Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come gestire la paura di sbagliare?

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Regola numero uno: sbagliare non è sinonimo di fallire!

17 NOV 2017 · Tempo di lettura: min.
Come gestire la paura di sbagliare?

Se non riesci a raggiungere i tuoi traguardi a causa della paura di sbagliare, segui questi consigli.

La paura è uno stato d'animo che si può presentare attraverso sintomi fisici e psicologici e che ci aiuta a evitare pericoli che possiamo incontrare durante la nostra vita. Tuttavia, non sempre questa sensazione è legata alla mera sopravvivenza o a un pericolo reale. Molto spesso, la paura ci blocca nella vita di tutti i giorni anche in situazioni che non si sono ancora presentate e che potrebbero non manifestarsi mai. È il caso, ad esempio, della paura di sbagliare. Questo timore non è realmente funzionale sia perché ci impedisce di avanzare sia perché non ci permette di pensare lucidamente alla situazione che ci preoccupa.

La situazione si complica se la paura di sbagliare ci blocca e ci impedisce di raggiungere quei traguardi che vogliamo ottenere nella nostra vita. Cambiare lavoro, affrontare una separazione o trasferirsi in un altro paese sono alcune delle numerose situazioni in cui potremmo avvertire questo timore.

Il problema si presenta quando la paura non ci fa compiere queste scelte che invece ci farebbero stare meglio: uscire dalla zona di comfort diventa impossibile.

La paura di sbagliare ci fa preferire un presente mediocre a un futuro molto più soddisfacente. Procrastinare si trasforma in routine perché preferiamo non rischiare. Abbiamo paura che, sbagliando, staremo deludendo gli altri e anche noi stessi. Questo timore nasce principalmente da un'autostima molto bassa che, a sua volta, è stata causata dal comportamento iperprotettivo dei genitori durante l'infanzia.

Come gestire la paura di sbagliare? Ecco alcuni consigli e alcuni promemoria di cui tener contro per poter superare questo ostacolo.

Sbagliare non significa fallire

Innanzitutto dobbiamo sbarazzarci dell'idea che sbagliare sia la fine del mondo. Gli sbagli fanno parte del nostro percorso e sono molto utili per poter imparare e per poter migliorare le nostre strategie in futuro. Utilizza gli errori per diventare più forte e non più debole. Analizza i passi che hai fatto e cerca di capire cosa avresti potuto cambiare e anche quali sono gli elementi esterni che ti hanno portato a sbagliare.

Metti da parte l'orgoglio

C'è chi non accetta di sbagliare per orgoglio. Se ti fai bloccare dalla paura di commettere errori, probabilmente avrai evitato gli sbagli ma di certo ciò non ti farà sentire orgoglioso di te stesso o migliorerà la tua autostima. Affrontare gli eventi è il miglior modo per sentirci meglio con noi stessi, anche se il risultato non è esattamente quello che ci aspettavamo, ma siamo riusciti ad arrivare lì con le nostre forze.

Esci dalla tua zona di comfort

Per affrontare le tue paure e per poter raggiungere i tuoi traguardi devi avere il coraggio di uscire dalla zona di comfort. All'inizio potrà sembrare complicato. Ciò non vuol dire che tu debba buttarti a capofitto senza aver analizzato pro e contro. Studia, preparati, chiedi aiuto agli altri e quando hai tutte le informazioni necessarie, fai un passo in avanti ed esci dalla tua zona di comfort.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in crescita personale.

psicologi
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento
Commenti 4
  • Anna__

    Interessante e vero...ma spesso è difficile uscire dalla cosidetta "zona di comfort"...ad essere sincera per me è impossibile fare fronte a tantissime situazioni anche le più normali, infatti vivo malissimo tutto.

  • vincenzo donati

    Concordo con Antonella e Marianna...ma voi come fate ogni giorno? Pace e bene a chi legge.

  • Antonella bottegal

    50 anni mi lascio dire e fare tutto anche se non sono i miei valori o mi fa male, parte il sì automatico. Sono malata e non posso camminare dal dolore, le volte che ho osato è per avere un po' di bene, ma mi sono distrutta fisicamente, l'emozione mi consuma...

  • Marianna russo

    A volte si diventa paurosi dopo molte cose andate male e scelte, o dopo persone sbagliate.

Ultimi articoli su Crescita personale