Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Ha senso provare a riconquistarlo?

Inviata da Federica il 14 mag 2018 Terapia di coppia

Cerco di essere quanto piú breve possibile. Quasi 3 mesi fa sono stata lasciata dal mio ragazzo dopo una relazione di 6 anni. Per farla breve, siamo sempre stati una coppia `simbiotica´, che ha sempre condiviso tutto, nel bene e nel male. Non solo partner ma anche "amici", grande complicità e voglia di divertirsi insieme, supporto reciproco nei momenti di bisogno. All'interno della nostra comitiva di amici additati come la coppia 'perfetta', destinata ad invecchiare insieme, etc. Lui generalmente percepito come quello piú emotivamente "dipendente" dei due. La separazione non è stata un fulmine a ciel sereno: negli ultimi 5/6 mesi ho avuto una cotta per un mio collega che avevo 10h al giorno in ufficio tutti i giorni. Una cotta/flirt che non si è concretizzato in nulla ma che mi ha reso emotivamente instabile, ero distratta, assente (pensavo spesso a lui mentre ero con il mio ragazzo) e a tratti 'pesante' e paranoica (i sensi di colpa, il mio flirtare con questo ragazzo hanno cominciato a rendermi paranoica e a pensare che lui potesse fare lo stesso). Nell'arco di questo periodo di tempo mi chiede piú volte perchè mi stia 'állontanando', e rispondo cose come´lo stress al lavoro´,etc. Sono giunta infine, dopo troppo tempo, alla conclusione che la cosa piú ragionevole da fare è abbandonare il mio lavoro. Si trattava soltanto di una cotta, una forte attrazione, niente per cui valga la pena sabotare una relazione di 6 anni. Nel frattempo il mio (ex) ragazzo parte per 4 settimane per la Francia per fare un corso in un'accademia (una settimana lo vado a trovare). Durante questo periodo continuo ad avere un atteggiamento pesante e paranoico, ma continuo a ripetergli anche che al suo ritorno lascerò il mio lavoro, voglio voltare pagina e porre fine al mio stato emotivo instabile. So che esiste un problema, ma fino a quel momento penso soltanto che il problema lo stia creando io, che stia a me risolverlo e che tutto dipenda soltanto da me. Mi sbagliavo. Al suo ritorno affetto e coccole come sempre, ma ad un certo punto, dopo non so quale discussione, di punto in bianco mi rivela che ha capito per la prima volta che riesce a stare bene anche da solo, che ha conosciuto una nuova parte di se stesso piú indipendente, che vuole provare a essere "protagonista della propria vita", a non "dover rendere conto a nessuno" (non aveva pianificato di lasciarmi o di farmi questo discorso, gli sono uscite le parole di bocca e non è piú riuscito a rimangiarsele). Ovviamente il tutto condito con frasi come "non ne sono sicuro, una parte di me dice che sbaglio, ma queste sensazioni ora sono piú forti, probabilmente mi pentiró ma ora mi sento cosí ", etc. Spaventata gli confesso le mie ragioni, che sono stata "strana" per questa cotta (questa confessione lo scuote, ma quando successivamente riparliamo delle "ragioni" della rottura non ritorna mai su questo argomento in particolare).
Dal giorno in cui mi fa questo discorso ci vediamo diverse volte (per volontà di entrambi), dove non riesce a fare a meno di chiamarmi amore, accarezzarmi, baciarmi, ma infine restando fermo nella sua decisione.
Ovviamente inizialmente incredula, irrazionale, arrabbiata, gli dico cose orribili (classici atteggiamenti che non fanno che allontanare ancora di piú, lo so). Ora, a distanza di quasi 3 mesi, sto cercando di metabolizzare e capire. Non mi rinfaccia niente, non rinnega il nostro grande amore, o che sono la persona che lo ha reso quello che è. Siamo d'accordo tutti e due che sono stati 6 anni felici, anche i suoi amici piú intimi sono rimasti scossi quando hanno saputo della sua decisione (inaspettata per tutti). In un altro momento storico, anche se non sono stata una buona fidanzata per diversi mesi, avremmo cercato di rimediare insieme. Lui ha preferito troncare. La ragione razionale che mi sono data è stata: lui ha 26 anni ed è ´stato´ soltanto con me. Sente il bisogno di provare nuove esperienze (o meglio, nuove donne), altrimenti si sta 'perdendo' qualcosa (non siamo mai stati una coppia che non fa cose interessanti e nuove, le uniche "esperienze" che posso impedirgli sono altre donne). Inoltre credo che nell'ultimo periodo non lo abbia fatto sentire molto desiderato, e che in generale alcune mie inibizioni possano aver limitato la nostra vita sessuale (lui sempre stato piú entusiasta di me, ma questo e´qualcosa su cui so di poter cambiare). In sostanza: non ci sentiamo piú da 2 mesi (senza contare un suo messaggio di auguri il giorno del mio compleanno un mese fa). Mi rendo conto che ´pregare´o chiedere di tornare insieme non serve. So che vedermi e sentirmi gli fa effetto. Vorrei soltanto chiedergli di vederci, chiacchierare, far finta che sono tranquilla e serena, e dimostrargli (indirettamente) che posso dargli molto di piú di quello che ho fatto finora. In due mesi sicuramente non puó aver esaurito la sua voglia di fare esperienze ´nuove´, mi rendo conto di questo. Ma io so che il tipo di intesa che abbiamo sempre avuto e´difficilmente riproducibile, non posso credere che per lui sia facile trovarla altrove. Ha senso provare a rivederlo, a distanza di due mesi, da persona ´calma´e matura? (cosa che ovviamente non ero le ultime volte che ci siamo visti). So di fargli ancora un grande effetto. L'unica cosa che non so è se il mio mostrarmi ´cambiata´puó far 'rientrare' la sua voglia di indipendenza. (Conoscendolo, anche se in questi 2 mesi gli fossi mancata non mi contatterebbe per rispetto, se non sa con certezza che vuole tornare con me). Forse è solo la mia parte irrazionale a parlare, ma credo che non si tratti di un amore destinato a rimare un ricordo. Mi piacerebbe avere un punto di vista esterno. Grazie in anticipo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Federica,
se sente che un nuovo confronto le sarebbe utile, allora ha sicuramente senso che questo possa esserci. È più che plausibile che lei voglia provare a recuperare il suo rapporto ma è altrettanto importante che lei possa essere sincera e parlare al suo compagno apertamente e senza nascondersi; allo stesso modo è importante che lei possa rimanere recettiva e disponibile all’ascolto di quelle che saranno le argomentazioni di lui. Considerando la sua attuale situazione, in ogni caso le consiglieri di rivolgersi ad uno Psicologo per un consulto che la aiuti a chiarirsi le idee e per ottenere un sostegno reale e concreto.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1115 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Federica, da come si racconta sembra aver oggi più chiari gli aspetti che nella sua coppia andrebbero in qualche modo modificati, e nello stesso tempo anche cosa di buono avete costruito insieme. Descrive la sua coppia come "simbiotica", e già questo può indicare una difficoltà di entrambi a conciliare individualità e relazionalità. Sembra che per il suo ragazzo o si sta in coppia, e quindi si è dipendenti e simbiotici, o ci si lascia e si vive la propria vita in maniera individuale e libera. Come se in una coppia non possano coesistere entrambi gli aspetti.....nello stesso tempo, lei ha sentito il bisogno in passato di rivolgersi ad un altro uomo, anche se si è resa conto dell'errore. In ogni caso, se questo è successo probabilmente ha sentito che qualcosa nella sua coppia stava venendo a mancare, e questo è un aspetto che dovrebbe chiarirsi prima di fare una scelta. Cosa vorrebbe da una relazione e dalla persona che dovrebbe stare al suo fianco? Cosa sente come più importante in un rapporto di coppia? Se, dopo essersi ascoltata profondamente dando un nome ai suoi reali bisogni, sente che davvero il vostro legame è rimasto e potreste ricostruire il rapporto, valuti l'ipotesi di chiedere un altro confronto con questo ragazzo, dove gli spiegherà a cuore aperto quello che prova e quello che ha capito. Poi, se insieme arrivate alla conclusione che volete ricostruire la vostra coppia, potreste valutare l'idea di fare un percorso di coppia, che vi aiuti a comunicare meglio e a ritrovare il giusto equilibrio tra dipendenza e indipendenza. Auguri di cuore, dott.ssa Daniela Cannistrà.

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

224 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Federica
Ho letto con interesse le sue parole ed ho apprezzato la sua capacità di autocritica. Non é facile riconoscere i propri lati fragili ed i propri lati oscuri.

Eravate una coppia simbiotica così lei si descrive. Ed infatti entrambi più o meno nel medesimo arco di tempo avete ricercato stimoli esterni. Ad entrambi cominciava a mancare qualcosa. Lei si é presa una cotta per un collega arrivando al punto di decidere di cambiare lavoro in quanto stava diventando un pensiero ossessivo e lui ha accettato di fare un corso in Francia durante il quale ha sperimentato una nuova indipendenza affettiva e personale.

La domanda a mio avviso non é se lei fa bene a rivederlo dopo due mesi ma piuttosto cosa può valutare di introdurre nella vostra coppia di nuovo ( stimoli, progetti, aperture verso l’esterno, dinamiche) che possa consentire una crescita individuale ed il nutrimento dei nuovi bisogni che sono emersi per entrambi?

Quale potere rigenerativo può mettere in atto la vostra coppia per superare questa crisi?

Quali nuovi spazi potete concedervi? Da notare che per lei il fatto che lui godesse di autonomia ha attivato istanze di controllo paranoiche...

Vi consiglierei se lui accetta di provare a fare una terapia di coppia.
Un caro saluto
Dott.ssa Fabiana Nicolini

Dott.ssa Fabiana Nicolini Psicologo a Bologna

124 Risposte

42 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Federica,
se è stato il suo (ex)fidanzato a voler troncare, questa sua decisione andrebbe rispettata, nè sarebbe molto credibile da parte di lui che lei possa essere cambiata in soli due mesi diventando rapidamente calma e matura, motivo per cui probabilmente rimarrebbe sulla difensiva di fronte alla sua eventuale richiesta di incontrarlo.
Pertanto le suggerisco di rimanere in attesa di possibili iniziative da parte di lui per un tempo ragionevole, tempo che potrebbe spendere meglio iniziando un percorso di psicoterapia utile alla sua crescita personale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6564 Risposte

18379 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77800

Risposte