Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Non riuscire a separarsi per sensi di colpa

Inviata da F. il 30 mag 2015 Terapia di coppia

Salve,
Mi chiamo F. e ho 34 anni. Cinque anni fa ho iniziato una storia con una ragazza che era sposata con due bambini molto piccoli (3 anni e 4mesi) che per stare ci me si è separata. È stato un grande amore ma minato purtroppo da molteplici problemi esterni. La scomparsa del padre, la sorella che ha messo su una causa per la casa dei genitori, i problemi economici (non avendo nessun parente lei non lavorava e con uno stipendio era durissima), io sono stato in fin di vita per un incidente e se vogliamo anche per lei cmq lo stress della separazione. Passare da un tenore di vita medio alto a '' due cuori e una capanna ". Lei porta in sé dei problemi irrisolti dovuti a dei grossi problemi con un padre" difficile". Io ho fatto tutto per loro, rinunciando a tutto. Lavoravo 14ore al giorno per dare straordinari, mi sono indebitato, ho rinunciato a moto è fare una vita da 30enne. Sentendomi dire spesso da molte persone '' ma chi te lo fa fare? Non sono figli tuoi... Un padre hanno... " ma io ho sempre risposto che per me era come se fossero miei che amavo loro e lei... Amavo lei a tal punto da rinunciare ad avere un figlio mio perché lei non poteva averne. Sarei andato avanti per sempre. Poi lei ad un certo punto ha iniziato a convogliare tutto questo stress e sofferenze su di me. Ero diventato il problema della casa, quello "cattivo". Quello che facendo una vita davvero insostenibile sveglia alle 4.30 lavoro per 13/14 ore di trasporto valori poi ritorno a casa "aveva un amante" ... Senza uscire mai solo (due volte in tutto), andando in giro con 5 euro per tutto il mese chiedendo spesso aiuto ai miei... Arrivando a farsi mettere le mani addosso... Un giorno ho deciso che così non era sostenibile più per tutti bambini compresi e sono andato via. Da maggio 2013 a un paio di mesi fa siamo stati lontani, senza contatti... Io avevo riacquistato la libertà che è per me aria... Due mesi fa però un incontro casuale... Il racconto di tanti problemi che ha affrontato e la leva sulla mia iper protettivita... Lei si è dimostrata cambiatissima... Per farla breve sono di nuovo qui... In questa casa che era la mia '' prigione''... E mi sto rendendo conto di aver fatto un errore grandissimo... Ma ora lei, i bambini specialmente che sono stati forse il motivo vero del mio riavvicinamento se dovessi andare via di nuovo soffrifebbero.... Ci sarebbero i problemi pratici.... E tutto questo mi crea angoscia e sensi di colpa... Ma mi rendo conto ogni giorno di più di volergli un bene dell'anima ma di non amarla. Il mio grande amore lo ha distrutto lei in passato... Ora c'è solo senso di colpa... Avevo promesso di pensare a me.. E invece mi sono messo da parte di nuovo... E ora sto male.... Scusate se mi sono dilungato.... Un consiglio Vostro mi sarebbe d'aiuto.... Grazie F.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile lettore,
lei dice che nell'incontro con quella donna, dopo 2 anni di distacco, l'ha trovata "cambiatissima". Ora aggiunge che si è di nuovo pentito : cosa è successo? Non era cambiata per niente e lei ha preso una colossale svista o ci sono altri motivi?
A parte ciò, lei si pone il problema della possibile sofferenza dei bambini per una nuova delusione ed un suo nuovo allontanamento e fa bene perchè certi traumi per essi sono destabilizzanti e lasciano il segno. Poi aggiunge che a questa donna vuole un gran bene ma non la ama e intanto si vive dei sensi di colpa.
In conclusione brancola nel buio e non sa cosa fare.
Ce n'è abbastanza per rivolgersi ad uno psicoterapeuta e farsi aiutare a mettere un pò di ordine in questo caos e decidere per il meglio.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologoclinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6671 Risposte

18711 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno F.
La storia che hai raccontato è quella di un grande amore , ma anche di grandi sofferenze da parte tua. Ti invito a riflettere sul fatto che le due cose non dovrebbero coincidere . Un rapporto veramente soddisfacente non dovrebbe metterci nelle condizioni di fare un bilancio della nostra vita e dire "mi ha tolto qualcosa" , perchè in realtà dovrebbe arricchirci e non privarci di qualcosa.
Quando questo avviene è il sintomo che qualcosa non va nel partner, nella relazione oppure semplicemente in noi stessi.
Il mio invito è affidarti ad uno specialista che possa aiutarti a capire quale di questi aspetti è deficitario . Soltanto così potrai fare attivamente qualcosa , e non è detto che la soluzione migliore sia lasciare questa tua "famiglia" .
Buona fortuna

Dott.ssa Maura Di Lillo Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Campobasso

16 Risposte

26 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno F. ,
Se la scelta di "ritornare" la stai vivendo male come una "prigione" forse e' il caso di fermarsi e riflettere, un supporto psicologico ti sarebbe di grande aiuto. Comprensibile che pensi ai bambini, che ti dispiaccia per loro, non li vuoi far soffrire ed e' bello da parte tua, pero soffri tu! Non e' detto che tu debba lasciare queste persone che sono diventate parte della tua vita.....
Cordialmente.
Dr.ssa Verena Elisa Gomiero

Dott.ssa Gomiero Verena Elisa Psicologo a Padova

85 Risposte

17 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro F.,
il suo circolo vizioso di dedizione all'altro, senso di colpa e scarsa attenzione a se stesso va interrotto. A favore di un circolo più virtuoso.

E' difficile riuscire a farlo soli, si faccia accompagnare da uno psicologo. Tra le altre cose, le offrirà anche uno spazio di cura di sè e solo per sè.

Cordialmente,
Dott.ssa Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2030 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera F,
un consiglio sarebbe di guardare e dedicarti a TE, cosa che ti sei promesso di fare.
Prenditi uno spazio personale, inizia una terapia e scopri cosa succede ad F.

Un caro saluto.

Dott. Fabio Glielmi

Dott. Fabio Glielmi Psicologo a Roma

174 Risposte

254 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15650

psicologi

domande 19750

domande

Risposte 79100

Risposte