Troppa attenzione nelle nostre azioni stona

Un millepiedi aveva sempre camminato senza alcun problema per le sue terre. Un bel giorno passò di lì una formica curiosa...

18 SET 2020 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Troppa attenzione nelle nostre azioni stona

"Un millepiedi aveva sempre camminato senza alcun problema per le sue terre. Un bel giorno passò di lì una formica curiosa e chiese al mille piedi come potesse riuscire a camminare così bene senza cadere. Con tanti piedi per lei era un miracolo che non inciampasse in qualche ostacolo. Molto turbato da questa idea, il millepiedi cominciò a prestare attenzione a dove metteva ogni zampina, e in breve tempo non riuscì più a camminare" (Paul Watzlawick).

Sulla scia di tale bizzarra e simpatica storiella, provate a fare un semplice esperimento.

Focalizzate tutta la vostra attenzione nel respiro, in particolar modo ponete attenzione alla durata dell'ispirazione e dell'espirazione. Continuate con tale focalizzazione per un paio di minuti.

Che sensazione state provando?

Molto probabilmente avrete la sensazione di non riuscire più a respirare, come se vi mancasse il fiato. Questo perché quando mettiamo un'eccessiva attenzione nel mentre dell'azione, quest'ultima si altera.

Il respiro come molte altre azioni che noi svolgiamo non può essere controllato e sottoposto alla nostra coscienza, poiché, come è successo al millepiedi, si blocca perdendo il suo naturale funzionamento.

Molti dei nostri problemi nascono proprio da questo sottile ma complicato meccanismo.

Pensate ad esempio a chi inizia ad aver un ascolto attento di qualsiasi suo malessere fisico… a lungo andare, questo costante controllo potrebbe portare a sviluppare una forma di ipocondria.

O ancora, a chi cerca di controllare i propri pensieri intrusivi, cercando di cacciarli, ma in realtà così facendo genera ancora di più rimuginio; a tal proposito riflettiamo sul motto "Pensare di non pensare, è già pensare".

Continuando con gli esempi, pensate a chi davanti ad una situazione che gli crea molta ansia, inizia a focalizzarsi sui vari sintomi che possono comparire come la tachicardia, la sudorazione con l'obiettivo di sedarle: riscontrerete che al contrario, l'eccessivo controllo di questa sintomatologia porterà inevitabilmente a perdere il controllo.

Potremmo dilungarci elencando molteplici situazioni in cui la troppa attenzione nella maggior parte delle volte stona.

Ma riflettiamo assieme: tu hai mai sperimentato gli effetti di un'eccessiva attenzione nella tua esperienza?

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Silvestri Giorgia

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su autorealizzazione e orientamento personale