Abbuffate incontrollate dopo la morte di mia madre

Inviata da Serena · 31 ago 2016 Elaborazione del lutto

Salve,
sono una ragazza di 29 anni e ho perso mia mamma da circa 2 mesi. Ho già fatto un percorso di psicoterapia per altri problemi legati inizialmente a disturbi alimentari ovvero anoressia nervosa. Ora mi ritrovo con abbuffate compulsive senza espulsione, sto prendendo peso e non mi accetto. Ho avuto un colloquio con una psicologa con la quale non mi sono molto trovata, dice che adesso non posso controllare il mio dolore perché è forte, dice che lo devo provare e che è prematuro intervenire sull'elaborazione del lutto. Io sinceramente non so che fare, oltre al dolore di mamma non accetto lo sfogo con il cibo.
Vorrei dei consigli grazie.

Serena

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 SET 2016

Gentile Serena,
sembra che i problemi alimentari siano fra le sue modalità privilegiate per affrontare il dolore e le difficoltà della vita. In passato anoressia nervosa forse legata a qualche disagio particolare di quel periodo, oggi le "abbuffate" per affrontare il dolore del lutto di sua mamma. Bisogna trattare entrambi i problemi, anche contemporaneamente, con prescrizioni comportamentali adattate al caso specifico. Le sedute possono svolgersi anche on-line (video-sedute) con Skype o equivalenti.
Cordiali saluti
dott.ssa Maria Giovanna Zocco

Dr.ssa Maria Giovanna Zocco Psicologo a Modica

162 Risposte

280 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 SET 2016

Salve Serena,
come suggerito da altri colleghi, l'elaborazione del lutto è problema diverso da quello sottostante relativo al suo rapporto con la figura materna. E' naturale che, non avendo sufficiewntemente affrontato questo ultimo, la recentissima perdita di sua mamma abbia scatenato il precedente disturbo alimentare. Tuttavia è proprio importante che lei si rivolga a un teraputa di sua fiducia per portare avanti il cammino psicologico già avviato in passato, nma ancora aperto. Il terapeuta non potrà toglierle la sua sofferenza, ma potrà offrirle sostegno empatico in questo moimento doloroso della sua vita. e darle la possibilità di esprimere le sue emozioni e di comprenderne il senso più profondo.

Anna Maria Deutsch psicologa psicoterapeuta a Sassari

Anna Maria Deutsch Psicologo a Sassari

52 Risposte

32 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 SET 2016

Gentile Serena, provi a rivolgersi a colleghi formati nell'utilizzo della terapia EMDR. Questa terapia La aiuterà sia nell'elaborazione del lutto sia nella gestione delle abbuffate.
Non è troppo presto per lavorare sugli stati emotivi, al contrario è buona cosa intervenire nelle fasi iniziali, prima che i sintomi si cronicizzino.
Cordialmente
Dott.ssa Annalisa Caretti.

Studio Dott.ssa Annalisa Caretti Psicologo a Verbania

127 Risposte

111 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 SET 2016

Buon giorno Serena,
francamente non comprendo la posizione della Collega. Io cercherei invece di aiutarLa ad elaborare il lutto che pare essere la ragione delle Sue "abbuffate compulsive".
Lei inoltre dice che ha già sofferto di anoressia. È evidente che il Suo problema è proprio legato alla figura materna (il cibo!).
Quindi, a mio avviso, sarebbe prezioso l'aiuto di un bravo terapeuta che la sostenga in primis nell'affrontare questo grave lutto, e poi ad affrontare e risolvere in generale le ragioni profonde dei disturbi alimentari, che sono sempre legati ai rapporti profondi, inconsci, con la figura materna. Con la Mamma.
L'attuale disturbo, più che un'elaborazione del lutto mi sembra piuttosto sia una manifestazione, riacutizzata dalle circostanze, del più generale disturbo alimentare, che è un sintomo di un conflitto inconscio che si manifesta appunto con il disturbo alimentare. La esorto ad affrontare con una psicoterapia sufficientemente intensa questo nodo irrisolto che, diversamente, continuerà magari con alterne vicende e manifestazioni.
Resto a Sua disposizione e La saluto con molta cordialità.
Dr. Marco Tartari, Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

749 Risposte

464 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 SET 2016

Gentile Serena,
è comprensibile che questo evento triste e traumatico abbia potuto comportare una modalità di riacutizzazione del suo precedente disturbo alimentare.
Qui non si tratta di controllare il dolore per questo lutto ma di elaborarlo che è una cosa diversa e prevede di poterne parlare con un terapeuta quale persona sensibile e competente potendolo condividere ed essendo aiutata a capirne il collegamento col suo sintomo.
D'altra parte non vedo perchè questo lavoro debba essere considerato prematuro se lei ha già chiari segnali di sofferenza.
Le suggerisco, possibilmente, di contattare il terapeuta che l'ha seguita in precedenza oppure, se ciò non è possibile, un altro che le ispiri sufficiente fiducia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7458 Risposte

20924 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 SET 2016

Buongiorno Serena,
Può provare a fare un colloquio con il suo terapeuta e vedere con lui cosa succede, sarà più facile aprirsi con una persona che le è familiare. In bocca a lupo, Dott.ssa Valeria Bugatti

Dott.ssa Valeria Bugatti Psicologo a Roma

105 Risposte

49 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 SET 2016

Cara Serena,
la perdita della mamma è un evento che colpisce profondamente e il grande dolore che lei prova, insieme a tanti altri contenuti ad esso agganciati, necessitano di un luogo dove poter essere raccontati, condivisi e compresi. Il luogo di cui parlo è la relazione terapeutica, dove lei potrà anche comprendere ed essere aiutata a superare, il meccanismo che la spinge al sintomo alimentare. Le consiglio di non esitare a rivolgersi al terapeuta che l'ha già seguita in passato o ad un'altro con cui sente di poter intraprendere questo cammino.
cordiali saluti
dott.ssa Alessandra Moranzoni, Varese

Dott.ssa Alessandra Moranzoni Psicologo a Varese

21 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 AGO 2016

Buongiorno gentile Serena,
il suo grave lutto è molto recente e probabilmente l'acutizzarsi del disturbo alimentare - di cui le abbuffate sono una sfaccettatura, un'evoluzione del precedente - potrebbe essere una sua modalità per difendersi, per sopravvivere al dolore e alla sofferenza che prova. Il mio suggerimento è di ritornare dal professionista con cui precedentemente ha fatto psicoterapia e che la conosce molto bene nei suoi meccanismi inconsci.
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2848 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Elaborazione del lutto

Vedere più psicologi specializzati in Elaborazione del lutto

Altre domande su Elaborazione del lutto

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18350

psicologi

domande 28950

domande

Risposte 98950

Risposte