Grosso problema a scuola con una professoressa

Inviata da Francesca · 10 giu 2013 Orientamento scolastico

Buongiorno,
Ho bisogno di aiuto perchè sono distrutta. Sono 3 mesi che piango e sono arrivata persino all' autolesionsimo. Premetto che è una storia lunga e abbastanza complicata, scusate.
Il fatto è che: voglio un bene immenso alla mia professoressa di inglese. So che questa è una cosa dolce e bella però a me fa star male.
Io le chiesi aiuto perchè avevo problemi scolastici, era un brutto e stressante periodo per me e lei mi aiutò, mi stette vicina nel momento del bisogno, si prese cura di me... Mi chiedeva come stavo, mi incoraggiava e io adoravo tutto questo e ciò che stava facendo per me, mi sentivo amata. Cos' mi affezionai a lei moltissimo, la consideravo la mia seconda mamma e le volevo un gran bene. Io mi impegnavo moltissimo per renderla fiera di me, non vedevo l'ora che arrivasse per sentirla spiegare la lezione e per sorriderle dolcemente.
Poi arrivò un giorno (8 marzo) in cui una mia cara amica aveva avuto problemi familiari e voleva parlarne con la professoressa. Così questa mia compagna mi chiese di accompagnarla. Assistetti alla loro conversazione e ammiravo come la prof riuscisse a comprendere perfettamente la situazione... Ad un certo punto si avvicinarono... E si abbracciarono. Proprio lì davanti a me. Ero triste, gelosa, arrabbiata, come se mi avessero trafitto 100 coltelli. Quel pomeriggio piansi, piansi, piansi. Piansi una miriade di lacrime. Si piangevo per lei, per la mia cara prof. Perchè anche io volevo stare tra le sue braccia. Da quel giorno non smisi di piangere.. Piangevo a casa, fuori, a scuola, durante le sue ore. Ma lei non se ne accorgeva mai. Io le volevo un bene indescrivibile, l'amavo quasi quanto mia madre. Così questo sentimento si fece un'ossessione.
I giorni passavano... E io non smettevo, lei non sarebbe mai stata 'mia'. Il 27 marzo mi chiamò a sedere alla cattedra affianco a lei per seguire su una fotocopia... E nonostante fosse lì accanto a me sembrava lontana milioni di miglia... Avevo gli occhi lucidi e cercavo di trattenere le lacrime. Speravo ogni giorno in un suo sorriso, sue due parole, un suo sguardo... Che non arrivavano mai. Desideravo ritornare a quei giorni stupendi in cui lei mi stava vicina. Il mio sogno era lei, lei che mi abbraccia e che mi dice che mi vuole bene.
Iniziai a scrivere un quaderno, un diario di sfogo... Le pagine cominciarono a crescere... Ora sono circa 60. Il giorno dei colloqui disse una frase che non scorderò mai: 'Spero che Francesca verrà a trovarmi l'anno prossimo, io sono qui che l'aspetto.' quella frase mi colpì al cuore... Mi sorrise calorosamente e se ne andò, mentre io l'ammiravo.
Il giorno seguente lo rifece. Mi fece ancora accomodare ad un passo da lei. C'era la distanza di un abbraccio fra noi. Io sorridevo perchè mi illudevo che avesse capito tutto e facesse questi gesti per starmi vicina. Lei era tutto ciò che volevo. Ogni giorno mi chiudevo in camera a piangere: ero piena di dubbi, preoccupazioni, paure, confusione, dolore, pensieri, lacrime. Se ho mai pensato di essermene innamorata? Si, ci ho pensato tante volte e questo pensiero mi perseguitava. Io adoravo tutto ciò che faceva e che diceva.
Un giorno, stanca di tutto, dopo un mese e mezzo di tanto dolore presi la decisione di parlarle. Così entrammo in una stanza dove eravamo sole... Io cercai di spiegarle ma le parole non mi uscivano, mi bloccavo... Lei mi guardava con la fronte aggrottata e ad un certo punto mi disse che non riusciva a capire... Io le spiegai che era il mio idolo... Che stavo sempre male... Che l'avrei voluta sempre con me... Lei mi disse che era normale alla mia età trovare un modello da seguire, una figura di riferimento che nella scuola mi adatterò subito e dimenticherò. Gli occhi mi si riempirono, non avevo il coraggio di piangerle in faccia. Ma lei non capì e io mi spiegai male.
Le mie amiche odiavano vedermi così... Così presero la decisione di parlarle, mostrandole il quaderno... La professoressa non reagì molto bene... Non volle leggere il quaderno perchè non se la sentiva... Lei sembrava a disagio, imbarazzata, come se volesse andarsene ... Disse tipo 'non sono pronta per questo' e la sua frase mi ferì tanto. Continuava a scuotere il capo e a balbettare (io non ero presente).
Ero distrutta. Mi sentivo una delusione. Non potevo lasciare tutto andare e cominciare a dimenticare, non riuscivo. Cominciai a farmi del male fisico, sbagliando. Speravo che un giorno notasse quelle maledette cicatrici e mi chiedesse 'Ma perchè?'. Desideravo che mi vedesse piangere per farle capire il male che mi aveva fatto. Ma non si accorse mai di nulla. Non si accorse mai delle cicatrici, mai dei pianti, mai delle facce tristi, mai dei miei sguardi bisognosi di lei e del suo affetto. Mi sentivo abbandonata.
Col tempo capii che l'autolesionismo non era la risposta, così smisi. Ma stavo male lo stesso, la notte mi addormentavo con la sua foto fra le braccia e stringevo il cuscino fingendolo lei.
Di recente ne parlai con la mia professoressa di matematica la quale mi vide piangere e si interessò. Le dissi tutto molto spontaneamente perchè mi fido di lei. Mi capì al volo. Disse che il problema doveva essere risolto prima degli esami, perchè altrimenti mi sarei trovata in una brutta situazione agli orali di inglese. Quel pomeriggio, dopo la nostra chiaccherata, la prof di matematica decise di chiamare la mia cara professoressa di inglese, a cui non ho smesso di voler bene nemmeno per un secondo, le disse che voleva chiarire insieme il prima possibile, cioè oggi.
Oggi era l'ultimo giorno di scuola (8 giugno), sono 3 mesi che sto così. Ero in ansia. Una piccola vocina gridava di crederci e di non smettere di sognare, ma io dubitavo che oggi quella donna avrebbe fatto il primo passo verso me. Passeggiavo per la scuola durante la festa di fine anno, quando ecco.. La prof di inglese, bellissima come sempre, accompagnata dalla docente di matematica che mi passa accanto e mi dice che era il momento di chiarire... Io annuii. Sentivo le lacrime che si formavano nei miei occhi. Mi accompagnarono in un angolo e cominciammo a parlare ... Le chiesi scusa per tutto.. Lei mi disse che non c'era nulla di cui scusarsi... Che non bisogna essere tristi e stare male perchè fuori c'è un bellissimo mondo da scoprire e che avrò un bel futuro.... Perchè sono una brava studentessa, una brava persona ecc... Ha aggiunto che lei mi ha sempre stimata e che non è mai calata la sua stima verso me e anche che l'anno prossimo la verrò a trovare. La professoressa di matematica ascoltava la conversazione... Io ero come un cubetto di ghiaccio... Non piansi davanti a loro... Mi chiese se percaso avevo qualcosa da aggiungere e io dissi: ' vi voglio bene, voglio bene ad entrambe.', mi risposero che anche loro mi vogliono bene, poi il momento magico finì.
Non ne parlai con nessuno di quei 10 minuti in quell'angolo della scuola fra il chaos generale. Ero felice si... Ma sentivo che mi mancava qualcosa... Qualcosa di importante... Qualcosa che avrei voluto succedesse... Qualcosa che avrebbe veramente fatto di oggi il giorno più bello della mia vita... Forse volevo quell'abbraccio, forse proprio quello desideravo. Quell'abbraccio che sognavo da mesi.
Quindi... Non so più cosa pensare... Sento un vuoto... che mi porta dolore e che deve essere colmato... da lei.
L'anno prossimo non sarà più la mia professoressa e mi mancherà molto. Adesso dovrei solo andare avanti, lo so. Dimenticarla, lo so. Ma io 'Non sono pronta'. Non posso lasciare che tutta la speranza e l'amore che ho coltivato muoia. Non è semplice lasciarla andare.
Scusate il papiro. Grazie mille per aver letto e per l'attenzione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 GIU 2013

buongiorno Francesca
la sua professoressa di inglese ha assunto un significato per lei particolare: è diventata una persona speciale con la quale confidarsi, da prendere come esempio, da stimare e da avere vicino sempre. la sua reazione sembra legata alla scoperta che questi significati valgono solo per lei. inoltre deve affrontare una separazione che è obbligatoria.
le consiglio di rivolgersi ad una psicoterapeuta che l'aiuti a capire le sue emozioni e i suoi bisogni e che la sostenga nel tirare fuori la rabbia in una maniera meno autolesiva.

cordiali saluti
dott.ssa Manuela Vecera

Dott.ssa Manuela Vecera Psicologo a Torino

131 Risposte

143 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 NOV 2015

Buongiorno Francesca, sono nella tua stessa situazione a metà... mi sono "innamorata" (sono una femmina) moltissimo della mia professoressa di italiano, perché è gentile, insegna benissimo e qualche volta le confido dei miei problemi sia scolastici sia famigliari.
Ora non so cosa fare perché a breve ci saranno i colloqui e quindi non so se dirà a mia mamma tutto quello che ho confidato a lei...

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 MAG 2015

Ciao Francesca
io sto vivendo la tua storia in questo momento!! Mi sono affazzionata alla mia prof
di italiano, le voglio un mondo di bene solo che come è successo a te , un giorno ho portato una mia amica da lei perchè avevamo tutte e 2 paura degli esami che dovrò affrontare fra poco.
all'inizio non mi dava per niente fastidio che lei stava con la mia prof ma adesso non lo sopporto più.... sono gelosa triste voglio che la prof sia di nuovo mia e di nessun'altro, ho bisogno di un suo abbraccio, voglio dirle che le voglio un mondo di bene ma non ci riesco, a volte prendo la forbice e incomincio a graffiarmi le braccia, ma non risolvo niente infatti non lo sto facendo più:(
non so che fare . Voglio riaverla solo per me come un tempo
Ciao Francesca♥

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 APR 2015

Sto piangendo, sto piangendo davvero. Potremmo scambiarci le email o alltri contattti? Sono nella stessa situazione e mi piacerebbe davvero parlartene.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 APR 2015

Francesca, mi daresti la tua mail? Devo chiederti una cosa poiché anch'io sono in questa situazione. O meglio, non proprio. Ti spiegherò tutto.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 GEN 2015

Te lo giuro.. che quando leggevo piangevo.. perchè sto passando la stessa cosa anche io.. e non so che fare!

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 GIU 2013

Cara Francesca,
hai moltissimo amore da dare e ne hai moltissimo da ricevere.
Riceverai molti abbracci nel tuo percorso di crescita, che ti scalderanno come desideri.
Non è necessario che tu dimentichi la tua amata prof. Succederà da se che la sua figura, con il tempo ed i tuoi cambiamenti, acquisterà contorni e significati differenti e ne verrà ridimensionata. Nel frattempo, cara Francesca, apriti al mondo fatto di tante persone, ognuna delle quali possiede doti e pregi, ma anche lacune, limiti, difetti e cerca di godere di quanto ognuna può e riesce a darti.
La bellezza non sta concentrata in una persona sola. Un abbraccio virtuale. Dott.ssa S. Orlandini

Dott.ssa Sabina Orlandini Psicologo a Torino

336 Risposte

197 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 GIU 2013

Cara Francesca,
dalla sua lettera traspare il suo carattere estremamente dolce e sensibile, una personalità capace di donare affetto vero ed incondizionato e, nello stesso tempo, ricevere amore da chi le è accanto.
La sua intensa emotività la porta però spesso a soffrire, a piangere, a farsi del male, anche se ha saputo capire che quello non era il modo giusto per vivere il dolore, ma solo l'illusione che la sofferenza che si provocava potesse cancellare in qualche modo la prima, quella più forte...
Provi a pensare ora alla grande fortuna che ha avuto nel conoscere persone che non perderà, ma che saranno negli anni a venire ancora un punto di riferimento importante per lei.. che non dimenticherà le sue professoresse e la loro sensibilità, ma nemmeno loro dimenticheranno una studentessa che si è distinta dagli altri grazie al suo essere persona gentile e di grande rispetto.
Un immenso in bocca al lupo!
Dott.ssa Alessia Sorsi

Dott.ssa Alessia Sorsi Psicologo a Piacenza

76 Risposte

46 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 GIU 2013

Cara francesca,
credo che il suo vissuto abbia bisogno di uno spazio diverso da quello online perché merita molta attenzione. Le indicherei di rivolgersi a uno psicologo della sua zona per comprendere meglio le modalità relazionali e di attaccamento che mette in atto.

Cordialmente,

Dr. Antonio Cisternino

Anonimo-128762 Psicologo a Torino

481 Risposte

746 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 GIU 2013

Cara Francesca,
la situazione che descrive è molto intensa e, per quanto possa sembrarle strano, anche molto comune nella vita di un adolescente. Questo è il periodo in cui si fanno le scoperte più belle, in cui i sentimenti sembrano soffocanti e in cui un rifiuto sembra insopportabile. So che la sola cosa che vorrebbe sentire è che ci sarà un lieto fine fra lei e la professoressa, ma col passare del tempo si renderà conto che non è la cosa giusta. Il dolore che prova adesso resterà per un po', ma non per sempre e, quando se ne accorgerà, tutto l'amaro che c'è oggi lascerà il posto al dolce ricordo di una persona che l'ha aiutata in un momento in cui ne aveva bisogno.
Le faccio un grande in bocca al lupo per gli esami e per l'inizio di una nuova vita.

Dott.ssa Enrica Passeri

Dott.ssa Enrica Passeri - Psicologa, Sessuologa Psicologo a Udine

3 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 GIU 2013

Cara Francesca,
mi sembra che tu rientri nell'esigua cerchia di fortunate studentesse (ti garantisco che siete veramente in poche!) che nel proprio percorso scolastico abbiano incontrato una docente attenta, preparata e sensibile. Nel tuo caso le docenti sono state addirittura due (prof. di matematica e di inglese)! Fin qui tutto bene, ma la difficoltà sorge in merito alla modalità che tu hai di intendere e gestire l'amore. Mi vengono in mente termini come “esclusivo, assoluto, possessivo”, è pur vero che frequentemente in giovane età si tende a viversi le relazioni in maniera esclusiva, assoluta e possessiva, appunto. In questo caso ti sei “legata” ad una persona che appare essere matura nel vivere la relazione, per cui l'impatto per te è stato cogente, in quanto ti ha dimostrato come possa esserci affetto, stima e amicizia pur mantenendo una certa distanza. Il piangere continuo, gli episodi di autolesionismo e il sentimento di tradimento e forse anche di abbandono hanno preso il sopravvento e non ti hanno consentito di apprezzare il versante costruttivo di questa relazione. Vorrei, inoltre, rassicurarti che l'”amore che hai coltivato” non muore e non morirà mai poiché è ciò che contribuisce a farti crescere e maturare, se però questo sentimento di disagio è tale che non riesci a gestirlo in maniera costruttiva da sola, ti consiglio di rivolgerti ad un collega per delle consulenze psicologiche che possano facilitarti nel trovare la serenità e nel comprendere il motivo per cui una relazione che avrebbe dovuto/potuto arricchirti e lasciarti carica di fiducia e di belle speranze ti abbia invece così tanto destabilizzato.
Cordialmente
Dott.ssa Mariella Genovese psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Mariella Genovese Psicologo a Reggio Calabria

44 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86900

Risposte