Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Perfezionismo e blocco universitario

Inviata da Michela P il 9 lug 2018 Orientamento scolastico

Buonasera,
sono una studentessa del secondo anno di medicina, finita in un circolo vizioso da cui non so come uscire.
O meglio, nella teoria lo so, ma non so dove trovare quella spinta per passare alla pratica. Sono stata sempre una perfezionista negli studi, già al liceo classico passavo sui libri dalle 14 alle 21, complici anche le alte aspettative genitoriali. Diplomata con un voto alto, passo il test di ingresso. E, dopo i primi esami, eccomi giungere davanti all'amato e odiato esame di anatomia. Studio, studio per mesi e non ricordo, non riesco e non lo provo. Passo quindi a dare altri esami, prolissi uguali, ma molto più discorsivi, quindi grazie a tutte le ore di studio e alla mia completa alienazione dalla vita durante la sessione, riesco a sentirmi serena con quello che ho fatto, a presentarmi e a superarli. Mi manca solo anatomia, lo riprendo, studio ma non capisco in che modo approcciarmi alla materia, i genitori insistono, i miei compagni di corso anche "andiamo insieme intanto", io so di non essere preparata, a 20 anni me ne rendo conto, ma per "accontentare" tutti ed evitare scenate, vado. In ansia, con tre ore di sonno, completamente nel pallone, vengo piu che giustamente bocciata. Da lì l'inizio della catastrofe : inizio a capire come studiarla, inizio a ricordare, ma non mi basta mai, c'è sempre quella cosa che ricordo meno, l'argomento che ho ripetuto due giorni prima e che ho la sensazione di non ricordare, quindi ho rimandato tutti gli appelli (dando però altri due esami del secondo anno) perché, nonostante stia chiusa in casa dal mattino alla sera concentrata per settimane, nella mia testa esiste solo "devi sapere di piu". Ho finito gli esami che posso dare perche, a causa delle propedeuticità, anatomia blocca i successivi. Ora siamo solo io e lui, mentre i miei compagni e amici, tentandolo ad ogni appello, sono già oltre, eppure non trovo la forza. Vorrei essere più sfacciata e agguerrita come loro, ma non riesco. Soffro d'ansia, il giorno prima vomito e mi riduco ad uno straccio. Mi piace quello che facciamo, sono una persona estremamente empatica e questo lavoro lo sento mio, non ho mai perso la forza di studiare, nonostante abbia letto quel libro 100 volte, senza esagerare. Come fa quindi a mancarmi la forza per quello scatto? Il coraggio? Penso solo che se avessi ancora piu tempo per studiare, saprei tutto e sarei piu serena, ma il tempo passa e rimango indietro. Soffro tanto perché studio davvero, e tutto questo tempo viene vanificato da un mio blocco mentale davanti al quale sono inerme. Studio lontano da casa, i miei genitori sono diventati piu comprensivi rispetto al liceo, ma giustamente si arrabbiano quando non mi presento, perché "è un'opportunità sprecata", "non succede niente", tutte cose giuste, che so perfettamente, eppure. Mi hanno anche consigliato di mollare. E nemmeno messa davanti a questa opportunità mi sono data una svegliata. Cosa mi sta succedendo? Sono anche una persona estremamente solare, con amici veri su cui contare, eppure quando arrivano le sessioni mi trasformo, ho crolli nervosi e sapermi così fa molto soffrire anche i miei parenti. Quindi, in (questa benedetta) pratica come ci si sblocca?
Vi ringrazio

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Michela,
non è raro che un esame, così come in altri casi una situazione, venga a rappresentare un ostacolo che sembra insormontabile e crei talmente tanta ansia da formare un blocco che ci limita e ci paralizza.
Sarebbe utile forse lavorare sul significato che per lei ha assunto quell'esame, quella materia, al di là di quello che lei descrive come un suo perfezionismo nello studio.
L'ansia che prova e i sintomi di disagio che da mentali diventano fisici (il vomito ad esempio) sono un segnale di come il suo mondo interiore sia sovraccarico di vissuti emotivi che non riesce più a contenere e che riversa all'esterno.
Le consiglio una consultazione breve con uno psicologo della sua zona per trovare il modo di superare questo suo temporaneo blocco.
Se lo desidera rimango a disposizione.
In bocca al lupo e un cordiale saluto
drs Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

460 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15900

psicologi

domande 20250

domande

Risposte 80000

Risposte