Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Moglie con stress post-parto non vuole aiuto ma il problema si sta aggravando

Inviata da Raffaele Garofalo il 8 giu 2016 Psicologia sociale e legale

Ciao,
vi scrivo perché ho bisogno di un aiuto, in particolar modo ho bisogno di capire come comportarmi con mia moglie che ha subito un drastico cambiamento dopo la gravidanza.

Premetto che:
1) Mia moglie era una donna in carriera e noi ci siamo sposati due anni fa all'età di 38 anni
2) Dopo la scoperta della gravidanza, la sua vita, per sua scelta, è cambiata radicalmente senza più uscite serali, vacanze e lavoro. Aveva una paura assurda di perdere il bambino o di avere un bambino con malformazioni
3) La sua gravidanza è stata eccellente, nessun problema e nostro figlio nutre un'ottima salute ed ha 9 mesi
4) Il rapporto tra me e mio figlio è ottimo ma è un bambino che richiede molte energie, pensate che a 9 mesi già cammina

Il problema:
1) Inanzitutto, sia il suo ginecologo che il medico di base le ha diagnosticato uno "stress post-gravidanza" e le hanno consigliato di visitare uno psicologo/psichiatra, di smettere di allattare e di iniziare a prendere tempo solo per lei, mandando il bambino all'asilo per esempio, ma lei non ne vuole sapere
2) Prima si curava molto, teneva molto alla sua immagine anche in casa, ora devo spingerla con la forza ogni 3 giorni per farsi una doccia e se usciamo io e il bambino siamo eleganti e curati mentre lei esce con la tuta da ginnastica
3) Aiuto ne ha, abbiamo una colf a 40 ore la settimana, da lunedì a Venerdì che fa tutto. Io cucino pranzo e cena per via dello sport che faccio che richiede una dieta e viviamo in un residence dove lei non deve preoccuparsi di nulla, ha piscina, palestra e altre cose ma è sempre apatica
4) Infine, il sesso. Inizialmente era una volta al mese durante la gravidanza e anche dopo ma negli ultimi due mesi è diventato nullo. Premetto che io faccio sport, mi curo molto esteticamente e faccio di tutto per sembrarle sempre attraente, gentile e romantico anche se ormai la mia passione sta iniziando a svanire visti i continui responsi negativi. Lei ha messo su 10 kg, non si cura più ma questa non è una cosa che io le faccio pesare ma lei mi rifiuta dicendomi che si sente sporca e brutta, anche se io non la vedo proprio così.

Soluzioni:
1) Ho provato a farle fare qualche week-end sorpresa ma nulla, in Hotel, per esempio, vede solo il negativo della stanza e non il piacere della vacanza
2) Sua madre ha provato a prendere per il week-end nostro figlio che è fantastico, sta con tutti senza problemi, ma mia moglie ogni due ore deve chiamarla per sapere come sta, quindi week-end pessimo
3) Le faccio regali anche costosi, carinerie, ma niente, ogni giorno è sempre più antipatica, è diventata proprio antipatica, non apatica ma scorbutica con tutti

Ho tenuto duro e le sto provando tutte ma ormai sarà un anno circa che lei è in questo condizione ed è estremamente peggiorata negli ultimi mesi il che mi sta portando ad allontanarmi.

Cosa posso fare? Devo mandarle un messaggio più forte? Io vorrei semplicemente aiutarla a tornare quella di prima, niente di più niente di meno.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Ciao Raffaele, da quello che scrivi sembra che i medici che hanno visitato tua moglie hanno individuato il problema della depressione post partum; inoltre mi pare di capire che hai messo in campo molte energie per aiutarla da tantissimi punti di vista. Sicuramente il trattamento psicologico più efficace e immediato dovrebbe essere rivolto a tua moglie che però in questo momento è anosognosica rispetto al problema che la riguarda. L'unica cosa che mi sembra possibile in questo momento è lavorare sulla vostra condizione attraverso un lavoro su di te, che sei parte del suo sistema relazionale. Mettendoti tu per primo in discussione tua mogle potrebbe sentire che lavorare sui propri vissuti emotivi e riflettere sui nuovi equilibri che comportano l'arrivo di un bambino, è importante per tutti e tre. Ti ricordo che in questa fase di vita (una maternità vissuta con stress e pesantezza) è fondamentale non colpevolizzarla per quello che sta vivendo e soprattutto non svalorizzarla come madre: spesso è proprio la voglia di fare la "mamma" nei migliori dei modi che genera una spropositata ansia da prestazione con inevitabili fallimenti con i quali fare i conti. Nei libri per neo genitori leggi che la madre ha un'infallibile istinto che le permette di capire i bisogni del bambino e poi nella pratica ti ritrovi con un piccolo cucciolo che piange o strilla e tu non hai la più pallida idea di cosa gli stia accadendo; ti senti inadeguata, stanca eppure anche senza forze non ti puoi concedere di mollare la presa, di dire che a volte segretamente vorresti non vederlo e non sentirlo; ti senti cattiva a desiderare un giorno di pace perché non ti senti degna del dono della maternità. Purtroppo è un vissuto molto doloroso e ci vuole tempo e soprattutto tanto coraggio per aprirsi a questi sentimenti e accettarli come naturali. Tu intanto sembri un bravo marito e a mio parere se inizi tu un percorso di sostegno psicologico forse tua moglie potrebbe pensare che non è poi così brutto farsi aiutare in un momento difficile. Intanto ti faccio tanti auguri, spero che presto tornerete ad essere felici. dott.ssa Majla Trovato

Dott.ssa Majla Trovato Psicologo a Perugia

3 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Raffaele,
purtroppo la depressione post partum può essere disconosciuta dalle persone che ne soffrono. Generalmente si tende ad associare la depressione post partum solo alla presenza di sentimenti di tristezza e apatia. Molto spesso, invece, questa condizione porta alla manifestazione di rabbia, aggressività relazionale, difficoltà nel sonno e oppositività.
Provi a capire se sua moglie sente di avere difficoltà rispetto, ad esempio, alla gestione della frustrazione, all'eventuale insonnia (molto spesso le donne con depressione post partum non riescono a dormire neanche quando potrebbero e questo accentua il senso di affaticabilità), ad eventuali problematiche relazionali che riconosce di avere, con lei o con il bambino.
Provi inoltre a coinvolgere un'altra persona di cui sua moglie si fida per invitarla a farsi seguire, ad esempio un'amica che ha già vissuto un'esperienza di maternità o, se il rapporto è buono, una parente di sua moglie.
Un saluto,
dr.ssa Campagnola

Studio Dr.ssa Campagnola Psicologo a Montebelluna

30 Risposte

23 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Raffaele
è evidente, da ciò che ci racconti che la neomamma soffra di una sorta di depressione post partum.
Prima cosa deve essere adeguatamente curata attraverso visita psichiatrica e prendere dei farmaci.
Questa forma di depressione poi rientra, però se non viene curata può anche peggiorare.
Per quanto tu possa fare per lei, e, amio parere, stai facendo tanto e anche troppo, tu non sei uno psichiatra e nemmeno uno psicoterapeuta, bensì un marito e quindi devi cercare di motivarla a fare le cure necessarie, compresa la psicoterapia, perché la Signora ne ha bisogno di certo.
Vi faccio i complimenti per il bellissimo bambino che merita una mamma in forma e vivace.
Tu vai avanti coraggiosamente e non abbatterti, in questo momento sei la colonna della famiglia!
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6721 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15500

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77950

Risposte