Non ce la faccio davvero più

Inviata da Chiara07 · 25 giu 2021

Ciao, sono una ragazza di 14 anni e sono stanca di vivere. Quando dico di essere stanca di vivere sono seria. Mi "piace" molto di più dire che sono stanca di vivere piuttosto che dire di voler morire. La voglia di morire è una conseguenza, nient'altro. Io voglio morire poiché sono stanca di vivere.
Ma poi, su, ammettiamolo, io non so neanche cosa voglia dire vivere. In 14 anni non ho ancora scoperto cosa significhi. Mi sento come se voi, un bel giorno, abbiate deciso di avere una bambina, l'abbiate messa al mondo e fine. Come se fossi una bomboniera messa lì nella vetrina. Mi sento come se la mia vita non fosse davvero mia. Come quando giocavo con Elena con le barbie e decidevamo di aggiungere anche il papà alla storia; lui c'era, sì, fisicamente c'era ma era come se non ci fosse perché nessuno lo animava. Mi sento inanimata, ecco.
Io questa vita non la sto vivendo, ci sto sopravvivendo. Non ha senso continuare con questo senso di vuoto, con questa infelicità. Il suicidio non è negativo. Perché continuare ad essere infelici? Perché fare terapie per cercare di cambiare le cose, non facendole fare il loro corso? Paradiso? Inferno? E, la storia che chi si toglie la vita è destinato all'inferno è una gran cavolata! "La vita è un dono di Dio" continuano a ripetermi. La vita non è né un dono, nè di Dio. La vita è mia e io decido per me, la vita o la morte.
E il senso di insufficienza? Niente di peggiore. Niente di peggiore fino a quando non si giunge alla consapevolezza di essere niente. Alla consapevolezza che, ammesso che io viva, tra 10, 20 o 30 anni non sarò niente, non sarò fiera della mia vita e non sarò fiera di me. Il punto è che, nella vita, vorrei davvero trovare una persona che mi faccia sentire libera, fiera, viva. Una persona che non debba per forza amarmi. Voglio una persona che mi faccia credere che qualcosa di bello esiste anche per me, che la vita non è poi così brutta e che il mare in tempesta lo amano anche i marinai. Voglio una persona che per un giorno, un'ora o due secondi mi faccia pensare al fatto che se sono qui è perché un motivo per vivere ce l'ho anch'io.
E' chiedere troppo? Mi accontento di poco. Mi basterebbe anche una persona triste quanto me a tal punto da farmi sentire capita. Perché, penso, alla vita si sopravvive solo quando si ha qualcuno che ci ama e ci capisce. Amore e comprensione come colonne portanti della vita. Magari le mie sono crollate per un disastro e magari qualcuno, un giorno, verrà a ripararle.
Io voglio qualcuno che mi faccia credere che la vita è veramente bella, non per forza con lui/lei, non per forza con voi. Io voglio essere libera, non voglio stare chiusa in casa 12 ore al giorno, a non fare niente, a vedere che gli altri escono e si divertono, a vedere quello che potrei fare io. Ma che non posso. Volete sapere perchè “perdo” tempo, forse troppo o forse troppo poco, a stare sul letto, con le cuffie e con un iPad in mano? Lo volete sapere? Perchè il letto è l’unico posto in cui mi sento protetta, le cuffie mi fanno stare in un mondo tutto mio, l’iPad è un mondo bello, è l’unico sfogo in questo mondo di merda, dove devi lavorare sempre di più (ed è “giusto”) per fare sempre qualcosa in più degli altri, e anche se tu stai già dando il massimo, non è abbastanza; non è abbastanza per questo mondo del cazzo. Ecco, è così che mi sento, non sono abbastanza. Una famiglia dovrebbe essere un posto felice, un posto sicuro, un posto in cui ti senti a casa, LA casa; per me non è così. C’è sempre qualcosa che io devo fare in più, per essere più brava, per essere così e per essere colà. Io soffro di attacchi di panico e voi, voi che siete la mia famiglia, non ve ne siete mai accorti. VOI. I miei genitori. I miei genitori non mi conoscono affatto. Mi conosce di più una mia compagna (dico compagna perchè non posso dire amica) di voi. Non dovrebbe essere così. Quando mi chiedete come sto, ci pensate mai che qualcosa potrebbe non andare bene come dico? Ci pensate mai che quando fisso il vuoto e voi mi chiedete cos’ho io vi rispondo sempre “niente”, “ho solo un po’ di mal di testa, è tutto ok” Tutto ok? Di ok non c’è proprio niente. Di ok c’è solo il fatto che non voglio farvi preoccupare, c’è sono il fatto che non mi piace vedervi giù e quindi faccio di tutto per non vedervi a tristi per me.
Io ho 13 anni ho paura di rimanere sola.
Io ho 13 anni e soffro di attacchi di panico.
Io ho 13 anni e ho paura di mostrare chi sono veramente.
Io ho 13 anni ho paura di non riuscire ad integrarmi.
Io ho 13 anni e sono stanca di vivere. Ho 13 anni. Ho voglia di sbagliare, ridere, piangere, sporcarmi e leccarmi le ferite.
Ho 13 anni e penso di sapere tutto.
Ho 13 anni e sono testarda. Ho 13 anni e sono un’infinita contraddizione. Ho 13 anni mi dovete lasciar stare, fatemi amare chi voglio, fatemi crescere. Voglio poter sperimentare
Voglio prendermi il mondo. Voglio cambiare il mondo. Voglio rimediare ai vostri errori. Voglio abbattere i muri. Voglio nuove rivoluzioni. Voglio i colori. Ho 13 anni e non starò zitta e anche se mi avete insegnato a odiare, io non odierò. Ho 13 anni e ho una paura fottuta. Ho 13 anni e ho paura di niente e di tutto.
Questo è in momento di sbagliare, non è tra 20 anni, quando avrò dei figli, un marito, una casa, un lavoro, una famiglia da portare avanti. Il mio momento (bello e brutto) è adesso. Ci siete mai chiesti chi sia il mio idolo? Ve lo dico subito. Il mio idolo sono i Måneskin, in particolare Vic; voi direte “vabbè, è solo un momento, troverai altre persone sicuramente “migliori” di questa Vic” e io vi risponderò“no.” Perchè il mio idolo è Vic? Perchè vorrei essere come lei; lei soffre di attacchi di panico ed è riuscita ad andare avanti. È riuscita ad andare avanti grazie a Damiano, Ethan e Thomas, che l’hanno supportata, l’hanno capita, l’hanno ascoltata, l’hanno aiutata. Voi cosa fate di tutto questo? Loro sono una famiglia, magari non hanno legami di sangue ma sanno cosa vuol dire “accompagnare” una persona in difficoltà. Voi direte “vabbè, non lo sapevamo che soffrivi di attacchi di panico, tu non ci dici mai niente, noi non ce lo possiamo immaginare”, “ Lo dici solo perchè vuoi delle attenzioni in più”, “Non è niente, non sai neanche cosa voglia dire avere un attacco di panico”. E invece vi sbagliate, e vi sbagliate di grosso qui. Voi di me non sapete niente. Vi siete mai chiesti perchè “Coraline” sia la mia canzone preferita? Ovviamente no. Ve lo dico io? Ovviamente si. Io sono Coraline, io voglio sparire, non voglio mangiare, sento un mostro che mi tiene in gabbia, che mi ricopre la strada di mine, piango, ho l’ansia, voglio il mare, ma ho paura dell’acqua, ma non sapete che il mare è dentro di me. Sono solo una ragazzina, ma sento un peso e prima o poi mi spezzerò. Penso che sia arrivato il momento, penso di essermi spezzata. La gente dirà “non vale niente, non riesce neanche a uscirà da una misera porta”. Ma un giorno, una volta ci riuscirò. O almeno lo spero. Ma non lo spero per me; lo spero per Elena, per Luca, per i nonni e per tutte quelle persone che mi vogliono veramente bene. Quella dei Måneskin non è una fase, come la chiamate voi… Non ve ne siete mai accorti, ma io i Måneskin li amavo anche prima di Sanremo e dell’Eurovision. Voi dovreste conosce i meglio di me, dovreste sapere quello che farò prima che io lo faccia, dovreste sapere il lavoro che voglio fare, dovreste sapere il perchè della scelta del lavoro che voglio fare.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 28 GIU 2021

Ciao Chiara scrivi molto bene e riesci ad esprimere tutti i pensieri e le emozioni che provi anche se molto contraddittorie e talvolta estreme. Entrare in adolescenza comporta infatti tutto quello che dici, ti senti spesso non capita dai tuoi e allo stesso tempo loro non ti bastano più perché vuoi essere accettata da amici con cui confrontarti e trovare in loro supporto e un riferimento (un po' come nei Maneskin in cui ti rispecchi). Tutto questo può talvolta essere difficile da sostenere e se vuoi trovare un luogo che accolga queste tue paure e dubbi ti consiglio davvero di valutare (con l'accordo dei tuoi genitori) l'inizio di una psicoterapia. È una strada che ti porterà a conoscerti meglio e trovare forza ed energia grazie appunto a quello che cerchi tu, una relazione in cui essere compresa e accettata.
Sei una ragazza intelligente e sensibile vedrai che attraversata la tempesta arriverà il sereno e il sole anche per te!
Resto a disposizione
Cordiali saluti
Dott.ssa Valeria Mavilia

Dott.ssa Valeria Mavilia Psicologo a Spadafora

117 Risposte

75 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 GIU 2021

Ciao Chiara, mi permetto di darti del tu vista la tua giovane età. Mi spiace molto per la situazione ed il disagio espresso. Sarebbe opportuno, a mio avviso, ricavarsi uno spazio d'ascolto per elaborare pensieri e vissuti relativi a questa difficoltà, arriva molto forte questo grido di dolore. Sarebbe opportuno esprimere i suoi pensieri e vissuti emotivi connessi alla situazione nella speranza che i suoi familiari le facciano intraprendere un percorso psicologico al fine di indagare cause, origini e fattori di mantenimento dei tuoi sintomi e trovare strategie utili per affrontare le situazioni particolarmente complesse onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Cordialmente, dott. FDL

Dott. Francesco Damiano Logiudice Psicologo a Roma

242 Risposte

110 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 GIU 2021

Gentile Chiara,
turbamenti, sconforto, rabbia e contraddizioni sono tipiche dell'adolescenza e quindi della tua età ma certamente contano anche le esperienze extrafamiliari e soprattutto intrafamiliari.
Il consiglio è di aggrappoarti ai pochi punti fermi a cui hai fatto cenno (Elena, Luca, i nonni e le poche persone che ti vogliono veramente bene) nonchè al senso del dovere per quelli che sono i doveri di una quattordicenne anzichè isolarti e rifugiarti in un mondo virtuale prendendo come modello personaggi del mondo dello spettacolo.
Alla tua età, se davvero non si ha la fortuna di avere genitori attenti e competenti, sarebbe molto utile la guida di un bravo psicoterapeuta che ti aiuti ad affrontare i tuoi disagi e momenti di crisi.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7518 Risposte

21047 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 GIU 2021

Buongiorno Chiara,
hai tanta energia e voglia di cambiare la situazione "nera" nella quale ti trovi che riuscirai. Non fare l'errore però di desiderare vivere la vita di un'altra o di rinunciare a vivere la tua. Ogni vita è unica e ciascuno deve scoprire la sua. Non sapremo mai quante persone avremo aiutato vivendo al meglio la nostra vita. Quello che è certo è che ciascuno ha dentro un potenziale che scoprirà solo vivendo.
Cosa vuoi essere nella vita? e chiediti se le azioni che stai intraprendendo ti portano in quella direzione.
Mi auguro che tu possa decollare e fare cose firmate da te.
Sono a disposizione.
Dott.ssa Oriana Parisi

Dott.ssa Oriana Parisi Psicologo a Bari

488 Risposte

299 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101200

Risposte