Lei non è più innamorata. Accettare la cosa o provare a riconquistarla?

Inviata da Giulio il 4 giu 2018 Terapia di coppia

Buonasera,
mi chiamo Giulio e ho 34 anni. Neppure una settimana fa si è interrotta una relazione che andava avanti da 10 mesi con una ragazza di 25 anni. È stata una decisione univoca, in quanto lei mi ha confessato di non essere più innamorata e di non provare nulla, neppure quando facevamo l'amore.
Io lavoro, ho appena comprato casa: in poche parole sono una persona che va realizzandosi e cerca una relazione seria e matura, ma che non sfoghi necessariamente in matrimonio e figli. Lei studia medicina, ha i suoi progetti da realizzare, un futuro, difficile, da compiere e quindi alla ricerca di una relazione alla leggera e senza particolare impegno, di modo da non distrarla eccessivamente dal completamento del suo percorso di studi. Il rapporto è sempre stato turbolento per via della differenza d'età, di visione e di bisogni all'interno dello stesso, ma era comunque all'insegna della spensieratezza, della felicità e dell'amore reciproco. Mano a mano, però, i dubbi si sono insinuati nella sua testa per via di litigate magari non accese o frequenti, ma comunque importanti e mai di poco conto. Se alzavo i toni era un problema, se mi lamentavo che non ci vedevamo spesso era un problema. Alla lunga tutto questo ha portato la mia ormai ex ragazza, definirla compagna mi sembra fuori luogo per come si è sviluppata la relazione, a domandarsi spesso e volentieri il senso della nostra relazione. Almeno 2 o 3 volte ho dovuto farmi forza per entrambi e rimettere tutto sui giusti binari, diciamo così, fugando i suoi dubbi e la visione sempre più pessimista e cupa che prendeva corpo, e spesso il sopravvento, nella sua testa. Eppure, il mio farmi forza era giustificato. Nonostante quanto descritto poc'anzi, lei sembrava davvero innamorata: scriveva lettere, faceva regalini, mi scriveva e chiamava spesso, a letto mai un problema. E poi parlavamo spesso e volentieri, in un confronto sano e costruttivo il più delle volte, di ciò che andava bene e quale fosse la maniera migliore per affrontare i malintesi e i problemi comuni ad ogni coppia, specialmente in quelle dove l'iniziale passione doveva lasciar necessariamente posto a qualcosa di più concreto e maturo. Tutto più o meno nella norma, fino a quando la situazione non è esplosa completamente a fine aprile, nel momento in cui lei ha confessato di non farcela più, di essere stanca, accusandomi per giunta di essere fin troppo pressante e assillante. Sostanzialmente riconosceva che io avevo bisogno di qualcosa in più che lei era incapace di darmi. Questo portava ad una mia evidente frustrazione, causa principale della succitata pesantezza. Inoltre, a completare il quadro, erano emersi due fattori mica da ridere:
- lei ammetteva candidamente che io non ero la sua priorità
- lei considerava il mio non voler frequentare, o in alcuni casi conoscere, i suoi colleghi universitari una cosa molto grave.
A mia parziale discolpa, i tentativi da parte mia ci sono stati. Solo che la differenza d'età ha inficiato spesso negativamente in questi approcci.
Abbiamo deciso di riprovarci e darci una nuova possibilità, ma ormai qualcosa si era rotto. Lei mi cercava meno, con poco trasporto ed affetto oramai affievolito. Tutto questo fino ad arrivare a martedì scorso, dove in una telefonata a dir poco fredda e glaciale, mi comunicava che stare insieme era inutile, senza senso e costituiva per lei motivo di insofferenza. Era finita. L'ho incontrata e mi ha ribadito tutto quanto per filo e per segno, adducendo le solite scusanti che fanno da corollario ad ogni rottura. Inoltre, mi ha confessato di avermi in qualche modo tradito, avvicinandosi ad un suo amico e di averlo persino baciato.
Per me è stato comunque un fulmine a ciel sereno, perché come detto ci confrontavamo spesso, e nelle ultime due settimane sembrava che si potesse tornare ad essere felici ed innamorati. Mi sbagliavo. Lei è stata sempre abile a mascherare il tutto, a darmi segnali d'amore quando in realtà di sentimento ce n'era ben poco. Persino lunedì scorso, l'ultima notte assieme, ci sono stati momenti teneri, passionali: da vera coppia insomma. Tutte balle. Era voler bene e non amore. Da parte sua oramai non c'era traccia di alcun sentimento. Anzi, la sua confessione è stata per lei una liberazione, una presa in giro che terminava per entrambi.
Credo sia pleonastico aggiungere come per me sia difficile accettare tutto questo: non dormo, mangio ma a fatica, sono stressato, lavoro appena, sorrido poco e mi struggo tanto. Ho sacrificato tanto per lei, ho messo me stesso sempre in discussione e pur di venirle incontro ho accantonato sogni e bisogni (parlo di convivenza ad esempio). Da innamorato credo e spero ancora in un riavvicinamento, ma dubito sarà così. Secondo voi dovrei insistere oppure mollare definitivamente la presa?
Il mio terapista mi ha consigliato di mollare la presa e nel caso attendere che si rifaccia viva lei. Avrei bisogno di un secondo parere, o anche terzo, da esperti del campo.
Chiedo scusa per il caos grammaticale e logico di questi pensieri sparsi. Del resto rispecchia fedelmente la confusione presente nella mia testa.
Grazie per le eventuali risposte.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buonasera Giulio,
Ho letto con attenzione la sua lettera. Descrive esperienze che possono capitare all interno della coppia e credo che Lei riesca a darne il senso per ciascuna di esse. Rispetto alla sua richiesta credo che debba essere Lei a muoversi sulla base delle proprie emozioni. Il condividerle con la sua "ex compagna" potrebbe rappresentare un buon momento di confronto dove poter esprimere ciò che reciprocamente sentite e provate rispetto a sé stessi e all altro. Non credo ci siano esperti in grado di poterle dare la soluzione "migliore". Ciò che sente è forse la "soluzione" più autentica da poter raccontare all' altro.
Una buona serata
Francesco Tesser

Dott. Francesco Tesser Psicologo a Roncade

57 Risposte

57 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77200

Risposte