Amante passionale o amico? Qual è il miglior partner?

La complicità e la comunicazione sono fondamentali per un rapporto di coppia, che con questi due elementi avrà più possibilità di durare nel tempo.

5 SET 2018 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Amante passionale o amico? Qual è il miglior partner?

"Il vero amore non è né fisico né romantico. Il vero amore è l'accettazione di tutto ciò che è, è stato, sarà e non sarà", Khalil Gibran.

Il matrimonio è un passo importante nella vita di chi decide di coronare in questa maniera la propria relazione di coppia. È una scelta che dura tutta la vita, o almeno, così si spera. A pochi passi del matrimonio, sono molti a chiedersi se il partner sia quello giusto, se la relazione durerà e riuscirà a resistere a tutti gli alti e bassi della vita.

La scelta del partner è ovviamente fondamentale. Voi cosa scegliereste, o cosa avete scelto, come marito/moglie? Un amante passionale o un compagno-amico? Qual è la scelta migliore?

Uno studio della Scuola di Economia di Vancouver (Canada), eseguito dagli studiosi Shawn Grover e John F. Helliwell, pubblicato sul Journal of Hapiness Studies, ha dato una risposta a questo dilemma. Studiando i dati di due statistiche eseguite nel Regno Unito, uno con informazioni su 30.000 persone relative al periodo 1991 - 2009, e una con dati su 328.000 persone fra il 2011 e il 2013, è risultato che la maggioranza delle coppie ha scelto come partner il proprio miglior amico (o la propria migliore amica).

Ma qual è il risultato di questa scelta?

La maggior parte delle coppie si è ritenuta soddisfatta della scelta perché riesce a mantenere un buon equilibrio e benessere all'interno della relazione matrimoniale. In più, in generale, le coppie sposate - indipendentemente dal partner scelto - sarebbero anche meno stressate, perché il componente della stabilità permetterebbe di sentirsi più sicuri. Sposarsi con una persona che si considera il proprio miglior amico, dunque, darebbe l'opportunità di migliorare ancora di più questa sensazione di stabilità e quindi di benessere.

Ovviamente, la domanda è d'obbligo. Queste coppie che hanno scelto il partner-amico hanno anche maggiori possibilità di mantenere questa felicità nel tempo? Secondo gli studiosi canadesi, la risposta sarebbe affermativa. Secondo i dati raccolti, infatti, anche dopo anni di matrimonio, le coppie in questione sarebbero più soddisfatte rispetto alle altre persone.

Quali spunti si possono ricavare da questa ricerca canadese?

Ciò che possiamo imparare da questo studio non è di certo quello di decidere di sposare il/la nostro/a miglior/e amico/a. Vivere in maniera sana la relazione stessa, infatti, può trasformare il partner in un compagno e un amico con cui condividere una grande parte della nostra vita. La complicità e la comunicazione, dunque, sono elementi fondamentali per un rapporto di coppia che avrà più possibilità di durare nel tempo. Nonostante ciò, non vuol dire che il fattore sessuale non sia importante, ma non dovrebbe essere il fattore principale della scelta: se la passione non è poi accompagnata dalla condivisione di progetti e sentimenti, l’attrazione sessuale svanisce velocemente.

Un'altra caratteristica positiva di questo tipo di rapporto è quello di permettere a ognuno di avere i propri spazi, i propri amici e i propri hobby. Uno dei segreti di qualsiasi relazione, infatti, è quella di mantenere la propria individualità anche mentre si condivide un percorso di vita insieme.

E voi, chi scegliereste fra un amante passionale e un compagno-amico?

 Articolo rivisto e corretto dalla Dott.ssa Patrizia Mattioli  

PUBBLICITÀ

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su terapia di coppia