Dubbi orientamento sessuale: cosa sono?

Inviata da Alessandro · 30 giu 2018 Orientamento sessuale

Salve,
sono un ragazzo di 19 anni, studente universitario da poco. Le faccio un riassunto del mio carattere: timido, introverso in casa estroverso fuori con chi ho confidenza ovviamente, mi piace essere guardato da tutti indistintamente (in realtà più dalle ragazze ma non disdegno complimenti da nessuno) socievole e sociale, tengo molto agli amici, sono ansioso e forse pure un po' ipocondriaco (ma quest'ultimo punto sto cercando da solo con forza e determinazione di eliminarlo e di godermi la vita, non è facile ma diciamo che è diminuito come fenomeno).

Non ho mai avuto una fidanzata, mi ricordo che a 14 anni c'era una ragazza interessata a me e io accettai a conoscerla, messaggi, cuoricini e cose così, il mio problema qual era? Ero timido, avevo e ho ancora paura di essere giudicato dagli altri qualora mi fidanzassi e non ne capisco il motivo, tant'è che questa ragazza mi disse: "mi ha detto tuo cugino che tu molto probabilmente sei timido" e dopo un po' cominciammo a baciarci e io ebbi anche un'erezione e (se non ricordo male) nella mente avevo anche altre intenzioni. Dopo questa esperienza il nulla. Alcune volte ci ripenso e dico: mah, forse un po' sono stato fesso.

Mi sono sempre chiesto: perchè alcuni ragazzi quando vedono quelle donne strafighe su internet hanno reazioni spropositate mentre io no? Però ad esempio quando dal vivo vedo una bellissima ragazza dico: "mamma mia quant'è bella, ha un viso d'angelo, questa la tratterei come una regina" sì perchè io faccio una distinzione: ci sono le BONE e le BELLE (le prime da notte e via, le seconde appunto da trattare bene, le donne vanno trattate bene a prescindere, ma intendo questo come rapporto serio)

A 13/14 anni si sa che si comincia a navigare sul lato oscuro del web, siti hard, ecc, cosa che io ho fatto e non me ne vergogno a dirlo né tantomeno la prima volta che mi sono masturbato perchè volevo provare. Ecco, quando andavo su questi siti a quell'età provavo subito erezione (ovviamente video etero o al massimo lesbiche) mentre adesso no: perchè mai? La mia ansia forse ha portato ad una masturbazione compulsiva che abbia fatto calare il desiderio?

Ho iniziato questo percorso universitario, ho amici, tre amiche, conoscenti, insomma mi trovo bene ma non ho mai concluso nulla perchè ho paura ad approcciarmi, non so come fare. Magari a differenza degli altri che appena vedono una strafiga sul web io invece voglio parlarci con la ragazza, stare attaccato, affezionarmi, scherzarci, farle dei massaggi (mi riesce bene e qualche volta quando lo feci ad una avevo sempre un'erezione) e insomma, starci insieme. Parecchie volte facendo così mi è rimasta impresso qualche volto femminile e non smettevo di pensarci. Faccio un esempio: quando mi fisso su una ragazza, pur non conoscendola, e magari solamente dicendoci "ciao" in quel caso mi rimane in mente e provo subito gelosia se vedo che lei si abbraccia a qualcuno o parla con altri pur non conoscendola approfonditamente! Con i ragazzi e miei amici non ho mai avuto questi comportamenti, ciò non toglie che non ho problemi nel dire "ah, sì, è un bel ragazzo" e alcune volte butto l'occhio sul viso e questa cosa mi lascia sempre il punto interrogativo: cosa sono?
Nel gruppo di amici c'è una ragazza che ormai non è più fidanzata ma comunque io cercavo ogni tanto il contatto (pur lei abbia detto esplicitamente a tutti di non voler fidanzarsi per non rovinare nessun rapporto, giusto così) e alcune volte avevo un'erezione anche in questo caso.
Oggi mi si era attaccata sotto braccio e alcune volte poggiava la sua testa sulla mia spalla e mi piaceva molto quando faceva così tant'è che alcune volte tendo ad avvicinarmi per cercarne il contatto (senza esagerare per evitare che lei si arrabbi).
In breve: la mia paura nell'essere omosessuale (pur rispettando tutti, bisex, trans, ecc) nasce anche da quando lessi la parola "digit ratio" che consiste in breve nell'analizzare la lunghezza dell'indice e dell'anulare: gli uomini hanno l'anulare lungo e l'indice corto, più testosterone meno endogeni. Ebbene io il contrario. Da lì mi è crollato il mondo. Ovviamente so che l'orientamento non è solo etero-omo-bisex ma ci sono tante sfaccettature e fin quando non si prova ad esplorare non si sa quello che piace soprattutto nei casi in cui non si è mai stati fidanzati. Ma insomma, a quest'eta credo sia normale essere confusi, il problema di fondo è: sono o non lo sono? E se non lo sono perchè non sono mai stato fidanzato? E se lo fossi?

Forse, come lessi su un sito web che ha sempre come argomenti i consulti psicologici online (Non faccio nomi) bisogna guardare il menù ma non solo guardarlo, anche assaggiarlo per scoprire cosa piace e cosa non piace. Questa cosa mi ha fatto ridere ma anche pensare.
A proposito, cosa ne pensate della sessualità fluida?

Mi scuso per il lungo discorso,
A.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 LUG 2018

Buongiorno Alessandro,
alla sua età si possono avere ancora idee confuse relativamente al proprio orientamento sessuale e provare contemporaneamente emozioni contrastanti per ambo i sessi.
Da quanto scrive, tuttavia, io penso che il suo disagio non sia esclusivamente legato alla sfera sessuale, ma coinvolga le modalità relazionali ed affettive in generale.
Un percorso psicologico che permetta una maggiore conoscenza di se stesso e l’individuazione di eventuali dinamiche disfunzionali, potrebbe aiutarla ad affrontare questa fase conflittuale.
Cordiali saluti
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1360 Risposte

1237 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 LUG 2018

Caro Alessandro, non posso dirti io qual è il tuo orientamento sessuale...aspetto del resto molto complesso, e che va consolidandosi piano piano. Mi colpisce che ti definisci aperto e socievole fuori casa, e chiuso e introverso dentro...chissà che mondi si aprirebbero su te stesso e il tuo modo di entrare in relazione solo da questo punto! Ti fai una domanda, legittima senza dubbio, che non mi pare molto calzante con ciò che di fatto vivi. Voglio dire che le tue difficoltà mi sembrano più figlie del timore di esporti, della paura di sbagliare, fallire o di avere un rifiuto che del tuo orientamento sessuale...ti torna qualcosa? chiaramente non ti conosco e le mie sono solo ipotesi in base alle poche righe che scrivi. Potrebbe essere una buona strada fare un percorso psicologico per conoscerti meglio, nel tuo orientamento sessuale e non.
Auguri di cuore, Dott.ssa Daniela Cannistrà.

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

263 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Altre domande su Orientamento sessuale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17400

psicologi

domande 25600

domande

Risposte 90200

Risposte