarto anno ho avuto un debito grave in latino nonostante non lo meritassi e specifico anche che nelle altre materie avevo 7 e 8 ... dunque ebbi questo debito nonostante avessi la media del 5 (sommando lo scritto con l'orale )ma siccome i miei voti allo scritto furono ritenuti troppo bassi decisero di metterlo ... da lì mi è crollato il mondo addosso .. anche perché nel mio gruppetto di amiche avevamo tutte gli stessi voti bene o male e per me fu davvero tremendo anche confrontarmi con loro...in realtà il debito lo superai brillantemente e la prof sembrava anche dispiaciuta ... soltanto che durante il quinto anno avevo perso ogni stimolo ... non studiavo più come al solito e me ne fregavo del fatto che potessi andare anche male alle interrogazioni ... il mio pensiero fisso era il seguente : " a che serve impegnarmi se poi non mi viene neanche riconosciuto l'impegno" ... inutile dire che entrai tra le antipatie proprio di quella prof che si era sentita persino dispiaciuta e la mia media crollò inevitabilmente... alla fine agli esami di maturià sono uscita con 76 nonostante potessi aspirare a molto di più considerando gli anni precedenti...questo fatto penso che mi abbia inevitabilmente segnata e penso sia da ricondurre qui l'inizio di tutto ... finita la scuola ,dopo quell'ultimo anno infernale , ero indecisa su che facoltà prendere ... ho sempre odiato le materie scientifiche per cui cercavo tutt'altra cosa ... alla fine scelsi lettere perché mi sembrava più consona alle mie capacità e a quello che volevo fare in futuro ... ero molto contenta e fiduciosa perché volevo gettarmi alle spalle tutte quelle delusioni degli ultimi due anni di liceo ... il primo anno di università è andato molto bene con risultati anche soddisfacenti ... mi sentivo davvero contenta ... poi non so nemmeno io che cosa sia successo ... avevo cominciato a studiare per un esame che in realtà era di media difficoltà anche se la professoressa era molto severa ... insomma rimando questo esame alla sessione successiva ma non riesco a darlo lo stesso... da lì panico ... le mie amiche erano riuscite a darlo tranquillmente invece ... praticamente io da questo esame non sono più stata la stessa ... ovviamente non l ho più dato e tutt'ora devo ancora darlo ... ora questo episodio è successo ormai più di due anni fa .. in realtà poi diedi altri esami durante il mio secondo anno anche se ovviamente cominciavo a essere un po' indietro e tra l altro tendevo a dare quelli che sulla carta erano più semplici ... ecco da un certo momento in poi più o meno dalla metà del secondo anno ho iniziato a non dare più esami ... i miei genitori ovviamente non sapevano nulla anzi a loro dicevo che stavo preparando un esame e a volte era anche vero ...ma poi arrivato il giorno dell appello ero totalmente impreparata o comunque non avevo ultimato il programma e non mi presentavo ... uscivo lo stesso di casa e facevo finta di farlo e quando tornavo raccontavo di averlo fatto e di aver preso anche un voto abbastanza buono ... bene queste sceneggiate si sono ripetute durante tutto il terzo anno dove ho dato realmente un solo esame ... ogni volta era sempre peggio ..ripetevo a me stessa che quella successiva sarebbe stata la volta buona dove avrei dato seriamente l'esame che mi ero prefissata e invece facevo la stessa cosa .. uscivo di casa , perdevo tempo in giro e poi dopo un certo orario tornavo inventadomi storie sull esame dato ... questo è stato possibile anche perché i miei genitori non hanno mai controllato se dicessi bugie o meno anzi loro hanno sempre creduto a tutto quanto perché hanno una fiducia in me spropositata ... ora ovviamente la situazione è diventata insostenibile ... ormai il terzo anno è passato e con i miei sono riuscita bene o male a portare avanti la storiella secondo la quale mi mancano 2-3 esami che sono però difficili e poi chiederò la tesi ... in tutto questo ovviamente c'è il problema delle tasse universitarie ... io non lavoro ( già almeno se lavorassi avrei una specie di scusa per giustificare tutto questo ... ma invece no ...sono sempre rinchiusa in casa a tentare di studiare e alla fine faccio tutt'altro ...) e quindi sono i miei a farsi carico delle spese ... la mia è una famiglia normalissima nè ricca nè povera e di certo per permettermi di studiare i miei genitori hanno sempre continuato a fare sacrifici... e sapere che spendono soldi per me "a vuoto" mi fa stare anche peggio ... la realtà dei fatti è che ad oggi mi mancano una decina di esami che io ho ridotto nella mia fantasia a 2-3.. il problema è che queste bugie le ho dette a tutti .. in primis al mio ragazzo ... sto insieme a lui da 7 anni per cui capite bene che siamo cresciuti insieme ... lui ha due anni più di me e a luglio scorso si è laureato in giurisprudenZa col massimo dei voti e in regola... lui e la sua famiglia tengono tantissimo allo studio e infatti i suoi gli chiedono costantemente quando sia previstq la mia laurea... lui è ignaro di tutto .. così come i miei genitori e i miei amici stretti ... le uniche a sapere la verità sono delle mie amiche di università con le quali mi sono confidata e alle quali era impossibile dire menzogne ,frequentando il corso insieme ... loro mi hanno convinta a non mollare e a rimettermi in careggiata e in realtà mi ero convinta davvero sta volta a impegnarmi con tutta me stessa ... infatti con una di loro stavo preparando lo stesso esame .. ed ero anche partita bene .. solo che alla fine lei l ha dato ed io no ... e di nuovo mi è crollato il mondo addosso ... di nuovo mi sono sentita un completo fallimento per aver iniziato una cosa e non essere riuscita a portarla a termine ... e per questi motivi a volte mi compaiono " i fantasmi " dell'ultimo anno di liceo ...quel voto discreto della maturità ... quello sguardo di disprezzo di quella prof nell ultimo periodo.. e tutto mi fa concludere che era quello che io valevo davvero alla fine... visti i miei scarsi risultati universitari ... a questo aggiungo che so perfettamente che la mia non rientra nemmeno nelle facoltà considerate oggettivamente difficili ... per cui anche vedere amici e conoscenti che si sono già laureati anche in facoltà più difficili mi fa sentire un vero schifo ... nel mio gruppo di amici tutti si sono laureati in regola ... tutti sanno già quello che vogliono ... io in verità non so nemmeno cosa voglio .. anche se dovessi riuscire a laurearmi davvero ho paura anche che la mia facoltà e i miei studi non portino a nulla ... per mollare ormai è troppo tardi ma allo stesso tempo riuscire a reggere ancore queste bugie con le persone intorno a me non è più possibile ... ma la paure di deluderli è troppa ... per come è il mio ragazzo sono sicura che proverebbe disprezzo ... i miei genitori invece credo che rimarrebbero troppo delusi ... ma non tanto dalle mie difficoltà ma delle mie bugie ... dalle mie prese in giro ...ultimamente non voglio più nemmeno uscire e vedere i miei amici ... ho sempre il terrore che qualcuno mi possa chiedere della laurea come comunque è già successo ... e a quel punto sarei costretta a rispondere sempre con le solite cose ... provo davvero una vergogna assurda per come sono diventata ... mi dispiace aver scritto così tanto e mi scuso anche per eventuali errori...non so davvero cosa fare ormai ....
Alessia .

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Alessia,
come già le dice la collega, la sua situazione ha avuto origine dall’episodio del debito in latino. Questo fatto le ha compromesso l’autostima e portata ad innescare questo circolo vizioso.
Le proporrei di parlare con un professionista che la aiuti a disinnescare questa dinamica, riprendere il controllo della sua vita e parlarne con i suoi genitori. Affrontando le sue ansie e i suoi timori, riuscirà a rimettersi in carreggiata con gli studi e riacquistare fiducia in se stessa.

I miei più cari auguri.
Dott. Marco Pilloni

Dott. Marco Pilloni - Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni Psicologo a Quartu Sant'Elena

42 Risposte

101 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gent.le Alessia,

leggendo le sue parole sembra lei si trovi ora in un circolo vizioso, che ha origine dal suo primo 'fallimento' scolastico. Ciò che probabilmente più conta di quell'episodio non è tanto quello che è successo, quanto il suo vissuto emotivo a riguardo, in poche parole cosa ha pensato di se stessa di fronte a quella difficoltà e come si è sentita. In seguito, eventi simili hanno riattivato proprio quei vissuti emotivi e quei pensieri fungendo da blocco, creando una spirale sempre più stretta.
Si rivolga ad un professionista per lavorare insieme su queste tematiche e sciogliere i nodi che la costringono ora.
Un caro saluto

dott.ssa Elisa Davi, psicologa psicoterapeuta, Venezia

Dott.ssa Elisa Davi Psicologo a Venezia

4 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15500

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77950

Risposte