Come posso perdonare e perdonarmi?

Inviata da Anonimo · 21 dic 2016 Depressione

Salve,
Ringrazio anticipatamente chi avrà tempo di leggere e rispondere alla mia domanda.

Brevemente:
Ho 27 anni. In passato ho avuto 10 anni di problemi alimentari (bulimia), episodi depressivi molto gravi (ho passato anche un mese a letto senza uscire ne' lavarmi), ho fatto abuso di sostanze, ho avuto condotte autolesioniste, ho fatto insomma una marea di cazzate. Ho buttato un sacco di tempo.

Sono andata da tanti psicologi negli ultimi 10 anni, mandata dai miei e poi di mia spontanea volontà, ho fatto meditazione, Taiji, esercizi di respirazione, ho compilato libri di auto-aiuto.

Ora, direi che non mi si potrebbe ficcare in nessuna sopracitata categoria di disturbi, studio, lavoro e a parte qualche bevuta occasionale un po' troppo selvaggia, non mi faccio del male.
Sono sana insomma... ma sto male.

Non riesco a perdonare i miei genitori per essere stati ciechi e non avermi saputo aiutare, non riesco a perdonare me stessa, non riesco a perdonare un uomo alla quale mi ero "affidata" e che mi ha soltanto manipolato.
Non riesco a perdonare niente e nessuno.

Sono una persona irritabile, sono sempre incazzata, tutto mi viene a noia e non riesco a stare con le persone per troppo tempo senza che inizi a provare un senso di fastidio talmente forte da dover "prendere una pausa" da queste stesse persone.

Sono rigida e intollerante. Ho paura di diventare una persona odiosa, condannata per sempre ad avere solo rapporti a "distanza di sicurezza".

In più, questi pensieri depressivi e questa rabbia tornano ad ondate rendendo alcune giornate pesantissime da affrontare.

E' come se tentassi di procedere ed andare avanti avendo tutt'intorno dei tentacoli che tentano di trascinarmi di nuovo nel pantano in cui vivevo.

Cosa posso fare? Io penso di aver sviscerato già tutto del mio passato. Le cause le so ma sono ancora schiava di non so cosa.
Certi giorni mi sento talmente male, bloccata, sconnessa ed incapace, da pensare che forse sarebbe molto meglio morire che dover continuamente lottare per stare bene.

Vorrei iniziare una terapia. Che terapia mi consigliate? Cosa posso fare?

Grazie mille

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 23 DIC 2016

Gentile Ambra,
credo che in 10 anni sei andata da tanti psicologi ma molto probabilmente in modo sporadico sicchè pur avendo compreso, come dici, le cause dei tuoi problemi, in realtà non hai mai fatto a tutt'oggi una vera psicoterapia che noi chiamiamo "di ristrutturazione".
E' solo questa che ti potrà dare in seguito lo spessore e la possibilità di perdonare e perdonarti, altrimenti continuerai a covare odio per i tuoi genitori e incapacità di coltivare una relazione sentimentale stabile e gratificante.
Non scoraggiarti ed inizia un percorso di psicoterapia (magari preferibilmente psicodinamica) ma con l'accorgimento di portarla avanti per il tempo necessario seguendo il consiglio del tuo terapeuta.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6918 Risposte

19228 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 DIC 2016

Gentile Ambra, penso che dopo tutto questo faticoso percorso, potrebbe affrontare la sua paura a stare in una relazione. Sicuramente si è impegnata molto e sa molte cose di se stessa. Ora potrebbe affrontare con uno psicoterapeuta meglio un orientamento psicoanalitico tutt'e le sue emozioni negative.

Dott.ssa Marisa Di Persio Psicologo a Pescara

51 Risposte

17 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 DIC 2016

Cara Ambra,
la sua lettera mi ha molto colpita. Lei è molto giovane, ma ha già passato molti momenti difficili. Io non le posso dare consigli particolari, ma le posso dire quali cose ha smosso in me la sua lettera ed è un ascolto che mi torna utile anche in terapia con i miei pazienti. Io penso che lei abbia incamerato tanta, troppa rabbia. E' una rabbia molto profonda e molto antica, che ogni tanto riemerge negli stati d'animo che lei ha descritto, ma che se non viene aiutata a far uscire, nel modo giusto, rimane dentro di lei, se la magia e si trasforma in depressione. Inoltre queste emozioni la possono condizionare nel non riuscire più a fidarsi degli altri ed a percepirsi sempre più sola.
Se ce la fa ad intraprendere ancora una terapia, tanto di cappello, ma io le consiglierei un orientamento non cognitivo (basato solo sul pensiero) ma più corporeo ed emozionale, come ad esempio la terapia gestalt.
Quali sogni fa? Se ha voglia, mi scriva i suoi sogni (ricorrenti, che ricorda, uno recente che l'ha colpita...) e io proverò a risponderle.

Cara Ambra, le auguro il meglio possibile, tanti cari auguri
dott.ssa Marta Lanza

Dott.ssa Marta Lanza Psicologo a Padova

9 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 DIC 2016

Salve Ambra,
Le emozioni che descrive sono normali e spesso sono gli ultimi aspetti su cui lavorare un po' in psicoterapia per lasciare il passato nel passato e andare avanti.
Dopo tanto lavoro su di sé, forse ha compreso già molti aspetti della sua storia, ma se c'è ancora della rabbia varrebbe la pena comprenderne le ragioni prima di lasciarla andare. Le emozioni sono sempre legittime e spesso ci segnalano che qualcosa di importante per noi non sta andando come vorremmo e di solito è utile ascoltarle.

Lavorando sulla rabbia, l'accettazione e il "perdono" arriveranno da sé.

L'EMDR è un buon metodo terapeutico per lavorare su eventi del passato e per elaborarli in modo più completo, può provare ad informarsi per un terapeuta EMDR nella sua zona.

A disposizione per riferimenti o chiarimenti,
Buona giornata.

Camilla Marzocchi
Bologna

Dott.ssa Camilla Marzocchi Psicologo a Bologna

341 Risposte

174 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 DIC 2016

Cara Ambra
il perdono è l'ultimo tassello di percorso interiore e lei di passi in avanti ne ha fatti davvero tanti.
Iniziare un nuovo percorso credo sia una buona idea, in modo che lei possa risolvere anche quelle dinamiche rimaste in sospeso. Le consiglio assolutamente una psicoterapia psicodinamica (analitica). Nel caso l'abbia già fatta, potrebbe ricontattare il terapeuta a cui si è rivolta in precedenza.
Cordialmente

Dr.ssa Cristina Giacomelli
Lanciano (CH) - Pescara

Dr.ssa Cristina Giacomelli Psicologo a Lanciano

294 Risposte

552 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 DIC 2016

Gentile Ambra,
riprendere una terapia sembrerebbe il modo giusto per iniziare a rispondere alla sua domanda sul perdono.
Dal momento che scrive di averne già esperienza, posso suggerire di tornare da un terapeuta con cui si è trovata bene in passato, magari da uno di quelli scelti da lei personalmente. Poca importanza ha il tipo di orientamento teorico, soprattutto in questo caso mi sembra importante costruire una buona relazione terapeutica.
Tanti auguri e saluti.
Dott.ssa Cinzia Beluardo

Dott.ssa Beluardo Cinzia Psicologo a Torino

26 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16500

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84100

Risposte