Il tempo nei disturbi d'ansia

L'ansia è un segnale circa la presenza di un pericolo proveniente dall'inconscio che poi la coscienza, tramite i meccanismi di difesa, cerca di tenere a bada.

16 SET 2020 · Tempo di lettura: min.
Il tempo nei disturbi d'ansia

Quando Giulio Cesare scrisse probabilmente sapeva bene cosa diceva. Le sue imprese - la riorganizzazione dell'esercito e di Roma, le nuove realizzazioni architettoniche, il nuovo corso amministrativo - sono l'esempio più lampante di quanto egli fosse capace di muoversi nel futuro e della sua visione prospettica.

Al contempo però queste parole suonano profetiche anche rispetto alla sua prossima ed imminente morte, quando quella visone positiva del futuro, lasciò lo spazio a pensieri e sensazioni molto più cupe: da più parti egli vide bruciare fuochi celesti, uccelli solitari giungere nel foro, strani rumori notturni. Calpurnia, sua moglie, donna del tutto priva di superstizioni religiose, fu sconvolta da sogni in cui la casa le crollava addosso, e lei stessa teneva tra le braccia il marito ucciso. Lo stesso Cesare sognò di librarsi nell'etere, volando sopra le nubi e stringendo la mano a Giove.

Non so se Giulio Cesare soffrisse d'ansia. Quello che però posso immaginare è che avrebbe potuto soffrirne: la sua visione del futuro deve averlo, di tanto in tanto, caricato d'angoscia; ogni tanto avrà pensato all'avvenire, come gli è successo negli ultimi mesi della vita, con un senso di minaccia tale da disturbarlo e a portarlo a cogliere segnali pericolosi ovunque andasse, qualunque cosa vedesse e sentisse.

Ma cosa è l'ansa?

L'ansia è un segnale circa la presenza di un pericolo proveniente dall'inconscio - desideri istintuali e impulsi rimossi - che poi la coscienza, tramite i meccanismi di difesa, cerca di tenere a bada o far esprimere per mezzo di una sintomatologia più tollerabile.

L'ansia è un'esperienza che caratterizza diversi stadi della vita e che per tali ragioni può essere meno grave o più grave. Ad un livello più evolutivo si può provare (a) un'ansia superegoica che si manifesta con dei sentimenti di colpa o tormenti della coscienza derivati dal fatto di non condurre una vita all'altezza di uno standard interno di comportamento morale. Andando più indietro nella gerarchia evolutiva verso un ansia più precoce si può vivere (b) un'ansia e una paura che hanno che fare col perdere l'amore o l'approvazione di un altro significativo (come il genitore). Ad un livello ancora più sotterraneo e doloroso vi è (c) l'ansia da separazione che comporta la paura di perdere non solo l'amore e l'approvazione del genitore ma anche il genitore stesso.

Infine le due forme d'ansia più precoci e quindi più patologie sono (d) l'angoscia persecutoria - che comporta la paura da parte del soggetto di essere invaso dall'esterno e annichilito dall'interno - e (e) l'angoscia di disintegrazione che può derivare sia (1) dalla paura di perdere il senso di sé e dei propri confini e sia (2) dalla preoccupazione di sentirsi frammettati in seguito ad un mancato rispecchiamento da parte di chi doveva attutire le paure del bambino.

L'elemento però che più di ogni altro caratterizza i disturbi d'ansia è il rapporto che le persone hanno col tempo soggettivo. L'avvenire e il futuro, nei disturbi d'ansia, non sono vissuti come possibilità di poterli pensare ma qualcosa che ci viene prepotentemente incontro senza mediazioni, senza possibilità d'affrontarli.

Cesare ad esempio pensava alle imminenti realizzazioni architettoniche con propositività, nuove idee, coraggio e dinamicità. Allo stesso modo però, quando cominciò a sospettare cosa si prospettava nel prossimo futuro, cominciò ad avvertirlo troppo ingombrante, troppo vicino da potersene allontanare. Si potrebbe quasi dire che nei disturbi d'ansia non siamo più noi che andiamo verso il futuro. E' il futuro, ignoto e spaventoso, che corre insistentemente verso noi.

L'avvenire si manifesta con un'incombenza passivizzate la cui attesa, lenta ed estenuante, diventa ansia, inquietudine indeterminata che non consente pianificazioni rassicuranti e che, nello smarrimento che comporta, comunica uno stato d'allarme che, come prima cosa, attiva il corpo, il quale inizia a scalciare, ad avvisare e comunicare un rischio imminente: una paralisi, un infarto, un ictus, respiro affannato ecc.

Il tempo vissuto, come dice il dr. Enrico Ferrari:

«non è il tempo del kairos, il tempo "opportuno", che chiama alla decisione; è piuttosto il tempo di chronos che inghiotte il nuovo perché ne ha paura».

Il tempo che si vive allora è un tempo presente bloccato e frenato dai pensieri, dalla ricerca ossessiva della sicurezza. Da quest'ultima poi si impara ad anticipare e prefigurare come cosa potrebbe essere il futuro. Si impara a rendere noto l'ignoto e a trasformare l'ansia indeterminata in qualcosa di definito, dotato di confini.

Per tali ragioni - cioè evitare che l'ignoto prenda il sopravvento - queste persone hanno bisogno della calma, della sosta, della progettualità intesa come a-conflittualita e della quiete.

L'ansia allora è la mancanza di fiducia anzitutto nel tempo e nelle cose ma anche, e in particolar modo, in sé stessi. E' la mancanza di possibilità, un restringimento degli orizzonti, della libertà.

Ma come si sviluppa un disturbo d'ansia?

Le ipotesi potrebbero essere innumerevoli. Quella che però accumuna più persone è quella che han sostenuto Kagan e collaboratori (1988 ) i quali hanno affermato che questa categoria di persone può aver avuto a che fare con coppie genitoriali caotiche, più che conflittuali. Coppie dall'esplosività improvvisa tale da non permettere al bambino di sentirsi al sicuro, con le altrui e proprie paure. Questi bambini svilupperanno così un senso di inadeguatezza che se non viene affrontato porterà il bambino a dipendere dai genitori in modo ostile e spaventato, in modo rabbioso dacché percepisce costantemente una sensazione di pericolo.

Scritto da

Dott. Aldo Monaco

Bibliografia

  • J. Kagan., J.S. Reznick, N. Snidman., Biological bases of childhood shyness. In Science, 240, p. 167-171
  • American Psychiatric Association, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), tr. it. Raffaello Cortina, Milano 2014
  • E. Ferrari, Psicopatologia e Zeitgeist, in Comprendere 19, 2009
  • G. O. Gabbard, Psichiatria Psicodinamica quinta edizione basata sul DSM-5, Raffaello Cortina Editore, Milano, 2016
  • Galimberti U. (2007) Psicologia, Garzanti, Milano
  • J. Kagan., J.S. Reznick, N. Snidman., Biologicaal bases of childhood shyness. In Science, 240, p. 167-171

Lascia un commento

ultimi articoli su ansia