24 anni senza aver concluso nulla

Inviata da Daniele · 20 apr 2020 Depressione

Buongiorno,
Vi contatto perché ho veramente bisogno di aiuto, in quanto credo di soffrire di depressione. Tutto è cominciato 8 anni fa, anche se in maniera lieve per poi esplodere 5 anni fa quando ho terminato la scuola. In pratica, al secondo anno delle superiori ho cominciato a chiedermi come volessi vivere la mia vita nel futuro, ma non riuscivo a venirne a capo. Immaginavo mille scenari diversi e cercavo di capire che cosa volevo dalla vita. La scuola che stavo facendo non mi interessava neanche, ma ho scelto in base a quello che poteva essere un mio interesse, senza sapere che invece mi faceva letteralmente schifo. Se potessi ritornare indietro avrei scelto di cambiare scuola e invece per qualche ragione non l’ho fatto. Forse perché non sapevo cosa altro proprio potevo fare. Da quel momento ho sentito che tutto il mio mondo si stava lentamente sgretolando. Se fino al giorno primo ero allegro, entusiasta e solare, il giorno dopo ero sempre felice ma in qualche modo sconfortato. Sentivo un vuoto dentro di me, sapevo che la mia vita era senza senso. Decisi quindi di rimandare questa domanda più in là, sempre più in là. E più si avvicinava il momento di terminare la scuola, più sentivo nella mia testa una voce che voleva dirmi “Cosa farai dopo”. Sapevo solo che a 19 anni avrei voluto trovare un lavoro e ricominciare una vita nuova, anche perché gli ultimi anni di scuola sono stati difficili da superare e volevo solo ricominciare da zero. Avevo già organizzato tutto. Avrei trovato un lavoro, sarei rimasto a fare quel lavoro(non sapevo cosa fare esattamente, ma immaginavo di iniziare come cameriere o barista)per almeno 2 anni e avrei preso quel periodo di tempo per riflettere su cosa volevo veramente. A 21 anni avrei voluto lasciare quel lavoro e partire magari in un’altra città per ripartire secondo quello che mi sentivo di fare. Volevo essere indipendente e pensare a me ma purtroppo non è andata per niente in questo modo. A causa del fatto che non avevo esperienza e ovviamente della crisi non ho trovato uno straccio di lavoro. Nel giro di pochi mesi sono caduto così in depressione che non avevo più voglia di fare niente. Ho smesso di fare qualunque cosa, anche quelle che mi piacevano, perché le trovavo inutili. Cercare il lavoro era diventato saltuario, solo quando mi andava praticamente con pochi sforzi. Ho cercato di fare qualsiasi cosa per cambiare la situazione, ma mi rendevo conto che qualunque cosa provassi a fare non mi andava bene. Niente stava andando come volevo. Finalmente ho trovato un lavoro l’anno scorso a 23 anni, ma solo per un periodo limitato. All'inizio ero contento, ma quando ho cominciato mi sono reso conto che stavo sbagliando tutto, non era quello che volevo, le cose non andavano come volevo. Dopo 3 mesi ho finito quel lavoro e non avevo voglia di ricominciare a cercarlo così mi sono di nuovo abbandonato per un po’ finché non mi sono stancato. Ne ho trovato subito un altro, ma per via della quarantena e stato rimandato a data da destinarsi,insomma , ho perso tempo e ora mi ritrovo a casa senza far niente. Sto cercando di trovare lavoro per una stagione, magari in qualche località turistica, perché vorrei provare a distanziarmi dal mio paese e anche per assaporare un po’ di libertà da casa dei miei, ma per ora solo una persona mi ha chiamato perché interessato a me, ma anche lui sta aspettando che finisca la quarantena per vedere di organizzare un colloquio. Insomma, sono arrivato a 24 anni, 5 anni dopo e non ho concluso niente, sono così stanco di questa situazione che non so più cosa fare. Io ho sempre pensato che arrivato a 21 anni me ne sarei andato lontano da casa, in un’altra città a provvedere da solo a me e alla mia vita, magari anche all'estero, in Inghilterra, dato che mi piace l’inglese ecc ..., ma di tutte queste cose non sono riuscito a fare niente. Nemmeno un piccolo cambiamento. La mia domanda è perché non riesco a capire bene cosa voglio dalla vita e dove voglio andare? Perché non riesco a venirne a capo? Come faccio a uscire da questa situazione? Sento che non ho più il controllo della mia vita. Non riesco più a decidere niente sono confuso. Ogni decisione che prendo o non mi piace o non sono convinto che sia quello che devo fare per andare dove vorrei. Insomma vorrei solo trovare un modo per capire come fare perché dopo 5 anni sono stanco. Ringrazio chi mi risponderà.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 23 APR 2020

Ciao Daniele , mi sembra che la tua difficoltà sia esattamente come una sirena accesa che ti vorrebbe comunicare qualcosa . Prima di proseguire , occorre che tu sistemi qualcosa e comprendi alcuni aspetti di te . Vedi , i meccanismi di autosabotaggio (non trovare lavoro, vivere aspettando, la sensazione di perdere tempo) non sono assolutamente perché non vali niente o perdi tempo ...ma sono modo che il tuo inconscio ti comunica che prima di crescere e imparare a prendere decisioni devi coltivare e sviluppare i tuoi “attrezzi” da lavoro.

Ti consiglio di iniziare un percorso di psicoterapia per comprendere meglio i meccanismi che stanno alla base del tuo funzionamento , scoprirai tantissimi aspetti utili !

Ti abbraccio

Dott.ssa Alice Perotti Psicologo a Piacenza

34 Risposte

19 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 APR 2020

Buongiorno Daniele, questa sensazione di perdita di controllo della propria vita lei se ho ben compreso la fa partire dalla tarda adolescenza. Mi viene allora da domandarle in cosa da ragazzino si sentiva di avere il controllo? Com’era lei da piccolo?che ricordi ha della sua giovinezza? Non esiste meta raggiungibile senza base su cui appoggiarsi solidamente e cominciare il proprio piano di vita. Partendo dal presupposto che nessuno psicologo potrà mai decidere cosa è meglio per lei le suggerisco comunque di cercare magari in famiglia se le è possibile un aiuto per poter trovare la forza di Intraprendere un percorso psicologico. Se al momento non le fosse possibile provi a rivolgersi ai vari supporti psicologici telefonici che sono nati per mitigare la situazione di emergenza che ognuno di noi sta vivendo. Non sono psicoterapie ma nel frattempo potrebbero alleggerirle il carico.

Rimango a disposizione per eventuali chiarimenti.
Saluti

Dott.re Lorenzetto Claudio Psicologo a Ferrara

360 Risposte

122 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101200

Risposte