Mio marito non ha alcuna relazione con la mia famiglia, che fare?

Inviata da antonietta · 20 ott 2014 Terapia familiare

Salve. Sono sposata da 5 dopo 12 anni di fidanzamento. Andata a vivere lontano dai miei, vicino ai suoi. Dopo 3 mesi di matrimonio sono rimasta incinta e avevo molto bisogno del sostegno di mio marito che è una bravissima persona ma in quel momento non l'ho sentito vicino, ne' comprensivo e affettuoso. I miei sono un po' invadenti e con passare dei 12 anni di fidanzamento mio marito li ha sopportati sempre meno. Subito dopo il parto mi sono sentita molto sola, mio marito si è ributtato subito sul lavoro: partiva alle 8 e tornava la sera alle 20,30, mia madre era distante e veniva poco. Mia suocera è in gamba ma non è mia madre e francamente sono sempre stata gelosa della assoluta comprensione e dedizione che lui riserva alle donne della sua famiglia (madre, sorella, perfino cugine).Così abbiamo cominciato a litigare perché io mi sentivo sola e avevo bisogno di aiuto ma lui mi diceva di cavarmela da sola e di crescere. Un giorno in preda alla disperazione mi sono lamentata di lui per telefono con mia madre, ho esagerato usando brutte parole, offensive, anche nei confronti della sua famiglia che non lo meritava ma solo perché ero gelosa dell'affetto che lui ha per loro e che sentivo non rivolgeva anche a me. Mi critica molto.
Il destino ha voluto che lui sentisse quella telefonata. da lì è iniziato l'incubo. Non vuole più vedere i miei e non ha mai perdonato me. Gli ho chiesto scusa, spiegandogli che era stata una debolezza, uno sfogo in un momento di rabbia. Si è scusata anche mia madre che si era espressa in modo poco lusinghiero nei suoi confronti in quella telefonata. Abbiamo sbagliato. Non è servito a niente. Lui li odia. A Natale, compleanni, qualsiasi ricorrenza si va insieme dai suoi, da sola con mia figlia dai miei. Sono sinceramente dispiaciuta dell'accaduto, non avrei dovuto farlo ma ormai è successo. Era un conforto chiesto da una figlia a una madre. Chi non lo fa. Mia figlia ha 4 anni e comincia a intuire che qualcosa non va mi chiede se il papà conosce i miei genitori e a me si spezza il cuore. Provo rabbia verso di lui perché sono 3 anni che vivo questo purgatorio e lui non riesce ad andare avanti, neanche per il bene di nostra figlia che vuole bene ai nonni. Non so più cosa fare. Io vorrei solo vivere tranquilla. Voglio essere felice con lui e la nostra bambina. Sono maturata e mi sono staccata dei miei ma lui non perde occasione di dire male di loro accusandoli anche di cose assurde. Ha ragione sulla loro invadenza ma adesso sono io a moderare la loro influenza, non la subisco più ormai.Non credo che verrebbe da un terapista di coppia. E' molto orgoglioso e non considera neanche l'ipotesi di aver commesso qualche errore anche lui. Ha riversato tutta la colpa su di me. Io sono disposa a espiare ma non per sempre e adesso sono stanca...
Aiuto

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 21 OTT 2014

Antonietta
francamente mi sembra che tuo marito abbia esagerato e stia esagerando e quindi adesso il problema non è più tuo ma suo.
Certo che questa che stai subendo è una situazione umiliante dove vedo necessario tra te e lui un chiarimento in profondità.
Bisogna proprio mettersi lì a parlare e tentare di nuovo di chiarire alcune cose del passato e la situazione presente.
Il fatto che lui sia così tanto orgoglioso e che veda se stesso e la sua famiglia senza macchia e il fatto che veda te e la tua famiglia come la fonte di ogni problema davvero non sta in piedi e in questi Assurdi rituali di separazione che mette in atto per tenere la tua famiglia separata c'è molto infantilismo e poco rispetto per te.
Fai capire a tuo marito che in questi atteggiamenti protratti nel tempo il suo essere un grande uomo è molto sminuito e lui mostra una parte "piccina" di sè.
Se non vuole parlare nè consultarsi con nessuno vai tu dallo psicoterapeuta e digli pure che ci vai per questo disagio. Forse la cosa lo farà riflettere (si spera!) e magari capirà la tua sofferenza per questa situazione assurda.
Questo è un uomo che ha bisogno di aprirsi ad un amore più grande fuori da posizioni di Narcisismo familiare (famiglia di origine) e di guardare con occhi totalmente diversi te e la vostra famiglia.
Auguri
Psicoterapeuta Silvana Ceccucci Studio in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7304 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 OTT 2014

Per la Dr.ssa Ceccucci.
Sono Antonietta.
Pensa che possa essere utile mostrare a mio marito questa pagina web?
O è meglio di no

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 OTT 2014

Percepisco la sua sofferenza e credo che non sia corretto che lei si addossi tutte le responsabilità. Il rapporto di coppia si fa in due e mi sembra di comprendere che è stato o è difficile lo svincolo dalle rispettive famiglie di origine. Lei dice già che suo marito non accetterebbe una terapia di coppia(ideale) gliela proponga perché lei sente la vs unione in pericolo. Se suo marito non è disponibile, imtraprenda lei un percorso personale con un terapeuta ad indirizzo sistemico relazionale. Ne riceverà un grande beneficio, per se'stessa e per la sua famiglia. Buone cose Dottssa Rosanna Tartarelli

Dott.ssa Rosanna Tartarelli Psicologo a Lucca

113 Risposte

92 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 OTT 2014

Cara Antonietta, spesso nelle relazioni di coppia entrano in gioco difficoltà personali e probelmi con le rispettive famiglie di origine. La situazine che descrive è molto complessa e sembra protrarsi da molto tempo: difficile fornire una soluzione on-line. Perchè non prova a parlarne con uno psicoterapeuta che si occuapa anche di trattamenti di coppia?
Un saluto
Maria Rita Milesi

Dr.ssa Maria Rita Milesi Psicologo a Bergamo

140 Risposte

206 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18350

psicologi

domande 29050

domande

Risposte 99350

Risposte