Frequenti pensieri suicidi, come bloccarli?

Inviata da Ele · 16 nov 2016 Depressione

Buonasera,
scrivo in merito a un flusso sempre più frequente di pensieri suicidi che mi sta colpendo.
Ho 27 anni e non ho avuto una vita facile. Da bambina ho avuto un padre drogato e violento che picchiava mia madre e ha picchiato anche me dai 4 ai 7 anni, quando è morto d’infarto. Mia madre ha sempre lavorato per cui sono cresciuta quasi sempre da sola e davanti alla tv, faticando a socializzare e ho subito bullismo fino alla terza media/prima superiore. Quando avevo vent’anni, mia madre ha conosciuto un uomo e ha cambiato città, avevamo un rapporto molto stretto, ma si è incrinato a causa sua dato che a lui non piacevo e mi ha spesso insultata e ha cercato di tenerci lontane. Con il tempo questa situazione si è rasserenata e ora andiamo d’accordo, ma non passo un Natale con mia madre dal 2008. Per tutta la vita e tuttora ci sono stati grandi problemi economici, ho faticato molto a trovare una mia strada tanto che ho cambiato 4 università prima di riuscire a portarne a termine una e ho cambiato quasi 15 lavori. Attualmente sono precaria, e vivo con mia nonna. Ho sofferto anche di disturbi alimentari. Non ho molti amici, ma ho svariate passioni che cerco di portare avanti con alti e bassi. Dal punto di vista sentimentale sono sempre stata molto sfortunata tanto che ho avuto una relazione solo a 25 anni, e quest’anno sono stata lasciata da questa persona da un giorno all’altro, soffrendo molto. Ho sempre e solo trovato persone interessate per pochissimo che poi sparivano o mi lasciavano per un’altra e ho ricevuto pochissime carezze e abbracci e nell’intimità non raggiungo praticamente mia l’orgasmo. Malgrado tutto questo sono sempre stata una persona molto incline a reagire e non mi son mai lasciata abbattere per più di qualche attimo e dopo ogni delusione o problema ho sempre alzato la testa. Da ottobre tuttavia, dopo una serie di delusioni sentimentali pesanti (forte sentimento per una persona che da un giorno all’altro mi ha detto di essere presa da un’altra a seguito di una serie di altre delusioni precedenti), mi sono ritrovata a fare pensieri suicidi, a faticare a pensare al futuro e a vedere tutto buio. Pensavo che fosse solo un sentimento momentaneo e difatti sembrava essersi attenuato. Mi era capitato di essere ancora giù, ma non di avere di nuovo quei pensieri. Purtroppo però negli ultimi giorni questi pensieri sono tornati e stanno iniziare a diventare molto pesanti. Fatico a portare avanti una delle mie più grandi passioni da 15 anni, ovvero la scrittura e provo anche una grande noia generalizzata, questo anche perché negli ultimi tempi non esco molto (non per scelta ma perché le persone che frequentano hanno troppo spesso altro da fare) e le uscite che ho fatto sono state con persone che a loro volta mi hanno un po’ deluso. Non riesco più a vedere una speranza per il futuro e a parte dei momenti in cui ritrovo la speranza e sono abbastanza serena, ce ne sono molti altri bui.
Dato che fondamentalmente non voglio suicidarmi, ma ci sto pensando troppo spesso, vorrei avere qualche suggerimento su cosa fare per scacciare questo fosco pensiero e andare avanti ritrovando un po’ di serenità. So che capire da dove deriva questo malessere è un percorso lungo e sicuramente potrebbe essere legato al mio tenermi spesso la rabbia dentro e non esternarla quasi mai e al bisogno d’amore che è stato deluso, ma intanto vorrei trovare dei modi per stare meglio mentre cerco di fare un percorso che mi aiuti a capire.
Grazie dell’attenzione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 NOV 2016

Gentile Ele
la sua storia è davvero toccante e mi rendo conto che le difficoltà sono state tante. Credo però che la sua sofferenza stia cercando un modo per essere convertita e incanalata in un progetto più sano e gratificante per lei.
È giovane ed ha ancora tutta una vita davanti a sè: cerchi di vedere i suoi pensieri suicidi in senso metaforico, cioè far morire la Ele che ha vissuto fino ad oggi per farne rinascere un'altra meno confusa sul da farsi (visto che ha cambiato diverse facoltà e lavori), più proiettata sul futuro e soprattutto più attenta al proprio bene.
La sua dignità se l'è conquistata duramente per tutta la vita: ne faccia tesoro.
Le emozioni non vanno mai represse, ma sempre ascoltate e comprese. Esse sprigionano sempre energia, sia che si tratti di gioia o di tristezza, di rabbia o di delusione, paura o altro ancora: utilizzi queste energie per cercare un progetto di vita che le piaccia e che la soddisfi, e si impegni per realizzarlo. Impari a volersi bene e ad apprezzare tutte le qualità che ha dimostrato di avere.
Mi rendo conto che non è affatto facile ed è per questo che le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta che possa aiutarla in questo percorso.
Resto a disposizione e le auguro tutto il bene
Cordialmente

D.ssa Cristina Giacomelli
Lanciano (CH) - Pescara

Dr.ssa Cristina Giacomelli Psicologo a Lanciano

294 Risposte

555 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 NOV 2016

Cara Ele,
mi sono dispiaciuto nel leggere la tua storia di vita abbastanza sfortunata ma mi sono anche rincuorato per la tua forza d'animo e per le risorse che pure hai mostrato di avere.
Capisco il tuo bisogno di amare ed essere amata ma devi partire da te nel senso di cominciare ad amare te stessa e la tua vita nonostante i periodi negativi trascorsi e ciò, ovviamente, è incompatibile con pensieri di suicidio.
Come forse sei già pronta a fare, ti consiglio vivamente di iniziare quanto prima un percorso di psicoterapia che ti potrà offrire accoglienza, conforto e strategie per migliorare il tuo livello di autostima.
Nel frattempo posso solo assicurarti, anche per esperienza personale, che il tono dell'umore va soggetto ad oscillazioni continue, anche giornaliere ed anche senza motivi specifici.
Pertanto, quando ti senti troppo giù col morale e fai pensieri e fantasie di suicidio, devi avere la "CERTEZZA" che non sarà sempre così e che domani (o più in là) di sicuro starai meglio e ti sentirai di affrontare le difficoltà che ti sembrano troppo grandi oggi.
Questo è un dato di fatto che può allontanare la disperazione (hopelessness) e quindi può allontanare il pensiero del suicidio come avrai già potuto sperimentare e dovrebbe diventare per te un postulato di vita ed una risorsa fondamentale da tenere sempre a mente.
Una volta che, con l'aiuto della psicoterapia sarà cresciuta la tua autostima, ci sarà sempre meno spazio per questi pensieri negativi e sempre più spazio per apprezzare le cose belle della vita come ad es. le passioni a cui hai fatto cenno.
In ultimo, a proposito dell'anorgasmia, volevo poi dirti che è spiegabile se accetti dei rapporti sessuali dentro relazioni che senti non autentiche e poco equilibrate per un tuo possibile senso di inferiorità e/o disistima ma anche questo problema può venire a soluzione con la psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7088 Risposte

20217 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 NOV 2016

Buongiorno Elena, sei certamente una ragazza molto forte, che ha sempre cercato di reagire alle sofferenze, ai forti traumi subiti. In effetti questa tua modalità di reagire 'mandando giù' ogni delusione, e proseguendo a testa alta, fa sì che si sia accumulato dentro di te una gran quantità di dolore, non elaborato... a un certo, per qualche motivo, è come se una parte di te avesse acceso la luce in quel luogo rimasto oscuro per troppo tempo, ed avesse fatto emergere da quel groviglio di dolore, un bisogno, quello di mettere ordine dentro di te, di tirare i fili della matassa ed elaborare successivamente ogni trauma passato, ogni dolore, ogni mancanza, ogni vuoto passato, e presente... Credo tu abbia già intrapreso un percorso terapeutico. Il mio consiglio è quello di proseguirlo, di essere fiduciosa verso la possibilità di poter intravedere, in questo momento per te buio, la luce....

Dott.ssa Raffaella Deamici Psicologo a Milano

17 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 NOV 2016

Cara Elena, ti capisco benissimo. Ti è mancata la famiglia e il supporto materno, oltre quello paterno, proprio quando ne avevi più bisogno. Nonostante quello che si dice, la famiglia è importantissima per strutturare la personalità dei figli e prepararli ad affrontare il mondo esterno. Mondo, persone, società con i quali fai fatica a rapportarti... sei in ogni caso una ragazza forte e in gamba che fino adesso è riuscita ad andare avanti bene. In questo momento, magari di particolare fragilità, hai bisogno di un supporto psicologico che in qualche modi ti aiuti e ti supporti. Rivolgiti con fiducia alla ASL più vicina a te chiedendo un colloquio con una psicologa. Fatti aiutare, ognuno di noi, nei vari momenti della vita ha bisogno di sostegno e aiuto. Coraggio e auguri dr. Annalisa Lo Monaco

Dott.ssa Annalisa Lo Monaco Psicologo a Roma

551 Risposte

799 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 NOV 2016

Cara Elena, i pensieri suicidarsi e la mancanza di speranza nel futuro sono espressione di un forte dolore e trovano un senso all'interno di questa cornice.
Non esiste un modo per bloccarli ma ci sono modi per poterli elaborare. In questo senso la inviterei a considerare una terapia personale. Nel caso la spesa economica prevista fosse eccessiva può rivolgersi a servizi territoriali o psicologi che applicano particolari tariffe convenzionate per coloro che non riescono a sostenere il coato di una terapia a prezzo pieno.
Rimango a disposizione.
Cordialmente,

Annalisa Anni
Psicologa Psicoterapeuta Padova

Dott.ssa Annalisa Anni Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Padova

505 Risposte

923 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86850

Risposte