Non si accontenta mai!

Inviata da Ema · 29 apr 2013 Psicologia sociale e legale

Buongiorno, la mia bambina di 10 mesi e' molto sveglia, non ha problemi di pappe o di nanne, dorme bene di notte e fa 2/3 nanne di giorno. Da un mesetto pero' e' incontentabile, non vuole stare mai da sola e anche quando c'e' qualcuno con lei (mamma, papa', nonni o parenti vari) si lamenta in continuazione, una specie di pianto "finto" con cui ci tiene tutti in trappola ;o) Si stufa rapidamente di qualsiasi gioco, nel box non ci vuole stare, sul tappetino da gioco solo se in compagnia e sembra che l'unica cosa che la calmi sia l'interazione diretta con una persona. Molte mie amiche mamme hanno lo stesso problema e non mi aspetto ci sia una soluzione alla questione, vorrei pero' evitare (visto che il passo e' facile) che diventi una abitudine consolidata e difficile da sradicare. Come "indipendizzarli"? come fare si che si interessi ai suoi giochi senza cambiarglieli in continuazione ? e' giusto lasciare che si lamentino per qualche minuto ignorando il piagniolio? Grazie dei consigli!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 29 APR 2013

Cara ema,
il pianto culturalmente viene visto come qualcosa di negativo, in realtà ha degli effetti positivi anche a livello fisiologico perché consente di scaricare le tossine. Poi pensi a quando nasce un bambino...la prima cosa per capire che sia vivo è sentire che piange. Assolutamente il pianto non ha mai ucciso nessuno...soprattutto si sollevi dai sensi di colpa. Il bimbo ha capito il meccanismo...prima che diventi un alcatraz...proceda gradualmente...ovvero se adesso ci mette un nano secondo a prestare attenzione al bambino provi prima di rispondergli a far passare 30 secondi esatti o il tempo che lei (e non suo figlio) riesce a tollerare senza provare frustrazione tenendo in mano l'orologio e poi allunghi i tempi...e sopratutto in questo lavoro coinvolga tutti...soprattutto il papà.
Potrebbe farsi aiutare da uno specialista di zona...

Buon lavoro,

Dr. Antonio Cisternino

Anonimo-128762 Psicologo a Torino

481 Risposte

755 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 MAG 2013

Gentile ema,
le segnalo un libro molto utile ai genitori: "colloqui con i genitori" di Donald Winnicott.

Cordiali saluti.

Dr. Antonio Cisternino

Anonimo-128762 Psicologo a Torino

481 Risposte

755 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 APR 2013

Gentile Ema,
il comportamento e la manifestazione emotiva di ogni bambino dipendono sia da fattori di temperamento individuale sia dalla risposta relazionale delle persone affettivamente significative ed è solo approfondendo la situazione che credo possibile darle suggerimenti o consigli utili e adeguati al caso specifico. Provi a rivolgersi ad uno psicologo, pochi colloqui per focalizzare la difficoltà possono aiutarla a trovare la migliore strategia per gestire la situazione e la relazione con la sua bambina. Se lo desidera, sono a sua disposizione. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

471 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 APR 2013

Gentile Ema,
mi colpisce molto il termine che usa "indipendizzarli" ed il suo desiderio di rendere indipendente una bimba di 10 mesi. Se non si può dipendere a questa età quando lo si può fare? Per darle un consiglio utile sarebbe importante avere più informazioni sulla sua relazione con la bambina. In che momento della sua vita è arrivata? Come l'ha accolta? Quali sono le sue fantasie e paure come mamma? L'indipendenza si può realizzare solo se prima si vive un periodo di sana dipendenza. Non abbia paura, se permette a sua figlia di dipendere e attaccarsi a lei, questa è la premessa fondamentale per poi acquisire la sicurezza necessaria per esplorare, allontanarsi e giocare un pò da sola con la sicurezza e consapevolezza che la mamma c'è e torna. Un grande in bocca al lupo e buona crescita ad entrambe. Dott.ssa Rossella Grassi

Dott.ssa Rossella Grassi Studio Amorevol-Mente Psicologo a Romano di Lombardia

82 Risposte

105 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 APR 2013

salve ema,
sua figlia sta vivendo un momento molto importante per lo sviluppo psichico, per il senso di sé e di sé con l'altro. Sta iniziano a comprendere che non è un tutt'uno con lei o con gli altri suoi cari, competenza che il bambino non acquisisce prima dei 9 mesi di solito. Quello che le consiglio di fare è assecondare il suo bisogno di qttenzioni momentaneamente aumentato, vewdrà che è solo una fase, se verrà assecondata si sentirà più sicura che lei c'è anche se non SEMPRE ma prima deve sperimentare che invece lei c'è SEMPRE quando viene richiesta... non so se il discorso è chiaro, insomma sua figlia deve fare il pieno prima di poter partire da sola... l'indipendenza è una conquista a 10 mesi mi sembra un'aspettativa un pò precoce, non confonda i bisogni con i capricci, che nascono proprio da incomprensioni comunicative importanti.

Anonimo-126894 Psicologo a Roma

272 Risposte

164 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 APR 2013

Buongiorno Ema,
per potersi sviluppare e crescere un bambino si deve sentire amato e compreso. Quando un neonato esprime qualcosa, piangendo, dimenandosi, sorridendo,… i genitori interpretano i suoi desideri: coccole, cibo, cambio del pannolino,… Il bambino non può essere più specifico e probabilmente, nella maggior parte dei casi, non sa cosa vuole; ci fa semplicemente sapere come si sente. Ricevere risposta rispetto alla sua comunicazione da al neonato la sensazione di essere aiutato e gli impedisce di trovare un senso di disintegrazione. Dare una risposta però non vuol dire correre al primo vagito o accontentarlo su tutto, vuol dire non lasciarlo disperare mezz'ora ma lasciarlo piagnucolare un pò in un luogo protetto va bene e vuol dire anche sapergli dire di no ed essere irremovibili nella nostra decisione ma essere fisicamente presenti e contenitivi (abbracciandolo se protesta gli si comunica che anche se non lo accontentiamo gli vogliamo bene lo stesso).
Dr.ssa Federica Parri

Dott.ssa Federica Parri Psicologo a Trieste

42 Risposte

28 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 APR 2013

Buonasera,
sì può controllarla a distanza, per brevi periodi lasciarla giocare da sola e aspettare un pò prima di accorrere per consolarla. Il pianto non è sempre in bambini di quell'età disperazione!

Psicologia E Benessere Psicologo a Roma

311 Risposte

216 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24700

domande

Risposte 88200

Risposte