3 anni e rifiuta il padre

Inviata da marianto · 2 gen 2015 Psicologia infantile

Buongiorno, sono la mamma di due bambini 9 e 3 anni: il più piccolo rifiuta il padre. se si avvicina urla come un pazzo, non vuole farsi toccare dal papà e piange disperato se lo lascio a casa con lui anche se c'è il fratello più grande. Il papà, ovvero mio marito, non ha un gran rapporto con il piccolo: se piange o fa i capricci lo manda da me, non si occupa del piccolo in generale, non gli ha mai fatto i bagnetto, lo ha cambiato solo 3 o 4 volte in tre anni, lo porta fuori raramente e se lo fa lo porta al bar. Per quiete famigliare non forzo mio marito perché purtroppo sarebbe motivo di discussione continua e quindi alla fine sono io che faccio tutto in casa e con i figli. Il papà occupa il suo tempo "casalingo" a giocare con i computer o play station e si accorge di avere dei figli solo quando vuole/pretende un bacio o un abbraccio che il piccolo vuole dargli né il grande vorrebbe ma per compiacere il papà si adegua. Cosa ho sbagliato loro ?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 2 GEN 2015

Salve, la sensazione che ho avvertito leggendo le sue parole è di rassegnazione e rabbia. Non emerge il rapporto che c'è con suo marito ma sembra che anche tra voi ci sia quella distanza che descrive tra padre e figlio. Forse una maggiore vicinanza emotiva, affettiva e comunicativa tra voi porterebbe di riflesso un miglioramento nel rapporto tra i vostri figli e il padre...
Dott.ssa Paola Daddi (psicologa, psicoterapeuta, Livorno)

Dott.ssa Paola Daddi Psicologo a Livorno

1 Risposta

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 GEN 2015

Gentile Marianto, lei dice che è il bimbo a rifiutare il padre ma forse dovrebbe dire che è il padre che non accoglie il figlio. Descrive un uomo che sembrerebbe poco orientato verso il bimbo (e verso di lei) e più centrato su di sè. Mi sono chiesto quale sia il modo di gestire le incombenze (compresi i figli) che la vostra coppia ha. Penso sia (quasi) tutto sulle sue spalle compresa la relazione con i bambini. Lei si prende delle responsabilità che sono di suo marito e della coppia. Potreste farvi aiutare con un percorso sulla genitorialità per entrambi. Auguri

Alessandro Degasperi Psicologo a Trento

91 Risposte

56 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 GEN 2015

Gentile Signora
la descrizione che lei fa di suo marito è quella di un adolescente irresponsabile....
stando così le cose (e non penso che lei si sia inventata nulla) è ovvio che lei sia carica di impegni e di responsabilità circa i suoi figli e però, per il loro bene, cerca, comunque, di mantenere la pace.
Lei, è ammirevole in questo e nel cercare di accettare suo marito per quello che è, ma il piccolo, che non ha strutture sociali o quanto altro in testa, agisce d'istinto e sentendo il Babbo lontano, si allontana lui stesso in quanto non c'è rapporto vero!
Diciamo che il bimbo è la "spia accesa" di qualcosa che non và in famiglia.
In questo senso è importante che questa "lucina rossa",che segnala una Disfunzione familiare, sia accolta e magari serva anche a suo marito per una comprensione più profonda della realtà.
Ne parli con lui, molto serenamente, e chieda a lui di essere molto più presente e coinvolto nei ruoli familiari.
Forse l'aiuto di uno Psicoterapeuta di coppia può essere fondamentale.
Cari Auguri
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7031 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 GEN 2015

Cara Signora,
bisognerebbe capire il perchè di questo comportamento del papà nei confronti del bimbo.
La reazione che il piccolo dimostra , a mio parere, è in linea con l'accudimento che non senti di avere da parte del papà. Lavorando sul loro rapporto- e quindi lavorando con suo marito- molto probabilmente questo potrebbe migliorare tantissimo.
Le consiglierei quindi di parlare con suo marito e capire il perchè del suo comportamento ed invitarlo a considerare l'idea di recarsi da uno specialista nella sua città che possa aiutarlo e sostenerlo a scoprire la gioia di essere padre e le responsabilità che ne derivano.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa, Torino

Dott.ssa Valentina Mossa Psicologo a Torino

159 Risposte

255 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24700

domande

Risposte 88200

Risposte