Cos’è l’ansia e come alleviarla

L’ansia è un’emozione universale di per se’ adeguata e necessaria in quanto risposta dell’organismo a uno stress ma che può diventare patologica quando è eccessiva e disturbante.

8 FEB 2018 · Ultima modifica: 10 FEB 2018 · Tempo di lettura: min.
Cos’è l’ansia e come alleviarla

L'ansia può essere ADATTIVA e FISIOLOGICA quando prepara a un pericolo potenziale e contribuisce ad affrontare situazioni difficili con un esito di crescita personale. È invece DISFUNZIONALE e PATOLOGICA quando genera malessere ed è sproporzionata rispetto all'evento scatenante.

Dal punto di vista COGNITIVO la persona affetta da ansia si sente costantemente in pericolo, vulnerabile e incapace di affrontare la realtà. Dal punto di vista del pensiero, è sempre molto negativa e catastrofica.

Dal punto di vista SOMATICO L ansia comporta tremori, palpitazioni, sudori, pallore.

Dal punto di vista EMOTIVO indice paura, apprensione e preoccupazione.

Dal punto di vista COMPORTAMENTALE la persona ansiosa tende a rifuggire o a evitare la fonte di preoccupazione.

Sono disturbi d'ansia gli ATTACCHI di PANICO (con o senza agorafobia), le OSSESSIONI e COMPULSIONI (es. i rituali), le FOBIE ( di insetti, animali, parlare in pubblico, prendere l'aereo,...), L'ANSIA GENERALIZZATA e il DISTURBO POST TRAUMATICO DA STRESS (Incidenti, traumi, lutti, abusi,...)

SINTOMI COGNITIVI ED EMOTIVI: nervosismo, sensazioni di pericolo, difficoltà di concentrazione, sensazione di testa vuota, irritabilità, insonnia, paura di morire, paura di perdere il controllo, insicurezza.

SINTOMI SOMATICI: senso di soffocamento, palpitazioni, sudorazioni, mani fredde, bocca asciutta, tremori, vertigini, nausea, diarrea, vampate di calore, brividi, nodo alla gola, dolenzia muscolare.

COME ALLEVIARE I SINTOMI: dal punto di vista della dieta limitare il consumo di caffeina, zucchero e in generale migliorare le abitudini alimentari. Acquisire maggior consapevolezza corporea aiuta a cogliere, interpretare e gestire meglio le modificazioni fisiologiche dell' organismo. Importante l'attività fisica. Dormire in modo appropriato. Praticare tecniche di rilassamento come il training autogeno aiuta ad alleviare lo stress.

Quando però l'ansia diventa ingestibile e limitante non è sufficiente migliorare le abitudini quotidiane ma bisogna avvalersi dell' aiuto di uno psicoterapeuta per capire quali sono le origini del proprio malessere e cercare delle strategie più efficaci per gestirla e possibilmente risolverla.

Scritto da

Dott.ssa Cinzia Marzero Psicologa-Psicoterapeuta

Lascia un commento

ultimi articoli su ansia