Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Separazione: quando i padri non vedono più i loro figli

Il 13% dei figli di genitori separati cresce senza vedere il padre. Più cresce il bambino, più rara diventa la frequenza delle relazioni.

30 GIU 2020 · Tempo di lettura: min.
Separazione: quando i padri non vedono più i loro figli

Secondo lo Studio delle relazioni familiari e intergenerazionali (E.R.F.I.) condotto da I.N.E.D. (National Institute for Demographic Studies) e I.N.S.E.E. (National Institute of Statistics and Economic Studies) nel 2010, il 13% dei bambini con genitori separati è cresciuto senza vedere il padre. E più cresce il bambino, più rara è la frequenza delle relazioni.

Questo numero aumenta con l’aumentare dell’età: al 20% tra 18 e i 21 anni, al 32% tra 30 e 34 anni. Questa distanza potrebbe essere collegata alla scomparsa del quadro giuridico. Infatti, oltre i 18 anni, non ci sono più mezzi legali per costringere il bambino a vedere suo padre. Alcuni padri a volte si allontanano quando i figli raggiungono la maggiore età, credendo di aver completato con successo il loro compito. Tutte queste cifre sono tuttavia in netto calo rispetto a quelle rilevate nel precedente studio risalente al 1994.

L'idea, però, è che la coppia di genitori dovrebbe sopravvivere alla coppia coniugale.

Interruzione del contatto

La ripartizione del contatto tra i genitori e i loro figli fa vedere come i padri siano meno avvantaggiati. Sempre secondo l' I.N.E.D., esiste effettivamente una correlazione tra il livello degli studi, la situazione professionale e il livello di reddito da una parte e l'assenza di contatto a seguito della separazione dall’altra. Si può facilmente comprendere come il livello di reddito influisca sulla qualità della relazione nella misura in cui la separazione comporta costi aggiuntivi, ad esempio i costi di trasporto. Inoltre, il padre non ha sempre una sistemazione adeguata che gli consente di accogliere suo figlio a casa. Anche la distanza geografica è un fattore, ma notiamo anche che la rottura del legame tra il bambino e suo padre è molto spesso il risultato di una separazione conflittuale tra i genitori. La qualità della relazione "post-coppia" influenza direttamente la qualità della relazione padre-figlio. Come sottolinea Caroline Kruse, consigliere coniugale e familiare di Parigi, "Il legame tra padre e figlio è molto spesso annullato a seguito di un violento conflitto tra i genitori, che si perpetua attraverso la presa in ostaggio del bambino, una separazione che non si poteva fare psichicamente tra di loro ”.

Cogenitorialità

Il principio della cogenitorialità, favorito e incoraggiato in materia di diritto di famiglia, non è sempre facile da mettere in pratica. Nel 2010, il 73,5% dei bambini è stato affidato alle cure della madre (c'è stato, tuttavia, un leggero cambiamento: erano oltre l'80% nel 2003) e al padre sono stati concessi i diritti di visita e alloggio. A seguito di una separazione, la custodia alternata con entrambi i genitori può anche essere istituita secondo le procedure stabilite dai coniugi (quando raggiungono un accordo) o direttamente dal giudice. L'alternanza promuove il mantenimento del legame, anche se deve essere riconosciuta. L'esercizio di paternità viene messo alla prova quando il padre non vive quotidianamente con il figlio.

Se il padre proviene da una coppia di genitori separati, la qualità del legame instaurato con suo padre influenzerà molto probabilmente in un modo o nell'altro il suo coinvolgimento personale con il figlio. Ma non fraintendiamoci, i padri ritenuti assenti dai loro figli non si "dimettono" sempre volontariamente.

Anche se nel 90% dei casi in cui la residenza principale è concessa alla madre, entrambi i genitori concordano con la decisione del giudice, rimangono il 10% dei padri i quali non concordano con una decisione ritenuta troppo parziale. Associazioni militanti di padri separati compaiono regolarmente al fine di lottare contro queste misure che considerano ingiuste.

Il padre, un parente?

Ciò che è particolarmente contestato dalle associazioni di padri separati è il fatto che, dopo la separazione, hanno la sensazione di diventare padri temporanei o a tempo parziale. La loro richiesta principale riguarda in particolare l'istituzione della custodia alternata come sistema di custodia a priori; questo per uno scopo più egualitario. Ritengono che la giustizia, ancora oggi, conceda maggiori privilegi alla madre.

Tuttavia, per Roland Coutanceau, specializzato in psicologia legale, non si tratta di rivendicare un diritto incondizionato per il bambino. Roland Coutanceau invita a porsi la seguente domanda: "Dovremmo applicare la custodia alternata in modo automatico in nome di questa pseudo-uguaglianza?". Dal suo punto di vista, bisognerebbe giudicare a seconda dell'età del bambino, dal momento che non si tratterebbe di una scelta sempre corretta.

Invita i padri a interrogarsi per scoprire se una tale richiesta è davvero parte della preoccupazione per il benessere del bambino o della propria. Roland Coutanceau dice: non sarebbe preferibile una domanda caso per caso, a seconda dell'età dei figli, del luogo di residenza dei genitori e dei rapporti tra ex coniugi? L'obiettivo non è quello di saccheggiare gli uomini. Se in determinate situazioni la custodia alternata non è la scelta migliore, non è necessariamente una decisione presa contro il padre, sempre convinti del fatto che per lo sviluppo e il benessere del bambino sia necessaría la presenza di entrambi i genitori.

È quindi nell'interesse dei genitori fare tutto il possibile affinché i bambini possano continuare a crescere nel modo più armonioso possibile, avendo cura di preservare il posto e il ruolo di ciascuno dei genitori nella complementarietà, anche se non vivono più sotto lo stesso tetto.

Per approndire l'argomento: clicca qui.

Articolo di Patricia Cattaneo, Conseillère Conjugale et Familiale à Grenoble pubblicato su Psychologue.net

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Bibliografia

  • « Les pères dépossédés » - Bruno Décoret- Ed° Desclée de Brouwer – 1988 – 173 p – 15,10 €
  • « Pères séparés, pères tout de même » - Bruno Décoret – Ed° Economica – 1997 – 216 p – 21 €
  • Emission de télévision : « Toute une histoire » - 21/10/2015 : « Ils ont été séparés de leurs enfants ».
  • Association « S.O.S. Papa » = Association de défense des pères en situation de divorce ou de séparation. www.sospapa.net/

Lascia un commento
1 Commenti
  • Fiorenza Torosantucci

    Sto vivendo la separazione da mio marito. Abbiamo due bimbe piccole 5 e 2 anni. Io credo che debba essere rivista la normativa che regola il diritto di visita da parte del coniuge non allocatario. Un padre che ha fatto armi e bagagli e ha di fatto abbandonato le figlie andando a vivere la sua vita lontano da casa ( in pieno lock down tra l'altro), a mio parere non deve essere chiamato neanche padre, perché sarebbe un'offesa per chi padre lo è per davvero. Ogni 15 giorni lui verrà, porterà le figlie in giro dopodiché tornerà a fare la sua vita. Questo è fare il padre? Io credo che i figli debbano essere cresciuti nella quotidianità non ogni 15 giorni. A cosa serve vedere il padre ogni due settimane? Che contributo di crescita fornisce alle bimbe questa "visita"? A mio parere è solo destabilizzante, specialmente per bimbe piccole come mia figlia che non ha la cognizione del tempo... Passerà tutti i giorni a chiedersi quando torna il padre... Per questo ogni caso di separazione, a mio parere, deve essere valutato considerando il comportamento del padre (o anche della madre) e l'età dei figli. Non si può fare un unico calderone. In questo calderone ci sono anche uomini vigliacchi che mandano all'aria matrimoni e creano traumi irreversibili ai figli, pensando solo al loro ego smisurato e sottraendosi alla loro responsabilità di padre, nel vero senso della parola.

ultimi articoli su terapia familiare