Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Terapia individuale e terapia di coppia

Inviata da Miriam il 7 ott 2015 Terapia di coppia

Buongiorno, da diversi mesi ho intrapreso una terapia individuale con una Dott.ssa che, in tempi passati, mi aveva aiutata ad affrontare un'altra situazione per me dolorosa.
Il motivo per il quale ho deciso dopo 5 anni,di tornare da lei è differente, ma, con il tempo, è emerso che non riguarda più solo me, ma anche il mio compagno.
Così, in accordi con lui, ho deciso di iniziare una terapia di coppia.
Lla Dott.ssa che mi sta seguendo a livello individuale, ha detto che per quest altro percorso non potrò affidarmi a lei, in quanto il mio compagno partirebbe "svantaggiato" e questo potrebbe ripercuotersi in maniera negativa sul nostro rapporto.
E' del tutto vero? Oppure stancandosi di me, non ha voglia di vedermi prima da sola e adesso con il mio compagno?
Io nell'accettare ero convinta di fare la cosa giusta anche per lui, immaginandodi metterlo a proprio agio e che questo potesse favorire il nostro percorso.
A me dispiacerebbe essere seguita da un'altra professionista. Ma se l'unica soluzione è questa, dovrò accettarla, per il mio rapporto.
Ringrazio anticipatamente

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentilissima.. La sua psicoterapeuta le ha dato un consiglio corretto sotto ogni profilo.. Si fidi di lei!.. Buon lavoro!

Dott.ssa Mariarosaria Grazioso Psicologo a Bari

9 Risposte

118 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Signora,
si fidi della sua terapeuta che le ha dato un consiglio professionale ed è stata corretta nei confronti suoi e di suo marito, permettendo alla coppia in quanto tale, di partire con lo stesso piede verso un percorso assieme. Così facendo si evitano compromissioni dovute alla conoscenza pregressa della storia dell'uno o dell'altro.
Buon lavoro

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera, rispondo ai suoi dubbi cercando di essere il più chiara possibile: la sua terapeuta ritengo sia stata un ottima professionista in quanto le ha dato il consiglio giusto. Per una terapia di coppia bisogna partire entrambi dallo stesso punto sentendosi liberi di raccontare al terapeuta la loro storia ed evitando così che lo stesso possa conoscere già aspetti personali dell'uno o dell'altro. In più le dico di fidarsi di un altro terapeuta con il quale magari si possa instaurare altrettanto un buon rapporto terapeutico. in bocca al lupo

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Temo che la tua dottoressa abbia ragione e si sia dimostrata professionale andando anche contro il suo interesse! Ormai si è creato un rapporto con te che andrebbe inevitabilmente a condizionare il suo rapporto con entrambi!... Inoltre, come dice lei, il tuo ragazzo avrebbe sempre il sospetto che voi abbiate una complicità e questo è sufficiente ad invalidare la terapia di coppia!

Dott. Michele Carbone

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Anzi dovrò dirle che la sua Dottoressa è molto professionale perchè già conoscendo lei per altre problematiche non può seguirla sul problema di coppia per problemi di conoscenza da parte sua.
Cordiali Saluti.

Dott. Stefania Rossi Psicologa Psicologo a Montefiascone

43 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Sì, capisco la tua terapeuta, ma non fino al punto di essere del tutto d'accordo con lei. Del resto ogni caso è unico, come unico è il paziente nonché il/la terapeuta.
'Comprendo' te, invece, che simbolicamente vuoi fare entrare del tutto nella tua vita, il tuo compagno. A me questo piace, però, dato il valore profondo della tua motivazione, dovrai rivolgerti ad un nuovo specialista e continuare il tuo percorso, iniziando da capo dal punto in cui ti trovi. I migliori auguri e la mia disponibilità per ulteriori chiarimenti
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

620 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Tety,
come ti hanno già evidenziato i colleghi la tua terapeuta si sta comportando in modo corretto, non solo dal punto di vista etico, ma proprio per il tuo benessere e quello della coppia. Un percorso di coppia andrebbe sempre intrapreso con terapeuti che non conoscano già uno dei due membri, per evitare che l'altro non si senta compreso o pensi di partire già in "svantaggio". Prova a metterti nei panni del tuo lui, come ti sentiresti se cogliessi uno sguardo tra terapeuta e persona che è già stata seguita, sguardo che potrebbe indurre a pensare " ecco, ne hanno già parlato, lo sa già etc". Prova ad immaginare se fossi tu ad "introdurti" in un rapporto già esistente, se il terapeuta seguisse già lui da tempo... Sono sicura ti saranno chiare le ragioni e la spiegazione... Buona giornata e moltissimi auguri Dott.ssa Daniela Cremonini

Dott.ssa Daniela Cremonini Psicologo a Boissano

17 Risposte

12 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Tety,

la sua psicoterapeuta le ha dato il consiglio corretto, anche sotto il profilo deontologico.
Se fosse la stessa terapeuta a seguire sia lei che la coppia, dopo averla seguita individualmente, questo produrrebbe un inevitabile svantaggio per il suo compagno, in quanto la sua terapeuta è già a conoscenza della sua storia di vita e questo potrebbe compromettere la terapia di coppia per diversi motivi: è possibile che il suo partner pensi che tra lei e la sua terapeuta ci sia qualche segreto di cui lui non è a conoscenza, potrebbe vedere la sua terapeuta come sua alleata, etc etc. Non mi dilungo su tutti i possibili motivi.
Ad ogni modo le sconsiglio di seguire due terapie contemporaneamente, perchè le energie che mette in ciascuna di essere si concentrano su due obiettivi diversi e quindi le risorse che richiederebbe seguire due percorsi potrebbero essere eccessive.
Cordiali saluti
Dott.ssa Monica Salvadore

Dott.ssa Monica Salvadore - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Torino

369 Risposte

839 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima Tety,
ciò che le ha detto la Sua terapeuta è vero, ha scelto una corretta posizione. E' più che giusto farsi seguire da una persona diversa, cosicché non ci sia confusione tra la Sua terapia individuale e quella di coppia.
I due percorsi sono altrettanto importanti, ma è bene non mescolare la carte tra i due.
Rispetto al Suo timore perché non ne parla con la sua terapeuta? Penso che questo quesito potrà essere un buono spunto per il Suo percorso personale.
Come la hanno già consigliato forse due terapie contemporanee non sono consigliate, ma nulla le vieta di mantenere il suo spazio personale con la terapeuta che l'ha seguita fino ad ora singolarmente, ne parli con la Sua terapeuta. Consideri che un'interruzione non equivale ad una chiusura totale, potrà sempre ricominciare in seguito se lo desidera.
Un caro saluto,
Dott.ssa Daniela Fornari

Dott.ssa Daniela Fornari Psicologo a Iseo

381 Risposte

424 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Tety
dovendo intraprendere una psicoterapia di coppia la modalità giusta e corretta è senz'altro quella indicatale dalla sua psicoterapeuta e proprio per i motivi espressi chiaramente circa il fatto che altrimenti "il suo fidanzato sarebbe partito in svantaggio".
Detto questo, se lei lo desidera può comunque continuare, in contemporanea alla terapia di coppia, la terapia individuale con la sua psicoterapeuta.
Rifletta su cosa desidera fare e ne parli chiaramente con la sua psicoterapeuta.
Un caro saluto Dott. Silvana Ceccucci Psicologa-Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6735 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Tety,
sono assolutamente daccordo con la collega che la segue individualmente! Il terapeuta deve garantire equità per entrambi e il rapporto già consolidato con lei inficierebbe questo punto fondamentale. Non sussiste alcuna controindicazione a seguire un percorso individuale e uno di coppia e pertanto lei potrà proseguire il lavoro intrapreso con la sua terapeuta.
Si affidi e si fidi di lei!
Un grosso in bocca al lupo e una buona giornata.

Dott. Carlo Enrico Livraghi Psicologo a Arezzo

22 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Tety,
capisco la sua perplessità , ma le assicuro che il comportamento della sua terapeuta è assolutamente corretto deontologicamente e opportuno. La giusta distanza relazionale è un elemento fondamentale in qualsiasi percorso psicoterapeutico, e l'averla seguita in un percorso individuale instaurando l'alleanza terapeutica porterebbe inevitabilmente la sua dottoressa a non essere sufficientemente equa nel supporto ad entrambi i membri della coppia. Però se lei proseguirà il suo percorso terapeutico individuale penso che sarebbe importante affrontare con la sua dottoressa i dubbi che ha avuto relativamente alla possibilità che lei si fosse "stancata" di seguirla.
Un caro saluto,
dott.ssa Roberta Monda

Dott.ssa Roberta Monda Psicologo a San Severo

91 Risposte

145 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Tety,
La sua terapeuta è stata molto professionale e corretta da un punto di vista sia deontologico che umano nei suoi confronti. Comprendo il suo dispiacere nel non poter affrontare con lei il percorso terapeutico di coppia ma mi creda che è assolutamente meglio cambiare setting e terapeuta se si vuole la garanzia di un percorso funzionale ed efficace. La terapia individuale e quella di coppia sono sue percorsi diversi tra loro caratterizzati da dinamiche diverse, ed è vero quanto le dice la sua terapeuta, il suo compagno partirebbe svantaggiato. Con lei, la terapeuta ha instaurato una particolare relazione e attraverso questa lei Tety ha messo in gioco le orze interiori e profonde che la contraddistinguono. Affrontare una terapia di coppia con la stessa terapista rappresenterebbe per lei una fonte di futuro caos e disagio interiore, mi creda.
In bocca al lupo. E si affidi ai consigli di chi sa prendersi cura di lei!
Cordialmente.
Dott.ssa Anna Gallucci

Dott.ssa Anna Gallucci, Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Vicenza

126 Risposte

68 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Tety
la sua psicoterapeuta è stata deontologicamente corretta.
Se fosse la stessa terapeuta a seguire la coppia, dopo aver seguito lei in individuale, è indubbiamente vero che partirebbe sapendo già molto di lei e poco del suo partner; questo potrebbe avere ripercussioni anche sulla fiducia del suo partner nei riguardi della terapeuta. Forse ella teme, e a ragione, di non riuscire a porsi in maniera equa verso entrambi i membri della coppia.
Quanto all'opportunità di seguire due terapie contemporaneamente, glielo sconsiglio. Le energie vanno canalizzate in un percorso alla volta.
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania D'Antuono

Dott.ssa Anna Stefania D'antuono Psicologo a Venezia

141 Risposte

473 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile lettrice,
può essere che la dottoressa che la sta seguendo individualmente ha inteso che lei intraprenderà una terapia di coppia con un altro/a terapista continuando comunque la terapia individuale in corso con lei.
A me è parso invece di capire che lei vuole iniziare una terapia di coppia interrompendo quella individuale.
E' opportuno quindi che si spieghi meglio con la psicologa che finora la sta seguendo.
Personalmente ritengo che se, questo secondo step di terapia (dopo 5 anni e per motivi differenti) è iniziato da poco, potrebbe essere convertito senza particolare svantaggio per il suo compagno, in terapia di coppia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6600 Risposte

18475 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19250

domande

Risposte 78200

Risposte