Perché ci innamoriamo sempre dello stesso tipo di partner?

Nel mio lavoro mi capita spesso di parlare d’amore e di coppia. Raramente, però, le persone che incontro si interrogano sulla loro capacità di amare o di lasciarsi amare.

27 GEN 2017 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Perché ci innamoriamo sempre dello stesso tipo di partner?

Nel mio lavoro mi capita spesso di parlare d'amore e di coppia. Raramente, però, le persone che incontro s'nterrogano sulla loro capacità di amare o di lasciarsi amare.

Questa capacità è uno dei migliori indicatori rispetto alla riuscita o meno di una relazione. Ma come possiamo capire se siamo capaci di amare o di lasciarci amare? Gli studi più interessanti, in questo senso, sono quelli che mettono in relazione la teoria dell'attaccamento di Bowlby con gli stili "relazionali" che adottiamo in un rapporto di coppia.

Questi studi rilevano, a grandi linee, tre diversi modi di amare e lasciarsi amare. Possiamo definire le relazioni sentimentali associate a questi diversi modi di amare: sicure, evitanti e ansiose.

Vi sono prove convincenti che l'origine di questi tre modi vada ricercata nella prima infanzia e siano ascrivibili ai tipi di attaccamento descritti da Bowlby e della Ainsworth. Quest'ultima attraverso una particolare situazione sperimentale, definita "strange situation", ha osservato le reazioni dei bambini di fronte alla separazione dalla madre ed ha scoperto cose molto interessanti rispetto alle forme di attaccamento dei bambini. Abbiamo, così, bambini con attaccamento sicuro, evitante ed ansioso (in seguito sarà aggiunto l'attaccamento disorganizzato).

Conseguenze dei vari tipi di attaccamento in una storia d'amore

Perché è così importante conoscere il nostro tipo di relazione con la mamma o con l'adulto che ci ha cresciuto? Poiché è questo modello operativo che si sviluppa nell'infanzia, nel rapporto con i genitori, i fratelli e gli amici del cuore, che applicheremo, poi, nella scelta del partner e nella relazione che stabiliremo con esso. Il nostro modello operativo non è, però, rigido, ma nei diversi stadi di sviluppo può essere influenzato dalle relazioni successive e dalle esperienze negative o positive che viviamo.

Solo a titolo di esempio, e senza voler generalizzare, potremmo dire che gli adulti con attaccamento sicuro ricordano i propri genitori come persone disponibili, amorevoli ed affettuose. Gli adulti con attaccamento evitante ricordano la propria madre fredda, incline a respingerli e poco disponibile. Gli adulti con attaccamento ansioso ricordano, molto spesso, il proprio padre come ingiusto.

Come vivono questi adulti una storia d'amore? Gli adulti sicuri si impegnano a dar vita a relazioni intime con coloro che amano, e cercano di trovare un equilibrio ottimale tra dipendenza e indipendenza. Un adulto sicuro potrebbe descrivere così la sua storia d'amore: "Siamo davvero buoni amici e ci piacciono le stesse cose. Un'altra cosa che mi piace molto è che lui va d'accordo con tutti i miei amici più cari. Riusciamo a parlare delle cose, voglio dire: se abbiamo qualche problema, in genere lo risolviamo discutendone, lui è una persona molto ragionevole. Con lui posso essere me stessa, e questo è importante, perché non è una relazione possessiva. Ci fidiamo molto l'uno dell'altra".

Gli adulti evitanti cercano di mantenere una certa distanza da coloro che amano, e attribuiscono maggiore importanza ai raggiungimenti in altri campi che alla sfera affettiva. Un adulto evitante potrebbe dire: "Il mio partner è il mio migliore amico; sì, è così che lo considero. Tra i suoi progetti non c'è il matrimonio o un legame a lungo termine, e a me sta bene così, perché la penso allo stesso modo. È una persona che non gradisce i legami troppo stretti e non si aspetta un eccessivo coinvolgimento, e anche in questo mi trova d'accordo: può essere un problema che una persona ti si attacchi troppo ed eserciti troppo controllo sulla tua vita".

Gli adulti ansiosi sono dipendenti, temono costantemente il rifiuto e l'abbandono e scoraggiano l'autonomia e l'indipendenza di coloro che amano. E, forse, descriverebbero così la loro storia d'amore: "E così ci sono andata…e lui era là seduto, l'ho guardato, e mi sono proprio sciolta. Era il ragazzo più bello che avessi mai visto, ed è stata questa la prima cosa a colpirmi, in lui. Così siamo usciti e siamo andati a mangiare al parco..ci siamo seduti là, e in silenzio, ma non era imbarazzante, eh? Come..sai quando sei con un estraneo e non riesci a trovare qualcosa da dire, è imbarazzante di solito, no? Beh, non era così. Ce ne stavamo là, ed era incredibile, come se ci conoscessimo da sempre, e ci eravamo appena conosciuti; sì, è stato così: una cosa immediata, mi è piaciuto subito".

Una volta individuati i modi di amare sicuro, evitante e ansioso, i ricercatori iniziarono a chiedersi come funzionassero queste diverse vite sentimentali. Dagli studi di coppie con tutte le possibili combinazioni di modi di amare, sono emersi dei dati fondamentali.

  • Primo: i soggetti sicuri hanno meno problemi a concedere confidenza e intimità, sono meno ansiosi riguardo alla relazione e soprattutto sono più soddisfatti del loro matrimonio. Tre aspetti del matrimonio, o di una relazione stabile, si avvantaggiano particolarmente del modo sicuro di vivere l'amore: l'affettuosità, il sesso e il modo di affrontare gli eventi negativi. Rispetto alla sessualità possiamo dire che gli adulti sicuri non amano le avventure di una sola notte e il sesso senza amore non li appaga, poiché preferiscono e, non hanno paura, di impegnarsi in una storia.
  • I soggetti evitanti mostrano di apprezzare maggiormente i rapporti occasionali (sebbene stranamente non li pratichino poi granchè) e il sesso senza amore.
  • Le donne ansiose sembrano essere molto disponibili sessualmente e si lasciano più frequentemente coinvolgere in pratiche di esibizionismo, voyeurismo, rapporti con più partner e bondage, probabilmente per timore di essere lasciate, mentre gli uomini ansiosi fanno meno sesso.

Conoscere il nostro modo di amare può rivelarsi molto importante, non solo perché, come abbiamo visto, quando in una coppia almeno uno dei due partner ha un attaccamento sicuro questo sembra garantire una maggiore soddisfazione nella coppia, ma anche perché, questo ci consente di capire meglio la nostra "storia" sentimentale, i nostri successi o fallimenti in amore, e porvi rimedio! Perché, lo ricordo, i nostri modelli operativi interni non sono definiti una volta e per sempre; e questo vale anche per i genitori che, possono "osservare" i loro figli e cercare di costruire insieme a loro, e per la loro felicità sentimentale futura, un attaccamento sicuro.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Studio di Psicologia e Psicoterapia di Rita D'Antuono

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su terapia di coppia